L'immagine insepolta

Aby Warburg, la memoria dei fantasmi e la storia dell'arte

Di

Editore: Bollati Boringhieri

4.6
(15)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 552 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8833915328 | Isbn-13: 9788833915326 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace L'immagine insepolta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Aby Warburg (1866-1929) fece della "sopravvivenza" il motivo centrale del suo approccio antropologico all'arte occidentale. Essa è qui studiata nella sua logica, nelle sue fonti e nelle sue risonanze filosofiche, che vanno dalla storicità secondo Burckhardt all'inconscio secondo Freud, passando per l'eterno ritorno secondo Nietzsche, la memoria biologica secondo Darwin, la morfologia secondo Goethe. Una molteplicità di approcci che è l'unico mezzo per descrivere la paradossale "vita" delle immagini e attraverso la quale Warburg introduce i paradossi costitutivi dell'immagine stessa: la sua natura di "fantasma"; il suo potere di trasmettere il pathos; la sua struttura di "sintomo" e la sua natura di teatro dei tempi.
Ordina per
  • 5

    Stimolantissimo studio sulla genesi tribolata del pensiero dello storico dell’arte Aby Warburg:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pathosformel (tema, come si capisce, suggestivo e inquietante – lo stesso W ...continua

    Stimolantissimo studio sulla genesi tribolata del pensiero dello storico dell’arte Aby Warburg:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pathosformel (tema, come si capisce, suggestivo e inquietante – lo stesso Warburg sosteneva di occuparsi di «storie di fantasmi per adulti» e questi fantasmi finiranno con l’infestare la mente del pensatore).
    Dagli ispiratori (giganti come Nietzsche, Goethe, Freud, intellettuali atipici come Carlyle, oltre a figure solo in apparenza minori di cui Didi-Huberman ci indica l’importanza nel panorama intellettuale fra Ottocento e Novecento), ai geniali compagni di viaggio (Binswanger, lo psichiatra che assistette Warburg durante la sua malattia mentale, influenzò il suo pensiero e ne fu influenzato, o il geniale ma troppo sistematico Cassirer), agli allievi inclini alla banalizzazione – per non dire tradimento – della complessità del metodo warburghiano (Gombrich, Saxl).
    In effetti, il discorso di Didi-Huberman mira essenzialmente a preservare questa complessità, descrivendone i punti di tensione, irrisolti, e denunciando i fraintendimenti che li hanno occultati o svuotati di forza; e costituisce, direi, una lezione di discernimento e finezza.

    (Aggiungo che la descrizione della permanenza di Warburg nella clinica “Bellevue”, dove Binswanger si prendeva cura di malati di mente come il linguista Bally, il pittore Kirchner, il ballerino Nijinsky, la femminista Pappenheim [la Anna O. di Freud] e altri, mi ha fatto sognare un romanzo o un film ambientato in questa «casa di cura dove i malati mentali piuttosto viziati, di famiglia ricca, venivano provvidamente e costosamente trattati e gli infermieri avevano la delicatezza delle levatrici», nelle parole di J. Roth).

    ha scritto il