L'isola dei segreti

Di

3.2
(814)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 336 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8854127345 | Isbn-13: 9788854127340 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'isola dei segreti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Peccato

    L'idea del romanzo è buona, ma trovo che non sia sviluppata in maniera adeguata. Sarebbe potuto essere un romanzone e invece non convince, ed è un peccato. Lo colloco idealmente sullo scaffale delle o ...continua

    L'idea del romanzo è buona, ma trovo che non sia sviluppata in maniera adeguata. Sarebbe potuto essere un romanzone e invece non convince, ed è un peccato. Lo colloco idealmente sullo scaffale delle occasioni perdute. Peccato davvero.

    ha scritto il 

  • 4

    quel finale che...ma forse pensandoci bene...

    Ho preso il brutto vizio di non scrivere più la recensione appena finito il libro, arrivando ad accumulare libri su libri in attesa di chiusura pratica.
    In questo caso però è stata una cosa positiva, ...continua

    Ho preso il brutto vizio di non scrivere più la recensione appena finito il libro, arrivando ad accumulare libri su libri in attesa di chiusura pratica.
    In questo caso però è stata una cosa positiva, visto che rivedendo il libro, questa mattina, ho ripensato all'amarezza provata ieri per il finale.
    Amarezza spazzata via da un'idea maturata oggi a mentre fredda.
    Il libro non è al livello di "che fine ha fatto Mr. Y" e ho sbagliato a leggerlo con l'aspettativa "sarà migliore?", però si possono trovare bei passaggi ed interessanti e profonde verità nascoste tra le righe.
    Potrebbe essere visto come una valutazione dell'io, di persone molto diverse tra loro, analizzato in solitudine, in mezzo agli altri e paragonato alla società indirizzata su atavici e ben delineati binari.

    ha scritto il 

  • 3

    La trama sembrava molto bella e avvincente, peccato che più andavo davanti, più' capivo quanto invece fosse banale. All'inizio del libro, la presentazione dei personaggi e' ben delineata, per poi pass ...continua

    La trama sembrava molto bella e avvincente, peccato che più andavo davanti, più' capivo quanto invece fosse banale. All'inizio del libro, la presentazione dei personaggi e' ben delineata, per poi passare direttamente a loro che si risvegliano sull'isola. Tre quarti del libro racconta di loro che giocano a "obbligo o verita" tralasciando secondo me dettagli mangani ben più' importanti, che non sto qui a dire ,che poteva sviluppare molto di più per rendere avvincente la storia. Non e' stato male, ma l'ho trovato banale, insipido e incompleto specialmente nella parte finale, ma questo della Thomas e' il suo primo libro, quindi penso che le daro' un altra possibilità prossimamente! Buone letture

    ha scritto il 

  • 3

    La cosa più lusinghiera che si può dire di quest'opera è che è tremendamente avvincente. Non sono letteralmente riuscita a staccarmi dalle pagine fino alle ultime righe, ansiosa di capire dove volesse ...continua

    La cosa più lusinghiera che si può dire di quest'opera è che è tremendamente avvincente. Non sono letteralmente riuscita a staccarmi dalle pagine fino alle ultime righe, ansiosa di capire dove volesse andare a parare l'autrice. I dialoghi coinvolgenti, la tensione e l'introspezione dei personaggi compensano i difetti della trama (ok, è chiaro che l'annuncio per 'giovani menti brillanti' e l'isola deserta non sono che pretesti per porre i ragazzi in relazione tra loro e sondare i loro animi, ma la morte apparentemente immotivata del rapitore e l'ingenuità del suo piano restano punti abbastanza oscuri) e rendono "L'isola dei segreti" una lettura piacevole.
    Temevo che le ultime righe mi avrebbero delusa, invece riscattano appieno una trama altrimenti confusa, rendendo chiaro il suo significato simbolico; una catarsi finale che lascia un punto di domanda in sospeso: è meglio affrontare la vita o fuggire dal mondo?

    ha scritto il 

  • 4

    A prima vista non gli si da una lira, eppure...

    Sarà che ho ritrovato un po' di me stessa in ognuno dei protagonisti ma questo libro, dalla copertina improbabile, mi è piaciuto più di quanto mi aspettassi. La prima parte è dedicata interamente alla ...continua

    Sarà che ho ritrovato un po' di me stessa in ognuno dei protagonisti ma questo libro, dalla copertina improbabile, mi è piaciuto più di quanto mi aspettassi. La prima parte è dedicata interamente alla presentazione dei personaggi, eccezionalmente descritti a mio parere. Nella seconda parte si sviluppa la storia vera e propria. Non mi sono piaciuti alcuni dialoghi tra i personaggi, per il resto trovo che da una trama apparentemente insignificante si possano tirar fuori delle riflessioni interessanti, su sé stessi e sulla vita; per chi le sa e chi le vuole cogliere, ovviamente.

    ha scritto il 

  • 1

    L'unico segreto è cosa ci abbia trovato di eccezionale Jonathan Coe. Personaggi poco credibili e trama non pervenuta, sono più avvincenti le pagine gialle.

    ha scritto il 

Ordina per