L'idiota

Di

Editore: Newton Compton (Grandi tascabili economici; 608)

4.4
(6268)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 479 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Russo , Francese , Spagnolo , Svedese , Greco , Catalano , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8854119237 | Isbn-13: 9788854119239 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Federigo Verdinois ; Prefazione: Mauro Martini

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Rilegato in pelle , Cofanetto , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace L'idiota?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un'umida giornata novembrina arriva a Pietroburgo il principe Lev Nikolaevic Myskin. Egli è venuto a proclamare la sua verità da 'idiota', che sovverte le tradizionali contrapposizioni tra Bene e Male, tra Amore e Odio e afferma una sua nuova Legge: quella della compassione per il dolore del prossimo. Ma a questa verità tutti si ribellano, soprattutto Nastas'ja Filippovna, donna bellissima e consapevolmente perduta che rifiuta di farsi salvare dal principe e non si sottrae al suo tragico destino, quello di finire vittima del passionale mercante Rogozin.
Ordina per
  • 4

    Sebbene sia esagerata e, decisamente, superflua l'ampiezza del romanzo, malgrado la spropositata miriade di personaggi, talvolta di poco conto e addirittura astrusi, nonostante l’esagerata dilatazione ...continua

    Sebbene sia esagerata e, decisamente, superflua l'ampiezza del romanzo, malgrado la spropositata miriade di personaggi, talvolta di poco conto e addirittura astrusi, nonostante l’esagerata dilatazione dei dialoghi e dei pettegolezzi (tipo soap) che rallentano la lettura e rendono il libro talvolta noioso e confusionario, F.D. crea uno straordinario personaggio che va al di là di ogni possibile immaginazione. Una personalità inverosimile e del tutto sconcertante che procura rabbia e dolore ma anche tanto affetto e tenerezza. In ogni caso, non si…discute!

    ha scritto il 

  • 5

    Tra Leonardo e Brunelleschi

    C’è uno scienziato chino sul microscopio del suo laboratorio, intento ad osservare un preparato. Ogni tanto regola la messa a fuoco dello strumento, cambia l’obiettivo, sposta di pochi millimetri il v ...continua

    C’è uno scienziato chino sul microscopio del suo laboratorio, intento ad osservare un preparato. Ogni tanto regola la messa a fuoco dello strumento, cambia l’obiettivo, sposta di pochi millimetri il vetrino. Sbuffa, si stropiccia gli occhi e poi li alza verso il cielo. Non è soddisfatto, c’è qualcosa che manca.
    Allora si alza. Va a cercare qualcosa tra gli scaffali, apre e chiude sportelli, rovista nei vari scomparti, poi estrae una boccetta di liquido colorato. Torna al microscopio, inforca gli occhiali, poi con una pipetta preleva con attenzione del liquido dal contenitore e ne lascia cadere una sola goccia sul preparato, quindi riprende ad osservare.
    Ora finalmente va bene, e lo scienziato un po’ guarda attraverso le lenti del microscopio e un po’ trascrive su un taccuino quello che i suoi occhi vedono.
    Lo scienziato si chiama Fëdor Dostoevskij, il preparato che sta osservando è l’umanità e la goccia caduta sul vetrino il principe Myškin.

    Una goccia importante, una sostanza in grado di cambiare le carte in tavola, di attirarle a sé con una forza magnetica. Una goccia che si chiama bellezza.
    “L’idea principale del romanzo è quella di rappresentare una natura umana pienamente bella. Non c’è niente di più difficile al mondo, e specialmente oggi. Tutti gli scrittori, non soltanto russi, ma anche tutti gli europei, che si sono accinti alla rappresentazione di un carattere bello e allo stesso tempo positivo, hanno sempre dovuto rinunciare. Giacché si tratta di un compito smisurato. Il bello è un ideale, e l’ideale – sia il nostro sia quello dell’Europa civilizzata – è ben lontano dall’essere stato elaborato.
    Al mondo c’è stato soltanto un personaggio bello e positivo, Cristo, tantoché l’apparizione di questo personaggio smisuratamente, incommensurabilmente bello costituisce naturalmente un miracolo senza fine. (Tutto il Vangelo di Giovanni è concepito in questo senso: egli trova tutto il miracolo nella sola incarnazione, nella sola apparizione del bello.) Ma mi sono spinto troppo lontano. Dirò soltanto che tra tutti i personaggi umanamente belli della letteratura cristiana il più completo e perfetto è Don Chisciotte. Ma Don Chisciotte è bello unicamente perché è allo stesso tempo ridicolo.”

