L'interpretazione dei sogni

3 volumi

Di

Editore: Editrice l'Unità

3.9
(2570)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 593 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Spagnolo , Francese , Russo

Isbn-10: A000038307 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Copertina morbida e spillati , Tascabile economico , Non rilegato , eBook

Genere: Salute, Mente e Corpo , Filosofia , Scienze Sociali

Ti piace L'interpretazione dei sogni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Interessante

    E' sicuramente una lettura che non dovrebbe mai mancare all'interno di una libreria, ma questo libro se pur interessante risulta impegnativo da leggere, non per il contenuto ma per il modo in cui è st ...continua

    E' sicuramente una lettura che non dovrebbe mai mancare all'interno di una libreria, ma questo libro se pur interessante risulta impegnativo da leggere, non per il contenuto ma per il modo in cui è stato scritto (ovviamente ha le caratteristiche tipiche dei saggi di consultazione) in quanto può risultare a tratti anche noioso soprattutto se si sceglie questo libro come una lettura "narrativa"

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante

    Bello ma decisamente impegnativo... Per buona parte sono descritti sogni dello stesso autore. Il lessico è tecnico e anche quello comune resta comunque quello utilizzato ai primi del '900. Forte, seco ...continua

    Bello ma decisamente impegnativo... Per buona parte sono descritti sogni dello stesso autore. Il lessico è tecnico e anche quello comune resta comunque quello utilizzato ai primi del '900. Forte, secondo l'autore, il coinvolgimento del sesso nei sogni. Da leggere...ma poi va necessariamente intervallato con qualche lettura (quanto meno linguisticamente) semplice. Ora mi tocca "la solitudine dei numeri primi" di P. Giordano.

    ha scritto il 

  • 3

    Ottimo saggio

    Ho scoperto il potenziale di questo libro, rimasto per lungo tempo inespresso sulla libreria insieme alla polvere, solo di recente. Un saggio complesso, di cui bisogna indagare anche la parte storica ...continua

    Ho scoperto il potenziale di questo libro, rimasto per lungo tempo inespresso sulla libreria insieme alla polvere, solo di recente. Un saggio complesso, di cui bisogna indagare anche la parte storica e sociale, oltre che scientifica. Contiene riferimenti a malattie ormai archiviate (vedi: isteria), ma costituisce, nonostante sia ormai datato su alcuni aspetti, un'importante punto di vista su quello che è il complesso tema dell'interpretazione dei sogni. Indagare sul proprio subconscio non è un'operazione semplice, per i meccanismi di rifiuto e censura che operiamo sui nostri desideri inespressi e sulle nostre paure. Questi sono però malcelati alla nostra più intima natura; sotto forma di più o meno intuibili manifestazioni oniriche possiamo indagare su ciò che non abbiamo mai avuto il coraggio di confessare a noi stessi o agli altri. I sogni sono ciò che c'è di più personale della natura umana; per tale motivo, secondo il mio parere, non dovrebbero mai essere raccontati, se non dopo averli analizzati a fondo e aver compreso che hanno una base innocente, un reale desiderio anche ben intuibile dal soggetto e dalle persone ad esso vicine. Freud, attraverso questo interessante saggio, da leggere con decisione, concentrazione, dedizione, è riuscito brillantemente a introdurre il lettore nell'indagine e nell'interpretazione del proprio Io, su cui non ci si dovrebbe soffermare in modo superficiale. A tratti potrebbe risultare noioso, soprattutto nei capitoli in cui si addentra nell'interpretazione dei propri ed altrui sogni, utilizzandoli come esempi per esplicare le proprie teorie. Consigliato a chi non vuole soffermarsi sui contenuti manifesti prodotti dal proprio lavorio mentale durante la fase REM.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Se non avessi conosciuto di fama Freud leggendo questo libro avrei di certo pensato che si trattasse di un sessuomane, ma per fortuna lo avevo studiato alle superiori e l'ho portato come argomento di ...continua

    Se non avessi conosciuto di fama Freud leggendo questo libro avrei di certo pensato che si trattasse di un sessuomane, ma per fortuna lo avevo studiato alle superiori e l'ho portato come argomento di filosofia all'esame di maturità.
    Prima di leggere quesbto libro interpretavo i sogni in questa maniera: andavo su intenet e cercavo "coltello significato sogni" su Google. Da quando ho cominciato la lettura invece non faccio che domandarmi quale interazione possano avere i miei sogni con i discorsi uditi, le conversazioni avute o magari soltanto con le paure inespresse e soffocate.

    Di certo questo non è uno di quei romanzi che puoi leggere in una giornata con tutta facilità. Va un po' ragionato, riflettuto, un po' come in genere si fa con ogni saggio storico (che va indagato anche dal punto di vista politico e del pensiero dell'autore) o filosofico.
    In poche parole non è adatto a tutti. Se ci si ritiene dei "lettori forti" e si ha una predilezione per le scienze sociali allora si potrebbe azzardare una sbirciatina sperando poi di prenderci gusto.

    ha scritto il 

  • 4

    Da leggere, anche solo per cultura

    La prima parte è piuttosto complessa e pesante, benchè necessaria per introdurre l'argomento. Ma, man mano che si procede, il lucido genio di Freud viene fuori. Egli stesso, parlando di questo libro, ...continua

    La prima parte è piuttosto complessa e pesante, benchè necessaria per introdurre l'argomento. Ma, man mano che si procede, il lucido genio di Freud viene fuori. Egli stesso, parlando di questo libro, disse che alla base c'è una "di quelle intuizioni che vengono solo una volta nella vita".

    ha scritto il 

  • 3

    Non è proprio una lettura "da treno" perché comunque un libro complesso e non sempre ci da le risposte che vorremmo però dopo averlo letto è completamente cambiata l'idea che avevo dei sogni... l'inte ...continua

    Non è proprio una lettura "da treno" perché comunque un libro complesso e non sempre ci da le risposte che vorremmo però dopo averlo letto è completamente cambiata l'idea che avevo dei sogni... l'interpretazione è spesso un lavoro molto personale...
    Davvero molto interessante, superata la parte in cui sembra tutto riferito al sesso, apre proprio la mente a nuovi stimoli spingendoti a cercare a fondo

    ha scritto il 

  • 2

    Non condivido la visione dualistica dell'uomo che ha Freud.
    Trovo assai discutibile la sua pratica di partire da postulati piuttosto che da osservazioni e prove empiriche. Non condivido il suo veder t ...continua

    Non condivido la visione dualistica dell'uomo che ha Freud.
    Trovo assai discutibile la sua pratica di partire da postulati piuttosto che da osservazioni e prove empiriche. Non condivido il suo veder tutto o quasi sotto la pulsione sessuale più o meno "trasgressiva". Non condivido proprio la sua visione della psiche divisa in fette come una torta.
    Già Jung era un'altra cosa.

    ha scritto il 

Ordina per