L'insostenibile leggerezza dell'essere

Di

Editore: Adelphi (Gli Adelphi, 1)

4.2
(18974)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 336 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Svedese , Olandese , Catalano , Finlandese , Polacco , Turco , Basco , Ungherese , Norvegese , Greco

Isbn-10: 8845906868 | Isbn-13: 9788845906862 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Antonio Barbato , Giuseppe Dierna

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Tascabile economico

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace L'insostenibile leggerezza dell'essere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Edizioni dal 1989 al 2009 ISBN pag.318
Edizioni dal 2010 pag. 336

"Il suo romanzo ci dimostra come nella vita tutto quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell'intelligenza sfuggono a questa condanna: le qualità con cui è scritto il romanzo, che appartengono a un altro universo da quello del vivere." (Italo Calvino)

"Chi è pesante non può fare a meno di innamorarsi perdutamente di chi vola lievemente nell'aria, tra il fantastico e il possibile: mentre i leggeri sono respinti dai loro simili e trascinati dalla 'compassione' verso i corpi e le anime possedute dalla pesantezza. Così accade nel romanzo: Tomas ama Tereza, Tereza ama Tomas: Franz ama Sabina, Sabina (almeno per qualche mese) ama Franz; quasi come nelle "Affinità elettive" si forma il perfetto quadrato delle affinità amorose." (Pietro Citati)
Ordina per
  • 5

    Il libri che ti parlano

    Quest'annata letteraria continua nel migliore dei modi, specialmente durante questo periodo estivo. Ho adorato le pagine di Kundera, così pregne di filosofia ma mai criptiche, che parlano dritto al cu ...continua

    Quest'annata letteraria continua nel migliore dei modi, specialmente durante questo periodo estivo. Ho adorato le pagine di Kundera, così pregne di filosofia ma mai criptiche, che parlano dritto al cuore senza risultare scontate.
    E' come se mancasse una storia e questo fino alla fine mi ha fatto vacillare sulla scelta di assegnare 5 stelle. Poi ho capito che questa è la particolarità del romanzo: è come se raccontasse non tramite le vicende, spesso solo accennate, ma tramite lo scandire dei pensieri e delle emozioni dei personaggi.
    Quindi ho deciso: promosso a pieni voti!

    ha scritto il 

  • 3

    La leggerezza.. più o meno

    Più che la leggerezza è una lode alla pesantezza. Pesantezza delle scelte, delle idee, del filosofeggiare e soprattutto( nella parte finale) dell'anti comunismo, che diventa un po un divagare che anno ...continua

    Più che la leggerezza è una lode alla pesantezza. Pesantezza delle scelte, delle idee, del filosofeggiare e soprattutto( nella parte finale) dell'anti comunismo, che diventa un po un divagare che annoia non poco.
    Detto questo il libro non è affatto male. Ok, si parla di questo libro come del capolavoro di Kundera, ma sinceramente preferisco Lo scherzo a questo.
    Bella la trama fatta di questo intrecciarsi di storie e di storielle.
    L'amore nonostante i tradimenti, i tradimenti nonostante l'amore(un po "malato" ). Le scelte di tradire e le scelte di amare. In sotanza il tutto passa da questi due fattori: Amore e Tradimento.
    Scenario a tutto ciò la Repubblica Ceca durante l'invasione Sovietica.
    Bello ma non capolavoro.

    ha scritto il 

  • 5

    C'è una capacità che ammiro tantissimo in uno scrittore ed è quella di rendere i propri personaggi umani, reali. Molto spesso le persone non cercano l'umanità nella letteratura, o meglio la cercano ma ...continua

    C'è una capacità che ammiro tantissimo in uno scrittore ed è quella di rendere i propri personaggi umani, reali. Molto spesso le persone non cercano l'umanità nella letteratura, o meglio la cercano ma si consolano nel trovarla idealizzata, perfetta, scalfita solo ogni tanto da errorucci o scaramucce con il destino. Kundera invece è coraggioso. Kundera sa che l'uomo è altro. L'uomo è debolezza, straziante debolezza, che si manifesta con mille sfaccettature (malattia, depressione, infedeltà, codardia). Arriva a dire che persino la forza soccombe alla debolezza. Tutto questo mi ha reso insopportabili tutti i personaggi di questo romanzo, nessuno escluso. Ma si sa, le migliori storie d'amore iniziano con la frase: "Chi è 'sto stronzo?".

    ha scritto il 

  • 5

    Intimista, riflessivo, consigliato

    Ogni volta che un libro diventa "eccessivamente" famoso i commenti snob e gli aforismi si sprecano; gli uni e gli altri mi hanno tenuta a lungo lontana da questo romanzo, che invece ho apprezzato molt ...continua

    Ogni volta che un libro diventa "eccessivamente" famoso i commenti snob e gli aforismi si sprecano; gli uni e gli altri mi hanno tenuta a lungo lontana da questo romanzo, che invece ho apprezzato molto, anche se probabilmente la qualità della scrittura supera la bellezza della storia o dei personaggi.

    ha scritto il 

  • 5

    Filosofico e sognante

    Allora, a me il libro è piaciuto moltissimo per le atmosfere, per gli ambienti descritti, per i personaggi un po' sognanti, sempre sospesi tra la voglia di andare e di restare, quella di arrendersi e ...continua

    Allora, a me il libro è piaciuto moltissimo per le atmosfere, per gli ambienti descritti, per i personaggi un po' sognanti, sempre sospesi tra la voglia di andare e di restare, quella di arrendersi e quella di lottare.
    Ma ancora di più mi è piaciuto perché, più che a un romanzo - la storia dei personaggi è marginale - assomiglia a una chiacchierata con lo scrittore che mi ha letteralmente incantata con le sue fedeli ricostruzioni sul clima di polizia instaurato dai russi in Boemia, sugli ideali traditi, sulle speranze spezzate di migliaia di intellettuali, studenti e persone comuni.
    Ho poi amato i suoi punti di vista sull'amore, sul sesso, sul destino di tutti noi, sull'impegno e sulla responsabilità delle nostre scelte. Che potranno essere ispirate alla leggerezza e al disimpegno, data la caducità del tutto e la sostanziale insignificanza del nostro agire col rischio però che il peso della leggerezza diventi a un certo punto insostenibile, oppure potranno rispondere a un più che umano desiderio di trovare un senso, un destino, da portare come un fardello sulle spalle "come Atlante portava la volta del cielo", perché solo ciò che pesa, ciò che costa fatica dà un significato all'esistenza. Bellissimo libro.

    ha scritto il 

  • 3

    carino, ma i protagonisti non mi sono piaciuti: lei troppo sottomessa a lui, lui troppo libertino. quello che mi ha portata ad arrivare alla fine sono le profonde riflessioni che sicuramente meritano ...continua

    carino, ma i protagonisti non mi sono piaciuti: lei troppo sottomessa a lui, lui troppo libertino. quello che mi ha portata ad arrivare alla fine sono le profonde riflessioni che sicuramente meritano di essere letto e l'ultimo capitolo è la parte più bella di tutto il libro. certo bisogna arrivarci fino alla fine, ma l'ultimo capitolo forse dà senso a tutto il libro

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per