Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'inganno

Magus, il romanzo di Nostradamus vol. 2

Di

Editore: Mondadori

3.5
(130)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 322 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804461144 | Isbn-13: 9788804461142 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'inganno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Intrattenimento di alta qualità

    Con la consueta abilità nel raccontare, Evangelisti imbastisce un secondo tomo della trilogia di Nostradamus suggestivo e coinvolgente, con un convincente sfondo storico (facendo comparire, tra gli altri, Benvenuto Cellini, Giovanni Calvino, Pietro Aretino, John Dee, i Medici, i Gonzaga, i Farnes ...continua

    Con la consueta abilità nel raccontare, Evangelisti imbastisce un secondo tomo della trilogia di Nostradamus suggestivo e coinvolgente, con un convincente sfondo storico (facendo comparire, tra gli altri, Benvenuto Cellini, Giovanni Calvino, Pietro Aretino, John Dee, i Medici, i Gonzaga, i Farnese e François Rabelais).
    Anche in questo caso i protagonisti sono due: Nostradamus e Caterina Cybo-Varano, la sua persecutrice, ispirata anche dallo spirito del suo nemico precedente, Diego Domingo Molinas.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Secondo episodio della vita di Nostradamus romanzata dal padre
    dell'inquisitore Eymerich.
    In questo secondo si concretizza la minaccia di Ulderico di Magonza, personaggio semi-fantastico che avrebbe iniziato Nostradamus all'arte della divinazione. Nel frattempo la baronessa Cybo-Varan ...continua

    Secondo episodio della vita di Nostradamus romanzata dal padre
    dell'inquisitore Eymerich.
    In questo secondo si concretizza la minaccia di Ulderico di Magonza, personaggio semi-fantastico che avrebbe iniziato Nostradamus all'arte della divinazione. Nel frattempo la baronessa Cybo-Varano insegue ancora il medico provenzale più per carpirgli il segreto di bloccare la vecchiaia che per vendicare Molinas.
    Evangelisti è uno scrittore di indubbio mestiere, e la lettura di
    questo ciclo è senz'altro piacevole, tuttavia si avverte in queste opere destinate al grande pubblico, una qualita' inferiore rispetto ai romanzi del ciclo di Eymerich. Particolarmente poco convincenti sono le scene di sesso; molto sbrigative, danno un senso di censura o d'imbarazzo.

    ha scritto il 

  • 5

    E' uno dei libri che ho comprato a causa della copertina. Non conoscendo nè autore nè trama, spesso mi lascio coinvolgere dalla figura che appare in copertina.
    Questa volta sono stata fortunata, pochi libri hanno saputo appassionarmi come questo e se è vero che mi accontento di poco, buon p ...continua

    E' uno dei libri che ho comprato a causa della copertina. Non conoscendo nè autore nè trama, spesso mi lascio coinvolgere dalla figura che appare in copertina.
    Questa volta sono stata fortunata, pochi libri hanno saputo appassionarmi come questo e se è vero che mi accontento di poco, buon per me!
    Romanzo storico in cui si parla del periodo dell'Inquisizione e delgli Illuminati con molte teorie sulla donna e su ciò che rappresentava in quell'epoca lontana.
    Mi sono accorta solo alla fine che si trattava del secondo capitolo di una Saga, ma il libro risulta così esaustivo che non ho bisogno di leggerne altri.
    Molto piacevole e con un bel lieto fine. Ve lo consiglio di cuore.

    ha scritto il 

  • 3

    Cioè, se tutto l'intrattenimento fosse di questo livello, leggere sarebbe sempre un bello spasso! Invece, specialmente con gli autori italiani, si trova roba o troppo intellettuale o troppo superficiale. Evangelisti sta nel mezzo. No, intendiamoci, MAGUS non è un capolavoro, ma è fico quanto bast ...continua

    Cioè, se tutto l'intrattenimento fosse di questo livello, leggere sarebbe sempre un bello spasso! Invece, specialmente con gli autori italiani, si trova roba o troppo intellettuale o troppo superficiale. Evangelisti sta nel mezzo. No, intendiamoci, MAGUS non è un capolavoro, ma è fico quanto basta per goderselo dalla prima pagina all'ultima.

    ha scritto il 

  • 3

    Forse l'ho letto con troppo pregiudizio nei confronti delle pubblicazioni che in quegli anni spopolavano. I libri estivi da edicola tipo "faraoni" "excalibur"...
    fatto sta che nonostante l'autore fosse il grandissimo Evangelisti non sono riuscito ad arrivare al terzo libro.
    Mi sono però ...continua

    Forse l'ho letto con troppo pregiudizio nei confronti delle pubblicazioni che in quegli anni spopolavano. I libri estivi da edicola tipo "faraoni" "excalibur"...
    fatto sta che nonostante l'autore fosse il grandissimo Evangelisti non sono riuscito ad arrivare al terzo libro.
    Mi sono però ripromesso di rileggerli a mente aperta.

    ha scritto il 

  • 0

    Godibile

    A chi ha amato la saga dell'inquisitore Eymerich non dispiacerà questo volume, che è godibile anche senza aver letto la prima puntata (come me). La trama con Nostradamus è più semplice, e c'è più spazio per delineare i personaggi. Consigliato a chi ama il miglior Evangelisti.

    ha scritto il 

  • 3

    Pur ammirando molto Valerio Evangelisti, che da solo ha dato una svolta sostanziale alla narrativa fantastica italiana, la cui saga dell’inquisitore Eymerich lascerà il segno nel tempo, è stata dura leggere questo lavoro su commissione: farraginoso, lento, statico... noioso.
    E’ stato subito ...continua

    Pur ammirando molto Valerio Evangelisti, che da solo ha dato una svolta sostanziale alla narrativa fantastica italiana, la cui saga dell’inquisitore Eymerich lascerà il segno nel tempo, è stata dura leggere questo lavoro su commissione: farraginoso, lento, statico... noioso.
    E’ stato subito evidente che ad Evangelisti importa poco o nulla della figura di Nostradamus. Magus, ben più che una biografia romanzata del “Profeta di Salon”, appare come un affresco dell'Europa del Cinquecento, del secolo delle guerre di religione. E’ quasi una “storia della Chiesa”, per l’importanza che assumono gli antagonisti di Nostradamus rispetto a lui, figura di scarso spessore (il domenicano Molinas, quasi erede diretto di Eymerich, rappresentante della Chiesa più tipicamente medievale, dell’Inquisizione più “arcaica”; il frate Pietro Gelido, fanatico cattolico che diventa un ugonotto altrettanto fanatico; il gesuita Sebastien Michaelis, paladino di una Chiesa più moderna, proiettata in avanti dalla Compagnia di Gesù). In questo senso Magus è senza dubbio interessante, Evangelisti offre un’immagine memorabile della Francia dilaniata dalla guerra civile, che vale la lettura; come è anche molto l’interessante la teoria di fondo che l’universo sia “modellato” sul pensiero dominante dell’umanità (Ulrico di Magonza e Nostradamus sono gli ultimi "Magi", prima che la magia scompaia perché il pensiero dominante fa prevalere razionalità e materialismo; tutte le antiche religioni hanno avuto senso, perché finché c’è stata credenza c’è stata esistenza). Ma in un tale contesto, è la storia di Nostradamus a non funzionare. Non c’è ritmo, non c’è coinvolgimento, l’intreccio non si muove. Per quanto la ricostruzione storica e ambientale sia affascinante e riuscita la galleria di figure di religiosi, a dimostrazione che Evangelisti ha saputo rendere “viva” la storia della Chiesa, il giudizio complessivo non può essere positivo.

    ha scritto il