Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'inverno di Frankie Machine

Di

Editore: Einaudi (Super ET)

4.0
(1551)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco

Isbn-10: 880619819X | Isbn-13: 9788806198190 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Costigliola

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'inverno di Frankie Machine?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A sessant'anni e rotti, quando non è costretto a dedicarsi a uno dei suoi tre lavori - vendere esche dal suo capanno sul molo di San Diego, rifornire di pesce e tovaglie i ristoranti della zona, amministrare alcuni condominî - Frankie Machianno esce ancora a fare surf. Possibilmente all'Ora dei Gentiluomini, quando i giovani rampanti sono andati al lavoro lasciando le onde a chi può permettersi altri orari, cioè ai gentiluomini. Ormai sono anni che ha cambiato vita. Ma quando un vecchio boss gli si presenta per chiedere un favore, Frankie Machine non può rifiutarglielo. Anche se questo significa ripiombare nel giro.Qualcuno dal suo lontano passato lo vuole morto. A pensarci bene la lista dei possibili candidati potrebbe essere lunghissima. Ma Frank ha le ore contate...
Ordina per
  • 3

    Un thriller dal ritmo serrato, che sorprende e tiene in tensione dalla prima alla trecentonovesima pagina.
    Winslow ha una capacità di raccontare per immagini tale, che risulta naturale che dal roman ...continua

    Un thriller dal ritmo serrato, che sorprende e tiene in tensione dalla prima alla trecentonovesima pagina.
    Winslow ha una capacità di raccontare per immagini tale, che risulta naturale che dal romanzo sia stato tratto un film.
    Il sapiente utilizzo di tecniche narrative,analessi e frequente cambio del punto di vista narrativo, solo per citarne alcune, pongono il lettore nella condizione di assaporare al meglio la sua bravura.
    W. lancia uno sguardo spietato e disilluso sulla criminalità della California contemporanea e nel contempo ci permette di ripercorrere, sottotraccia ma realisticamente gli ultimi quarant’anni della storia a stelle e strisce, in un modo che ci ricorda molto da vicino James Ellroy.
    L’ambientazione, ci permette di viaggiare con lui nel paesaggio, questa volta non accecante, della California del sud e i toni grigio acciaio di una San Diego sferzata dal vento e dalla pioggia contribuiscono a dare un tono dark alla storia.
    Colonna sonora, va da sé, è ancora Creedence Clearwater Revival , come già ne “La pattuglia dell’alba” questa volta non in atmosfera surfer ma quella più intensa della canzone di protesta: Fortunate son.
    Una canzone, quindi, che è allo stesso tempo contro la guerra e contro le ingiustizie sociali e che conserva ancora oggi tutta la sua forza ed attualità. Oggi un "fortunate son" è l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush, che all'epoca era un rampollo di una delle famiglie più influenti d'America, ha fatto il servizio militare nella guardia nazionale, ben lontano dal Vietnam.
    Nel romanzo, D.W. non concede sconti neppure a lui.
    L’inverno di Frankie Mashine, di Don Winslow

    ha scritto il 

  • 5

    Un mafioso "gentleman"

    Bello, bello, bello.. È impossibile non amare Frankie Machine, nonostante sia un (ex?) mafioso e un killer.

    Ho iniziato a leggerlo sapendo che Rober De Niro avrebbe interpretato il protagonista nella ...continua

    Bello, bello, bello.. È impossibile non amare Frankie Machine, nonostante sia un (ex?) mafioso e un killer.

    Ho iniziato a leggerlo sapendo che Rober De Niro avrebbe interpretato il protagonista nella prossima trasposizione cinematografica. L’ho letto vedendo il volto e sentendo la voce di De Niro in ogni pagina e direi che non ci sia attore più adatto a vestire i panni di Frankie Machine.

    Il libro è scritto bene, non è stato mai noioso e mi ha coinvolto da subito.
    Nei primi capitoli del libro viene descritta la vita attuale del nostro mafioso, parte che potrebbe quasi sembrare sottotono/monotona, ma credo che l’autore abbia raggiunto appieno il suo obiettivo: far capire quanto questa routine/monotonia sia tanto cara a Frankie.

    ha scritto il 

  • 4

    Frank Machianno, soprannominato “Machine” ai vecchi tempi della sua frequentazione in Cosa Nostra, per essere stato uno dei più abili killer della West Coast, ora è un tranquillo ultrasessantenne, pro ...continua

