Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'importanza di chiamarsi Ernesto

Di

Editore: La Spiga languages

4.2
(4901)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: A000005522 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Ti piace L'importanza di chiamarsi Ernesto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questa commedia "frivola per gente seria", l'autore Oscar Wilde (1854-1900) narra le vicende amorose di due giovani bellimbusti vittoriani col pretesto di una vivace satira, ricca di paradossi e frivole schermaglie verbali, dell'alta società londinese del tempo.
La mancanza di preoccupazione moralistica e l'abbandono ai giochi di parole fanno di questa commedia l'opera ancor oggi più viva del teatro di Wilde.
Ordina per
  • 4

    «Un uomo che si sposa senza conoscere Bunbury ha davanti a sé una vita noiosissima»

    Commedia esilarante, incalzante, pungente. E ovviamente traboccante di colpi di scena, come piace a noi. ...continua

    «Un uomo che si sposa senza conoscere Bunbury ha davanti a sé una vita noiosissima»

    Commedia esilarante, incalzante, pungente. E ovviamente traboccante di colpi di scena, come piace a noi. Conoscevo già questa rappresentazione, vista più volte al cinema e a teatro... ma quanto è stato divertente ri-leggerla durante un lungo e noioso viaggio in treno!! E, a pensarci bene, ammetto che a volte non mi dispiacerebbe tornare indietro di qualche anno, quando non c'erano cellulari, facebook, skype... quando era più facile trovare un'escamotage per farsi gli affari propri e sparire dalla circolazione per qualche ora o qualche giorno, e godersi un po' di meritato e sano bunbureggiamento... proprio come insegna il nostro caro e saggio Algernon! ;)

    ha scritto il 

  • 4

    Un modo divertente di passare un paio d'ore!

    Sono felice di aver letto questa commedia. Apprezzo anche il fatto che sono stati aggiunti, nelle ultime pagine del libro, le parti che Wilde aveva deciso di omettere. Peccato per il personaggio ...continua

    Sono felice di aver letto questa commedia. Apprezzo anche il fatto che sono stati aggiunti, nelle ultime pagine del libro, le parti che Wilde aveva deciso di omettere. Peccato per il personaggio dell'avocato Gribsby, che a mio parere da vita a uno degli episodi più divertenti della commedia!

    ha scritto il 

  • 4

    "Si deve pur fare qualcosa sul serio, se si vuole trarre un po' di divertimento dalla vita. Io, guarda caso, faccio sul serio il bunburismo. Cosa diavolo farai sul serio tu, non lo oso immaginare. ...continua

    "Si deve pur fare qualcosa sul serio, se si vuole trarre un po' di divertimento dalla vita. Io, guarda caso, faccio sul serio il bunburismo. Cosa diavolo farai sul serio tu, non lo oso immaginare. Tutto, probabilmente. Sei di una tale incoscienza."

    ha scritto il 

  • 4

    Quest'uomo era chiaramente un genio dell'osservazione dell'animo umano, nonché un genio d'ironia quando poi lo raccontava, in questo caso con una leggerezza apparente che colpisce il ...continua

    Quest'uomo era chiaramente un genio dell'osservazione dell'animo umano, nonché un genio d'ironia quando poi lo raccontava, in questo caso con una leggerezza apparente che colpisce il segno. Quest'uomo mi mette e mi metterà sempre soggezione, ma mi piace. Decisamente.

    PS: Quando ci metti un'eternità a finire un libricino che di norma si legge in due ore i casi sono due: o il libro non ti piace o non sei in forma tu. Visto che il libro mi è piaciuto mi sa che è arrivata proprio l'ora di una vacanza ^^'

    ha scritto il 

  • 5

    Che bumburista questo Wilde!

    Umorismo inglese e ambientazione vittoriana. Cosa posso chiedere di più? Leggendolo ho notato che molti degli aforismi di Wilde sono tratti da questa divertente opera teatrale. Immagino quanto ...continua

    Umorismo inglese e ambientazione vittoriana. Cosa posso chiedere di più? Leggendolo ho notato che molti degli aforismi di Wilde sono tratti da questa divertente opera teatrale. Immagino quanto sarebbe bello vederla rappresentata in un teatro londinese, anche se forse avrei qualche problema con i giochi di parole che l'autore usa per tutto il corso dell'opera. In primis quello sull'aggettivo onesto e il nome Ernesto. Inutile dire che i termini bumburista e bumbureggiare sono ormai parte del mio vocabolario.

    ha scritto il 

  • 3

    Foro boario

    Non sono un grande fan dei testi di teatro e la mia conoscenza di Wilde si ferma a Il ritratto di Dorian Gray. La commedia mi sembra un divertente testo di teatro sulla società Novecentesca inglese, ...continua

    Non sono un grande fan dei testi di teatro e la mia conoscenza di Wilde si ferma a Il ritratto di Dorian Gray. La commedia mi sembra un divertente testo di teatro sulla società Novecentesca inglese, che rende grottesco il "foro boario" dei titoli, delle proprietà, delle posizioni sociali dell'aspirante marito, come se null'altro contasse in sé.

    ha scritto il 

Ordina per