L'imitazione di Cristo

Di

Editore: Edizioni Paoline

4.3
(116)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 282 | Formato: Altri

Isbn-10: 8821512479 | Isbn-13: 9788821512476 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Religione & Spiritualità

Ti piace L'imitazione di Cristo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un libro che mi ha disorientato e non mi ha convinto del tutto, anche se ho fatto bene ad averlo letto per intero mentre in passato mi ero limitato a scorrerne distrattamente le pagine.

    Avanzo un’ipot ...continua

    Un libro che mi ha disorientato e non mi ha convinto del tutto, anche se ho fatto bene ad averlo letto per intero mentre in passato mi ero limitato a scorrerne distrattamente le pagine.

    Avanzo un’ipotesi discutibilissima, che certamente sarà stata sviscerata e dibattuta da filologi e studiosi di ben altra levatura: penso che l’ultimo dei quattro libri in cui è divisa l’opera, vale a dire quello – bellissimo - dedicato all’Eucarestia, sia di autore diverso da chi ha scritto i primi tre, nei quali predomina un atteggiamento quasi malmostoso nei riguardi del mondo, una continua e nevrotica auto-fustigazione, un intimismo che nulla a che vedere con la dimensione missionaria e la gioia della Buona Novella. Che immagine di Cristo viene fuori dai primi tre libri? È credibile un Cristo tanto indifferente al creato e alle sue creature? Che esempio può dare un cristiano tanto preoccupato di salvare soltanto se stesso?

    È certamente giusto non correre dietro al “mondo” e trovare spazi di raccoglimento e di colloquio interiore con Dio, ma questo non deve trasformarsi in un isolamento dove si finisce anche involontariamente per giudicare male il prossimo.

    Molto diversa l’atmosfera del quarto e ultimo libro. Il respiro si allarga nella lode e nell’amore, il monologo diventa dialogo, l’io si allarga nel “noi” e la riflessione tormentata su se stessi diventa preghiera. Da solo, il quarto libro è uno dei più bei trattati sull’Eucarestia che siano mai stati scritti, dove veramente la voce di Cristo ci parla e invitandoci seguirLo e, appunto, a imitarLo.

    È certamente una questione di gusti, ma non vedo l’ora di leggere la Filotea di San Francesco di Sales.

    ha scritto il 

  • 5

    "La pace giungerà nel giorno che il Signore conosce. Allora non vi sarà giorno e notte, come in questo tempo, ma luce intramontabile, splendore senza fine, pace salda e tranquillità sicura."

    Lettura propiziata dalla precedente, questo libro era infatti citato ne “Il mondo nuovo” tra quelli pericolosi da far circolare, anche tra persone che ormai non avrebbero dovuto avere derive di nessun ...continua

    Lettura propiziata dalla precedente, questo libro era infatti citato ne “Il mondo nuovo” tra quelli pericolosi da far circolare, anche tra persone che ormai non avrebbero dovuto avere derive di nessun genere.
    Una rapida ricerca mi ha permesso di ritrovarlo in una terza fila di un mio scaffale, letteralmente sepolto da altre pile di libri, ma la curiosità di sapere e capire il contenuto di questo tomo era troppo forte, l’ho così riportato alla luce.
    E ho fatto bene, perché ho infine potuto apprezzare questo testo, scritto circa nel XIII secolo, la cui pericolosità deriva dall’estrema semplicità del suo linguaggio, che senza molti giri di parole e trattati pseudoteologici, arriva direttamente al cuore dei fedeli, spiegando con grande efficacia le vie che portano a Dio; un vero e proprio decalogo del perfetto cristiano, da tenere sempre a portata di mano e consultare continuamente e credo che proprio questo ne abbia fatto un testo poco sicuro da far circolare nelle società distopiche, non sia mai risvegliasse qualche coscienza…

    ha scritto il 

  • 0

    Un'opera incredibile

    E' tutto qui, occorre solo saperla leggere e metterà in pratica, ma c'è il senso dell'esistenza. Forse non è per tutti, la prima volta che l'ho letto mi sono spaventato, poi il magnetismo del libro mi ...continua

    E' tutto qui, occorre solo saperla leggere e metterà in pratica, ma c'è il senso dell'esistenza. Forse non è per tutti, la prima volta che l'ho letto mi sono spaventato, poi il magnetismo del libro mi ha portato a rileggere, rileggere ancora, meditando ogni parola e rileggerò, rileggerò ancora perché mi porta grande pace, e risposte.

    Grazie, a chiunque l'abbia scritto.

    ha scritto il 

  • 5

    Letto, riletto, letto, riletto e cresciuto insieme a questo libro di perle che non è altro che il vangelo approfondito e reso libro da ogni stagione e da ogni luogo. L'ho portato con me per anni, dovu ...continua

    Letto, riletto, letto, riletto e cresciuto insieme a questo libro di perle che non è altro che il vangelo approfondito e reso libro da ogni stagione e da ogni luogo. L'ho portato con me per anni, dovunque andassi.

    ha scritto il 

  • 5

    ...quando ho visto questo libro inserito da un anobiano, il cuore ha accelerato il battito..
    la mia mamma lo ha sempre tenuto nel comodino e mi appare l'immagine delle sue splendide mani su di esso me ...continua

    ...quando ho visto questo libro inserito da un anobiano, il cuore ha accelerato il battito..
    la mia mamma lo ha sempre tenuto nel comodino e mi appare l'immagine delle sue splendide mani su di esso mentre lo sfoglia e legge...il viso che si alza, assorto mentre medita sulle significative parole appena lette...questa immagine mi ha commosso!!
    Sono andata nella vecchia casa paterna e l'ho trovato in un cassetto, ancora pieno di ricordi...ora è mio e saranno le mie mani a stringerlo!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Da alcuni considerato il "quinto evangelio", per l'altezza e la profondità dell'ingegno che lo ha ispirato, il poeticissimo libriccino di Thomas von Kempen dovrebbe rimanere accanto alla radiosveglia ...continua

    Da alcuni considerato il "quinto evangelio", per l'altezza e la profondità dell'ingegno che lo ha ispirato, il poeticissimo libriccino di Thomas von Kempen dovrebbe rimanere accanto alla radiosveglia anche a lettura conclusa, perché vi si possa attingere consolazione, speranza e forza tutte le volte che se ne sente il bisogno.

    ha scritto il