    Così scrive l’autore in una lettera alla nipote Sofja Aleksandrovna Ivanova, datata gennaio 1868.
    L’Idiota è quindi un grande romanzo sulla Bellezza: quella bellezza che attrae e respinge, troppo grande, troppo potente, troppo ingombrante per poter essere compresa davvero, Bellezza simile a un veliero sul quale ci si può imbarcare ma che non possiamo pensare di governare.
    E il principe Myškin incarna questa bellezza. Un essere diverso da tutti gli altri, che vive in un mondo suo, dove le classi sociali, le convenzioni, il denaro non hanno nessuna importanza. Un uomo buono, sensibile, onesto, incapace di mentire, che agisce senza fare calcoli, che vede la bontà e la buona fede in tutti, che è attirato dalla sofferenza e che ama il suo peggior nemico. Un uomo che considera la compassione “la più importante e forse l'unica legge di vita di tutta l'umanità” al punto da portarla fino alle estreme conseguenze e che ha il dono di leggere nell’animo di quella gente che vorrebbe aiutare a vivere meglio (“scusate, principe, - dice ad un certo punto uno dei personaggi del romanzo - ma voi siete di una semplicità, di un'innocenza che neanche nell'età dell'oro, e nello stesso tempo, tutt'a un tratto, con una profondissima penetrazione psicologica, trapassate la gente da parte a parte, come una freccia”). Un uomo che in un mondo come il nostro è inesorabilmente destinato a soccombere.
    Questo per quanto riguarda il contenuto. Da un punto di vista formale possiamo osservare come nell’Idiota si realizzi alla perfezione quella polifonia di cui parla Bachitn a proposito del romanzo dostoevskijano: Parfen Rogožin, Ganja Ardalionovic, Kolja, Ippolit e soprattutto Aglaja Epančina e Nastas’ja Filippovna… la personalità di ogni personaggio emerge attraverso dialoghi e interazioni che permettono di caratterizzarli in maniera compiuta.
    Due paragoni mi ha fatto venire in mente la lettura dell’Idiota: quello tra la polifonia nella storia del romanzo e l’invenzione della prospettiva nella storia dell’arte, e quello tra lo “sfumato” leonardesco e l’attenzione che Dostoevskij dedica ai dettagli, alle contraddizioni, ai “doppi pensieri”, alla passione, al contrasto verità/bellezza, alle nuances dell’amore, alle mille pieghe dell’animo umano.

    ha scritto il 

  • 0

    Non avrei mai pensato di abbandonare la lettura di un libro di Dostoevskj, ma in questo romanzo, oltre a una lunghezza inutilmente eccessiva a base di dialoghi e monologhi dilatati al di là della mia ...continua

    Non avrei mai pensato di abbandonare la lettura di un libro di Dostoevskj, ma in questo romanzo, oltre a una lunghezza inutilmente eccessiva a base di dialoghi e monologhi dilatati al di là della mia capacità di attenzione, mi trovo di fronte a una folla di personaggi dei quali la maggior parte sin troppo ambigui e indefinibili. Forse quando Nabokov ha scritto che i personaggi di Dostoevskj sono tutti "nevrotici e lunatici" aveva letto questo romanzo.
    Ho apprezzato "Delitto e castigo", "Memorie dal sottosuolo", "Il giocatore" e "Notti bianche", ma questo altro classico del grande autore russo proprio non l'ho digerito. Per mia fortuna sono solo un comune lettore e non un critico letterario e posso dichiarare apertamente anche sacrilegi del genere.

    ha scritto il 

  • 5

    Un punto solo, ma di quelli tosti

    Adoro i “libroni” e mi piace rileggerli, ma questo –nella versione integrale- mi mancava e dovevo colmare una lacuna.
    Confesso: avevo anche una piccola-ma-non-piccola curiosità. Quella frase (che comp ...continua

    Adoro i “libroni” e mi piace rileggerli, ma questo –nella versione integrale- mi mancava e dovevo colmare una lacuna.
    Confesso: avevo anche una piccola-ma-non-piccola curiosità. Quella frase (che compare spessissimo ovunque come battuta, aforisma, citazione, riempitivo) messa costantemente in bocca al principe Myškin, “La bellezza salverà il mondo”… come entra nel romanzo? Quale il contesto, e perché?

    Sorpresa: il principe Myškin non la pronuncia mai. Mai. Compare sì due o tre volte nel testo, ma come “vergognandosi”, imbarazzata [può una frase vergognarsi di se stessa? Io dico di sì: nei grandi libri, può], come allusione di seconda mano, lontana dal tempo e dallo spazio narrativo.
    E c’è di più: non solo non la pronuncia mai, ma, a domanda, non risponde neppure. La evita.

    Avrebbe potuto pronunziarla, il principe Myškin, il buono, il savio, il puro di cuore?
    Non ne sono sicura, ma credo di no, non consapevolmente. Myškin, infatti, dice altro.

    Due brani:
    Giungemmo a Lucerna e mi condussero sul lago in barca. Comprendevo la sua bellezza, ma, nello stesso tempo, mi sentivo molto oppresso... Provo sempre un senso di pena e di inquietudine, quando contemplo per la prima volta un simile quadro della natura: ne sento la bellezza ma mi riempie di angoscia
    ...........
    - Ad ogni modo, principe, perché non avete ancora detto nulla di Aglaja? Aglaja aspetta, e aspetto anch’io.
    - Non posso dire nulla per ora. Lo dirò dopo.
    - Perché? Non vi pare degna di nota?
    - Oh, sì, è degna di nota! Siete straordinariamente bella, Aglaja Ivanovna. Siete così bella, che si ha paura a guardarvi.
    - Soltanto questo? E le sue qualità? insistette la generalessa.
    - È difficile giudicare la bellezza; non vi sono ancora preparato. La bellezza, è un enigma”

    La bellezza è un enigma, fonte di angoscia e turbamento, questo dice l’idiota. Splendido, singolarissimo “idiota”, dall’intuizione prodigiosa, lucidissimo, capace di avvertire a distanza il bene ed il male (a cui peraltro si rifiuta di credere sino in fondo).
    Risulta tuttavia abbastanza chiaro che la “bellezza”, qui, non è tanto un fatto est-etico, quanto soprattutto etico. Ha a che fare con la bontà d’animo, la generosità, la lealtà, la compassione… Qualità morali.
    Qui sta l’enigma, il mistero del vivere (e del morire).

    Questa benedetta frase è tanto più misteriosa, infine, quanto più la si indaga.
    Considerata nella sua lingua originale, la costruzione russa è ben diversa: “Il mondo salverà la bellezza”.
    Soggetto e complemento oggetto sono invertiti. Nè sono frapposte virgole indicatrici.
    Il massimo dell’ambiguità. Cui si aggiunge un’altra difficoltà, di tipo semantico stavolta: “mir”, che in russo rimanda sia al concetto di “mondo” che a quello di “pace”…
    "È vero, principe, che una volta avete detto che la bellezza salverà il mondo [mir] ?"

    Cosa avrà recepito il nostro principe da questa domanda, mondo o pace?
    La bellezza salverà il mondo? Il mondo in pace salverà la bellezza?
    Oppure l’uno, di volta in volta, salverà l’altra?
    L’unica cosa certa nel romanzo è la non risposta.
    Il mistero rimane irrisolto e rinvia ad altre domande/risposte ugualmente misteriose.
    A queste ne affianco un’altra, l’ultima: perché al principe “idiota” viene fatto dire quel che non sa e non vuole dire?

    ha scritto il 

  • 5

    Se lui è un idiota, be', noi altri siamo messi davvero male

    Dostoevskij, mescolando fervore cristiano al suo pionieristico intuito psicologico, studia attentamente, reinterpreta, revisiona la centrale figura di Cristo cercando di tracciarne, in termini moderni ...continua

    Dostoevskij, mescolando fervore cristiano al suo pionieristico intuito psicologico, studia attentamente, reinterpreta, revisiona la centrale figura di Cristo cercando di tracciarne, in termini moderni, un dettagliato profilo psicologico che ricusi banali qualifiche; il risultato è il principe Myskin.
    Già dalla prima apparizione, dopo un iniziale sconcerto, il protagonista, in forza della semplicità di modi, dell'ingenuità disarmante e della schiettezza smaliziata, riesce immediatamente simpatico tanto agli altri personaggi quanto al lettore. Uno straordinario discernimento unito ad una profonda sensibilità danno a costui capacità empatiche uniche che, benché lo rendano gradito a chiunque, costituiscono la sua condanna poiché egli sonda a fondo gli animi, discerne le motivazioni personali anche dietro all'azione più abietta, la comprende e dunque la giustifica, la purifica, l'assolve ed è come se assumesse su di se il fardello della colpa a discapito della sua labile psiche. Prova costantemente compassione per chicchessia, tale da essere confusa, anche a causa di una naturale abnegazione, per amore, amore a cui, paradossalmente, sembra incapace di abbandonarsi poiché il sentimento presuppone un obnubilamento inconciliabile col suo occhio di insopprimibile penetrazione.
    In cosa dunque consiste l'essere "l'idiota" come tutti lo scherniscono? Nel rifiuto di vedere il male ottuso dove egli scorge null'altro che umana complessità.
    Quando Dostoevskij non si lascia guidare da astrazioni elevate ma dalla pura fabulazione, come in questo caso, tocca il sublime e l'animo del lettore.
    Il migliore dell'autore e uno dei miei preferiti

    ha scritto il 

  • 4

    Capolavoro con le pinze

    Bello leggere i classici, e rileggerli. Mi fa un effetto diverso, rispetto all'adolescenza. Allora, scoprivo il romanzo e la narrazione psicologica, in questo romanzo al suo vertice. Adesso è sempre p ...continua

    Bello leggere i classici, e rileggerli. Mi fa un effetto diverso, rispetto all'adolescenza. Allora, scoprivo il romanzo e la narrazione psicologica, in questo romanzo al suo vertice. Adesso è sempre piacevole, ma per me datato, e mi ha appassionato poco. Pazienza

    ha scritto il 

  • 3

    E niente, io proprio non ho provato molto leggendolo. Capisco razionalmente il perché e il per come e la grandezza e blablabla... ma niente, non mi ha smosso granché - non che non sapessi già di esser ...continua

    E niente, io proprio non ho provato molto leggendolo. Capisco razionalmente il perché e il per come e la grandezza e blablabla... ma niente, non mi ha smosso granché - non che non sapessi già di essere ignorante eh.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per