Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'identità della follia

Lezioni veneziane

Di

Editore: Rizzoli

4.3
(16)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817017124 | Isbn-13: 9788817017121 | Data di pubblicazione: 

Genere: Philosophy

Ti piace L'identità della follia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il problema dell'essere e del divenire è il problema della filosofia, dai Greci fino a oggi. In verità, la contraddizione cruciale è quella di concepire un essere che nasce dal nulla e ritorna al nulla, minando alle basi l'idea stessa del principio d'identità e di non contraddizione. In questo nuovo libro, che rielabora le lezioni del suo ultimo corso universitario, Severino aiuta il lettore a toccare i punti nevralgici del problema dell'identità nella società occidentale e nella civiltà della tecnica, in un momento in cui l'Occidente è alla ricerca delle proprie radici.
Ordina per
  • 5

    E' sorprendente la bellezza di quei pensieri che volano sull'abisso dell'Essere che fa da sfondo al Pensiero, incuranti della paura della Verità e del terrore dell'Angoscia.
    Il Destino inteso come l'apparire dell'essere sé dell'essente è la verità ultima a cui il percorso ontologico può con ...continua

    E' sorprendente la bellezza di quei pensieri che volano sull'abisso dell'Essere che fa da sfondo al Pensiero, incuranti della paura della Verità e del terrore dell'Angoscia.
    Il Destino inteso come l'apparire dell'essere sé dell'essente è la verità ultima a cui il percorso ontologico può condurre l'uomo occidentale, distruggendo la fede in un'identità che è costretta continuamente a confrontarsi con il problema del divenire-altro dell'essente. L'apparire empirico lascia il posto alla visione unificante di un'infinito ed eterno apparire trascendentale che non viene dal nulla e non si cancella nel nulla, ma immobile nella propria eternità appare e scompare all'occhio dell'interpretazione umana, essa stessa semplice apparire particolare nel mare dell'Essere.
    Di una bellezza accecante.

    ha scritto il