L'iguana non vuole

di | Editore: Rizzoli
Voto medio di 93
| 22 contributi totali di cui 14 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ce li hanno dipinti così, i professori precari di oggi: arrendevoli, menefreghisti e incompetenti.Invece sono bravi e arrabbiati. Finalmente un romanzo ce li racconta senza indulgenza o pregiudizi, per mostrarci come, in reazione alle ingiustizie di ...Continua
Rossella
Ha scritto il 18/03/17

Si dice che certi libri vengano a prenderci, ci trovino quando abbiamo bisogno di loro. Adesso so che è vero.

Alessandra
Ha scritto il 27/11/13
Edito da Rizzoli, un editore importante, scritto da un'autrice italiana, quindi non ci sono traduzioni imprecise a cui imputare le molte ripetizioni che si susseguono in questo romanzo. Alcune sono chiaramente volute, ma invece di sottolineare i conc...Continua
Piperitapitta
Ha scritto il 04/09/13
La guerra di Emma.
È un romanzo sulle opposizioni e le contraddizioni, in cui la scuola, e le problematiche della scuola italiana, sono solo uno dei possibili nuclei del romanzo. È come se nella storia, quella di Emma, giovane neolaureata in lettere e filosofia con una...Continua
Annalisa (che...
Ha scritto il 24/08/13
Tra miracoli e amarezze
Sono in ambasce. Proprio: questo libro mi ha lasciato una certa oppressione che fatico a capire. Scritto male? Ma, no, non direi: so che mi sono segnata qualcosa (poco) che non mi tornava dal punto di visto sintattico o di punteggiatura, ma davvero,...Continua
Eli
Ha scritto il 28/03/12

Staria di precariato, di disabilità, di scuola pubblica ai giorni nostri. E' un bel libro, che scorre veloce, forse non profondissimo, ma che lascia spazio alla riflessione.


Nerina
Ha scritto il Sep 07, 2012, 14:33
"E ha una malattia. Molte volte loro non se ne rendono conto." Loro chi? Gli altri insegnanti? Gli insegnanti veri? "Succede spesso" dice lei. "Non sempre, per carità, ma spesso." Si gira verso la porta; non c'è nessuno. "Due anni fa seguivo un ragaz...Continua
Pag. 199
Nerina
Ha scritto il Sep 07, 2012, 14:27
Non c'è niente di più spaventoso di questi ragazzi. Sono i nostri specchi.
Pag. 145
Bettina
Ha scritto il Oct 06, 2011, 11:40
Perdonami, Gianni. È stata la paura a decidere tutto, sempre. Ho fatto del mio meglio per essere forte, affrontare le cose; sono riuscita solo a correre più velocemente, a evitare che mi prendessero. Ma è una corsa truccata: non ho speranze.
Pag. 242
Bettina
Ha scritto il Oct 06, 2011, 11:39
Vorrei spiegarle che cosa sta succedendo ma non ci riesco: mi sembra di avere una ferita da qualche parte che si rimargina e si apre in continuazione. Mi sento debole per il sangue che ho perso, rabbiosa. La cosa peggiore, però, è che il segno del mo...Continua
Pag. 235
Bettina
Ha scritto il Oct 06, 2011, 11:37
Cosa si può dire del programma cavouriano delle strade? Che sono dritte. E che non portano da nessuna parte.
Pag. 215

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi