L'ipnotista

Di

Editore: Mondolibri

3.3
(3291)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 585 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Portoghese , Svedese , Olandese , Catalano , Francese , Norvegese , Inglese , Danese , Tedesco , Chi tradizionale , Ceco , Greco

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace L'ipnotista?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    La storia comincia a snodarsi dal ritrovamento di un uomo accoltellato brutalmente in una scuola. La polizia, arrivata a casa della vittima per avvisare, ritrova i familiari barbaramente uccisi - fatt ...continua

    La storia comincia a snodarsi dal ritrovamento di un uomo accoltellato brutalmente in una scuola. La polizia, arrivata a casa della vittima per avvisare, ritrova i familiari barbaramente uccisi - fatta eccezione per un ragazzo, in evidente stato di shock. E' proprio per capire cosa sia potuto accadere che viene interpellato Erik Bark, famoso ipnotista che non esercita più da tempo. Joona Linna riesce a convincerlo ad esercitare, solo per una volta, il suo metodo di ipnosi sul ragazzo, in modo da poter chiarire le circostanze della strage. Ma, dopo la seduta, il figlio di Erik, Benjamin, scompare nel nulla. Thriller "nordico" intrigante ed incalzante, piacevole da leggere. Non do il massimo perché ho trovato ridondanti alcune descrizioni, che rallentano senz'altro la lettura, e fuori luogo alcuni flashback, che mi hanno fatto perdere un po' il filo e mi hanno confuso. In sostanza, un buon giallo.

    ha scritto il 

  • 1

    Delusione

    Confusionario, irrealistico, pieno di flashback inutili e intrecci che annoiano piuttosto che interessare ( sembra quasi che ad un certo punto abbiano abbandonato un'idea di trama per un'altra).
    Si ri ...continua

    Confusionario, irrealistico, pieno di flashback inutili e intrecci che annoiano piuttosto che interessare ( sembra quasi che ad un certo punto abbiano abbandonato un'idea di trama per un'altra).
    Si risolleva un po' verso la fine per riaffondare, in tutti i sensi, subito dopo con spiegoni e scene forzate.

    ha scritto il 

  • 4

    Avvincente ed intrigante

    Libro che si fa leggere tutto d'un fiato perchè ti tiene incollata alle sue pagine. Non puoi smettere di leggerlo perchè ti prende quella frenesia di conoscere quanto prima il colpevole. Ben scritto e ...continua

    Libro che si fa leggere tutto d'un fiato perchè ti tiene incollata alle sue pagine. Non puoi smettere di leggerlo perchè ti prende quella frenesia di conoscere quanto prima il colpevole. Ben scritto e scorrevole, sicuramente ne consiglio la lettura

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel thriller, incalzante e avvincente al punto giusto. La sensazione a un certo punto è che ci sia un po' troppa carne al fuoco, ma nel complesso è stata una lettura piacevole.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    3 stelle piene ma non di più!

    Mi risulta un po' difficile dare un voto a questo libro. La storia mi ha intrigato e lo stile di scrittura mi ha catturato,però gli autori si sono dilungati troppo ed inutlilmente su parti del romanzo ...continua

    Mi risulta un po' difficile dare un voto a questo libro. La storia mi ha intrigato e lo stile di scrittura mi ha catturato,però gli autori si sono dilungati troppo ed inutlilmente su parti del romanzo che non hanno portato nulla alla trama, vedi ad esempio la band dei bambini cattivi,mi ha lasciato perplesso.
    In più pur giudicandolo un buon thriller non mi spiego questo successo a detta di molti, planetario.
    Mistero anche questo..:)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    appassionante

    Appassionante
    Bello, questo thriller. Complicato, contorto, ma bello. Non riuscivo a staccarmi dalla lettura. I personaggi sono ben definiti, la storia credibile, nel suo orrore.
    E poi, mi sono innamo ...continua

    Appassionante
    Bello, questo thriller. Complicato, contorto, ma bello. Non riuscivo a staccarmi dalla lettura. I personaggi sono ben definiti, la storia credibile, nel suo orrore.
    E poi, mi sono innamorata di Joona! Con il suo accento finlandese e la sua aria affascinante e sfuggente!
    La storia di questa famiglia viene raccontata in tutte le sue sfaccettature, dall'inizio, alla sua quasi fine, al suo re-inizio.
    Simone e Erik sono persone tormentate le cui vite vengono scosse da un trauma che finirà per rimettere a posto i loro sentimenti. Ma sono persone a cui per la testa passano frasi del tipo: "quel sorriso con i denti storti che le aveva sempre fatto tremare le ginocchia"
    Un uomo e una donna che non si comprendono più, si ritrovano ad affrontare parallelamente il dramma che li accomuna; e, ognuno per la sua strada, si ritroveranno di fronte al loro figlio.
    Certo, Erik è proprio lo stereotipo dell'uomo...."Mi ero sentito adulato. Bastava così poco? Avevo capito con mio grande stupore di aver scoperto un mio punto debole: ero vanitoso"...ma va?!?!?!? Strano!!!!
    Però, poi, quando parla del suo lavoro, "questa sensazione però non aveva tanto a che fare con la vanità, quanto piuttosto con l'esperienza estremamente gratificante di poter usare le mie competenze a vantaggio degli altri"
    "Aveva capito allora che voleva aiutare le persone rimaste ostaggio delle violenze subite, ancora tormentate dal ricordo nonostante i colpevoli fossero scomparsi da tempo".
    Non si può fare a meno di adorarlo. Sarà anche perché l'ipnosi è argomento davvero affascinante, almeno per me.
    E poi Simone, con la sua sensibilità, il suo romanticismo:
    "è difficile richiamare alla mente le emozioni che si provano quando si scopre di essere stati traditi. Dopo lungo tempo diventa solo un dolore e uno strano senso di vuoto allo stomaco, una volontà di evitare i pensieri che possono ferire. E tuttavia Simone ricorda che la prima reazione era stata la sorpresa."
    Insomma, un thriller consigliatissimo; con un'unica pecca: che Erik ci metta tipo 300 pagine a ricordarsi dei suoi pazienti di 10 anni prima, è un espediente narrativo un pochino irritante....
    4 stelle su 5.

    ha scritto il 

Ordina per