Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'isola degli amori infiniti

Di

Editore: Mondadori

3.6
(129)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 334 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8804567708 | Isbn-13: 9788804567707 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Fezzardi

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'isola degli amori infiniti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Miami 1994. Una giovane giornalista cubana rifugiatasi in USA dopo la mortedei genitori incontra in un locale un'anziana cubana che inizia a raccontarlela sua vita. Nel corso di varie serate le due donne si immergono nelle vicendedi tre famiglie che appartengono alle tre etnie che compongono il popolocubano: cinese, africana e spagnola. Il romanzo è composto di due storieparallele, una attuale e l'altra iniziata nel 1350, che si intrecciano finoall'ultima pagina. Sulle note musicali del bolero, cento anni di appassionantesaga familiare al femminile che mescola elementi romantici ed esoterici conl'avvincente storia di Cuba.
Ordina per
  • 2

    Miami, 1994. Cecilia, giornalista di origine cubana, ascolta da Amalia, un'anziana dal fare enigmatico, una storia nata nel lontano passato; una vicenda fatta di sentimenti e passioni, in cui i destini in apparenza distanti di tre famiglie – appartenenti alle tre etnie del popolo cubano: cinese, ...continua

    Miami, 1994. Cecilia, giornalista di origine cubana, ascolta da Amalia, un'anziana dal fare enigmatico, una storia nata nel lontano passato; una vicenda fatta di sentimenti e passioni, in cui i destini in apparenza distanti di tre famiglie – appartenenti alle tre etnie del popolo cubano: cinese, africano e spagnolo – si incrociano per le strade di un'Avana misteriosa e magica. Cecilia rimane incantata, rivive dolori, battaglie e illusioni dei protagonisti del racconto, fino a scoprire che anche lei è destinata a farne parte... L'isola degli amori infiniti è una saga familiare che affascina per la sua originalità e i suoi toni quasi da favola. Un romanzo in cui culture, credenze e usanze diverse si mischiano sull'onda di un sentimento universale: l'amore. Questo romanzo mi ha lasciato un po' perplessa e un po' interdetta. Domandandomi come iniziare questa recensione, non mi è venuto in mente nulla di davvero indicativo in poche parole su quello che era il mio pensiero a proposito. Mi dispiace dirlo, ma appartiene a quella categoria di libri che ti lascia ben poco. Come spiegato nel quarto di copertina, viene ripercorsa una saga familiare che collega una famiglia cinese a una spagnola e nera e vi si sommano tutte le etnie che compongono il popolo cubano. Attraverso il racconto che l'anziana Amalia fa a Cecilia si ricostruisce la storia della sua famiglia. Ogni generazione è caratterizzata da un grande, drammatico e imperituro amore messo alla prova dai drammi dell'esistenza personale e dalla storia. Nello stesso tempo Cecilia, che è una giovane e solitaria giornalista, investiga su delle apparizioni di una casa per poterne scrivere un articolo. Trama La trama prende spunto da una ispirazione che poteva risultare valida perché c'è un po' di tutto. Dal mistero alla storia d'amore, dalla saga familiare ai riferimenti alla storia di Cuba. Il tutto, però, appare sempre come sviluppato fino a un certo punto e poi lasciato lì, non ben sviluppato. Faccio qualche esempio: la storia della casa fantasma che appare a intermittenza e che è collegata a Cecilia, viene portata avanti, si scopre il legame con Cecilia ma non si capisce il motivo di questo strano fenomeno se non per un generico desiderio dei suoi famigliari di proteggerla. E, ancora, la storia tra Cecilia e Roberto che è solo leggermente accennata. Considerando che il focus della storia è su altro, si faceva meglio a evitare del tutto questo elemento. Personaggi Anche sui personaggi, sembra che molto sia solo accennato e che non ci sia spazio e tempo per approfondire meglio. In questo caso mi riferisco soprattutto ai personaggi del lungo racconto di Amalia che avrebbero potuto essere molto più affascinanti se solo si fosse dato maggior spazio alla loro vicenda. Questa è una di quelle saghe che avrebbe avuto bisogno di centinaia e centinaia di pagine per poter trattare con soddisfazione la loro storia. Molti passaggi possono risultare incomprensibili, altri promettono bene, soprattutto la storia d'amore tra Amalia e Pablo con l'incontro delle due etnie, cinese e cubano-spagnola potevano avere un maggiore sviluppo. Stile Ho come avuto la sensazione, per tutto il libro, che l'autrice volesse scimmiottare, diciamo ispirarsi, al realismo magico di Marquez o della stessa Allende, attraverso i misteri della cultura cubana e cinese. Ma anche in questo caso, non riesce ad essere altrettanto suggestiva, né riesce a inserire l'elemento “paranormale” in maniera adeguata alla storia. Questo libro è stato un'esperienza poco esaltante e molto deludente per molti versi.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo particolare, surreale - a tratti magico ed esoterico - che nel complesso mi è' piaciuto e consiglio. fondamentali sono, prima dell'inizio del libro, i due alberi genealogici che l'autrice ha inserito e che indubbiamente aiutano a non perdere il filo dei collegamenti fra le storie dell ...continua

    Un romanzo particolare, surreale - a tratti magico ed esoterico - che nel complesso mi è' piaciuto e consiglio. fondamentali sono, prima dell'inizio del libro, i due alberi genealogici che l'autrice ha inserito e che indubbiamente aiutano a non perdere il filo dei collegamenti fra le storie della numerose coppie, fino a giungere a Pablo da un lato ed Amelia dall'altro( che apparentemente sono gli ultimi).a queste storie del passato si sovrappone quella di Cecilia. Quest'ultima incontra l'anziana Amelia in un locale di Avana e, nel corso delle serate questa le racconta di lei e delle coppie di antenati più o meno lontani nonché di quelli del defunto marito Pablo.storie, tutte, affascinanti ed intrise di episodi magici e nefasti.nel contempo, Cecilia e' alle prese con la storia di una casa fantasma che compare in alcune specifiche date, in luoghi sempre diversi, ed è' popolata di personaggi inquietanti....

    ha scritto il 

  • 2

    un racconto caotico...

    aveva tutte le caratteristiche per essere un libro che incontrasse i miei gusti: mistero,folletti,leggende,famiglia,intervelli di tempo dal passato/ presente ,ambientazione cuba/cina...sinceramente mi ha deluso anche se la scrittura è scorrevole i personaggi sembrano nn legarsi fra loro ,sono tr ...continua

    aveva tutte le caratteristiche per essere un libro che incontrasse i miei gusti: mistero,folletti,leggende,famiglia,intervelli di tempo dal passato/ presente ,ambientazione cuba/cina...sinceramente mi ha deluso anche se la scrittura è scorrevole i personaggi sembrano nn legarsi fra loro ,sono troppi e nn descritti in maniera soddisfacente ,è lento, nn mi ha appassionato e invogliato nel proseguire la lettura che ho terminato a fatica...ho letto molte recenzioni favorvoli ...probabilmente nn mi è solo piaciuto. Peccato

    ha scritto il 

  • 5

    Bello, bello, bello!!! Mi è piaciuto tantissimo!Così intriso di sentimenti, storia, passato, miti, leggende, fantasmi... Questo romanzo mi ha colpita profondamente. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Penso sia il classico libro che finché non arrivi alla fine non riesci a capire se ti piace o meno. Personalmente, è stato piuttosto altalenante, guai a far passare più di 3 giorni da un capitolo all'altro che già non ricordi più niente. Troppi personaggi, troppi protagonisti, troppi flashback (e ...continua

    Penso sia il classico libro che finché non arrivi alla fine non riesci a capire se ti piace o meno. Personalmente, è stato piuttosto altalenante, guai a far passare più di 3 giorni da un capitolo all'altro che già non ricordi più niente. Troppi personaggi, troppi protagonisti, troppi flashback (e la Chaviano non è Emily Bronte...). Soprattutto troppi fantasmi, troppe cose fantastiche e impossibili che non stanno in piedi. Però. Però, nonostante talvolta abbia faticato a tenere le fila di tutto, la storia mi ha sempre appassionato ed ho letto fino alla fine senza stancarmi. Sarà il tempo quindi a decidere se questo libro l'avrò amato oppure cadrà nel dimenticatoio. Per adesso il bilancio è positivo.

    Se volete un consiglio, leggete tutto abbastanza velocemente senza troppe pause tra un capitolo e l'altro perché altrimenti rischiate (come me), di ritrovarvi a dover fare i conti con le dimenticanze dei nomi e dei personaggi che scorrono veloci a carrellate all'interno del racconto..

    ha scritto il 

  • 5

    Generazioni di amori che si trovano, si vivono, si devono abbandonare per poi ritrovarsi..
    Un folletto inizialmente dispettoso ma poi tenero : )
    Fate, divinità e misteri contornano il tutto..
    Grazie alla scrittrice per gli alberi genealogici all'inizio del libro. Senza i quali mi sarei persa vari ...continua

    Generazioni di amori che si trovano, si vivono, si devono abbandonare per poi ritrovarsi.. Un folletto inizialmente dispettoso ma poi tenero : ) Fate, divinità e misteri contornano il tutto.. Grazie alla scrittrice per gli alberi genealogici all'inizio del libro. Senza i quali mi sarei persa varie volte nei primi capitoli :D

    ha scritto il 

  • 5

    Una storia affascinante, passionale. Scritta senza troppe complicazioni, a tratti sembra quasi una favola. La storia delle tre famiglie che si intrecciano è davvero bella. Il legame finale fra il racconto di Amalia e la vita di Cecilia ci sta molto bene per come la vedo io e rende il libro una cl ...continua

    Una storia affascinante, passionale. Scritta senza troppe complicazioni, a tratti sembra quasi una favola. La storia delle tre famiglie che si intrecciano è davvero bella. Il legame finale fra il racconto di Amalia e la vita di Cecilia ci sta molto bene per come la vedo io e rende il libro una classica lettura fantasiosa. Il genere di letture che più mi affascinano perchè allontanano la mente dalla vita di tutti i giorni, spremendo la fantasia in tutto e per tutto.

    ha scritto il 

  • 4

    4 estrellas bien ganadas

    Es un libro interesante. Narra las historias de tres familias de distintos orígenes (china, africana y española) que terminan radicándose en Cuba, grupos de inmigrantes que forman las raíces de la población cubana. Las historias con el paso de los años se entrelazan mientras se suceden amores, al ...continua

    Es un libro interesante. Narra las historias de tres familias de distintos orígenes (china, africana y española) que terminan radicándose en Cuba, grupos de inmigrantes que forman las raíces de la población cubana. Las historias con el paso de los años se entrelazan mientras se suceden amores, algunos hechos esotéricos y muchos acontecimientos políticos. Pero también hay una cuarta historia narrada en tiempo presente que tiene por protagonista a una joven cubana que es quien recopila estas otras narraciones pasadas, que lucha entre la añoranza a su país y el odio. Hasta último momento dudaba cuantas estrellas iba a darle pero cuando llegué al último renglón sin dudas se merece 4 estrellas.

    ha scritto il