    Frank Machianno, soprannominato “Machine” ai vecchi tempi della sua frequentazione in Cosa Nostra, per essere stato uno dei più abili killer della West Coast, ora è un tranquillo ultrasessantenne, proprietario a San Diego di un negozio di esche, agente immobiliare, rifornitore di pesce per i ristoranti, con una antica e mai dimenticata passione per il surf, ora praticata nell’ “ora dei gentiluomini”, quella di metà mattinata, nonché padre devoto e lavoratore instancabile e stimato.
    La tranquilla vita di Frank viene sconvolta il giorno in cui un paio di giovani mafiosi, completamente ignari delle “vecchie regole”, si fanno vivi per chiedere aiuto, per un incarico che si scoprirà affondare la radici nel passato di “Machine”. Inizia, quindi, nel romanzo un’altalena temporale, zeppa di flash-back, che spiegano come Frankie abbia potuto “sfangarla” e sopravvivere alle guerre di mafia della Costa Occidentale, spesso cercando di tenere presente un “codice d’onore”, ora completamente quasi scomparso. Riemerge un passato che si rivela, a quanto pare, difficile da cancellare, e il vecchio ex-killer dovrà scervellarsi non poco per capire quale dei vecchi “amici” abbia intenzione di saldare un vecchio conto in sospeso. Ma quale?
    Il romanzo, volendo utilizzare un paragone filmico, sembra una riuscita combinazione tra “The Goodfellas” e “Casinò”, entrambi dell’italoamericano Martin Scorsese ed entrambi con Robert De Niro tra gli interpreti, in predicato di essere scelto quale Frank Machianno per la prossima versione in celluloide. Sparatorie, agguati, fughe rocambolesche, cocaina, fiumi di denaro, prostituzione, mondo dei film porno, tutto questo Frankie Machine dovrà rivisitare, con i federali alle calcagna e con la speranza di ritornare alle esche ed alla tavola da surf.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Carino

    Un romanzo con venature noir di agile lettura, già pronto, in effetti per la trasposizione cinematografica che pare stiano preparando.
    L'impianto narrativo non si discosta dai dettami del genere con i ...continua

    Un romanzo con venature noir di agile lettura, già pronto, in effetti per la trasposizione cinematografica che pare stiano preparando.
    L'impianto narrativo non si discosta dai dettami del genere con i suoi ruoli ben definiti: il criminale dall'alone romantico, il poliziotto tutto d'un pezzo, ma capace di scendere a compromossi in nome di valori alti e le figure femminili ambigue. "Cherchez la femme" è sempre un motto da tenere bene a mente quanto ci si approccia ad libro di questo tipo.
    Ciò che rende però "L'inverno di Frankie Machine" una lettura meno scontata è l'andamento a flashback che, di fatto, sono la vera trama del romanzo, la chiave per trovare il bandolo della matassa ed il motore primo per l'azione che si svolge nel presente.
    Avrei preferito quel finale amaro, alla Dottor Zivago (mi si perdoni l'accostamento un po' azzardato), senza l'epilogo buonista e un po' scontato.
    Insomma, non è Chandler, nè Ellroy, ma comunque un libro piacevole da divorare in un paio di giorni.

    ha scritto il 

  • 3

    04/12/2011
    La vita è come una grossa arancia: quando sei giovane ti affretti a strizzarla per prenderne subito tutto il succo. Quando sei più maturo la spremi più lentamente, ne assapori ogni stilla. ...continua

    04/12/2011
    La vita è come una grossa arancia: quando sei giovane ti affretti a strizzarla per prenderne subito tutto il succo. Quando sei più maturo la spremi più lentamente, ne assapori ogni stilla. Perché, uno: non sai quante gocce ti rimangono; due: le ultime sono quelle più dolci.
    Ex killer della mafia, appassionato di surf, a sessant'anni suonati, fuori ormai dal giro dal quale era riuscito ad uscire senza lasciarci le penne, si trova di nuovo coinvolto nella malavita californiana e rischia la vita per aiutare il figlio di un vecchio boss. Ottimo.

    ha scritto il 

  • 3

    o mio babbino caro...

    ben scritto MA, pur non essendo una fanatica della legalità, non vado matta per i mafiosi che trafficano in droga e prostituzione, killer "free lance", anche se con rigorosi principi personali. Quals ...continua

    ben scritto MA, pur non essendo una fanatica della legalità, non vado matta per i mafiosi che trafficano in droga e prostituzione, killer "free lance", anche se con rigorosi principi personali. Qualsiasi gruppo di banditi ha bisogno di regole di convivenza. La scelta di un sessantenne come protagonista pare originale ma serve ad allungare la memoria delle vicende passate; un po' scontato nelle capacità di sopravvivere a qualsiasi attacco, astuto e forte, un superman dai capelli grigi. I mafiosi dei film e dei romanzi americani son sempre appassionati di opera, soprattutto Puccini: è una convinzione degli autori o li abbiamo esportati tutti?

    ha scritto il 

  • 4

    Da non Perdere

    Non è un libro appena uscito, ma conviene cercarlo per leggerlo. Purtroppo non c'è l'e-book sarebbe più semplice. In ogni caso è avvincente e ben scritto con ritmo crescente. Se paice il genere è da l ...continua

    Non è un libro appena uscito, ma conviene cercarlo per leggerlo. Purtroppo non c'è l'e-book sarebbe più semplice. In ogni caso è avvincente e ben scritto con ritmo crescente. Se paice il genere è da leggere

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per