L'isola misteriosa

Di

Editore: Aurora

4.2
(1209)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 215 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Chi semplificata , Catalano , Sloveno , Norvegese , Portoghese , Olandese

Isbn-10: 8809190246 | Isbn-13: 9788809190245 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Viaggi

Ti piace L'isola misteriosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Piccolo consiglio a chi si approccia alla lettura...

    Mi permetto di dare un solo consiglio: se avete intenzione di leggere anche "Ventimila leghe sotto i mari", leggete prima quest'ultimo, e solo dopo gustatevi "L'isola misteriosa"! Io feci il contrario ...continua

    Mi permetto di dare un solo consiglio: se avete intenzione di leggere anche "Ventimila leghe sotto i mari", leggete prima quest'ultimo, e solo dopo gustatevi "L'isola misteriosa"! Io feci il contrario e mi rovinai due romanzi in un sol colpo!

    ha scritto il 

  • 0

    Il libro "l'Isola misteriosa" di Jules Verne racconta la storia di 5 naufraghi che grazie al loro ingegno riescono a sopravvivere per 3 anni scoprendo che non sono soli su quell'isola ma ci sono altri ...continua

    Il libro "l'Isola misteriosa" di Jules Verne racconta la storia di 5 naufraghi che grazie al loro ingegno riescono a sopravvivere per 3 anni scoprendo che non sono soli su quell'isola ma ci sono altri uomini. Verranno poi attaccati dai pirati ma salvati da una figura misteriosa. Alla fine riusciranno a salvarsi e tornare alla loro patria. A me personalmente è piaciuto molto perchè ti lascia sempre con un po di suspance e poi ha una morale molto forte, che gli uomini con l'astuzia e l'unione riescono a superare ogni ostacolo

    ha scritto il 

  • 5

    Verne ci regala un'altra perla!

    Questo autore ingiustamente relegato alla narrativa per ragazzi è in grado, a distanza di secoli, di emozionare con le sue avventure.
    In questo romanzo cinque naufraghi persi in un'isola deserta crean ...continua

    Questo autore ingiustamente relegato alla narrativa per ragazzi è in grado, a distanza di secoli, di emozionare con le sue avventure.
    In questo romanzo cinque naufraghi persi in un'isola deserta creano un microcosmo in cui tutti, collaborando tra loro, riescono non solo ad affrontare le numerose avversità ma a costruire tutto quello di cui hanno bisogno.
    Affascinanti le descrizioni dei vari procedimenti che vengono usati per trasformare le materie prime trovate sull'isola in utensili, vestiti, armi e quant'altro, a dimostrazione che Verne oltre ad essere uno straordinario scrittore era anche uno scienziato a tutto campo.
    Il romanzo non manca di colpi di scena e di fatti misteriosi che tengono alta la suspense fino alla fine, stupendo con un epilogo inatteso.
    Un classico intramontabile adatto ad ogni età.

    ha scritto il 

  • 5

    come al solito verne è un ottimo autore di avventura. da regalare ad un quattordicenne che ama l'avventura, con un misto di fantascienza. può sembrare che all'inizio sia il classico libro di un naufra ...continua

    come al solito verne è un ottimo autore di avventura. da regalare ad un quattordicenne che ama l'avventura, con un misto di fantascienza. può sembrare che all'inizio sia il classico libro di un naufragio, ma diffidate, verne può sempre sorprendere. Questo libro è un po' la continuazione di ventimila leghe sotto i mari, inoltre c'e' anche un personaggio de i figli del capitano Grant. Perciò non fate come me leggetevi prima questi due romanzi e poi l'isola misteriosa. C'e' da dire che almeno in questo libro non ci sono pagine morte su inventari vari come in Robinson crusoe. Qui i protagonisti non hanno nulla, ma grazie all'ingegno di Cyrus hanno in realtà tutto. Col tempo riusciranno anche a scoprire il mistero dell'isola e di chi la abita. Scorrevole e per nulla pesante è una storia che prende fin dalla prima pagina. Da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Cyrus Smith, Gedeone Spilett, Pencroff, Harbert e Nab naufraghi sull'isola Lincoln

    L'Île mystérieuse fu pubblicato a puntate dal 1874 al 1875 nella rivista Magasin d'Éducation et de Récréation e raccolto in volume da Hetzel nel 1875 con numerose illustrazioni di Jules Férat. Costitu ...continua

    L'Île mystérieuse fu pubblicato a puntate dal 1874 al 1875 nella rivista Magasin d'Éducation et de Récréation e raccolto in volume da Hetzel nel 1875 con numerose illustrazioni di Jules Férat. Costituisce il terzo e ultimo capitolo di una trilogia iniziata con "I figli del capitano Grant" e "Ventimila leghe sotto i mari".
    La mia è questa edizione del 1991, con tavole illustrate, stampata a caratteri minuscoli e zeppa di errori.
    Fantastico mix di avventura, scienza e mistero

    ha scritto il 

  • 5

    Costruzione di una civiltà

    1865. Durante la guerra di Secessione cinque prigionieri nordisti fuggono da Richmond, in Virginia, con un pallone aerostatico. Travolti da una terribile tempesta, approdano quattro giorni dopo su un’ ...continua

    1865. Durante la guerra di Secessione cinque prigionieri nordisti fuggono da Richmond, in Virginia, con un pallone aerostatico. Travolti da una terribile tempesta, approdano quattro giorni dopo su un’isoletta sperduta nel Pacifico meridionale. I naufraghi, privi di qualsiasi utensile, hanno la fortuna di trovare il necessario in natura, ma, a differenza di altri protagonisti di romanzi d’avventura, devono fabbricare da soli, grazie a ingegno e conoscenza, gli attrezzi indispensabili. Sull’isola c’è però una misteriosa presenza che fin dai primi giorni aleggia intorno ai cinque uomini, benefica ma inquietante, e che solo all’ultimo troverà spiegazione. Verne vuole dimostrare che un gruppo di persone determinate, ciascuna con qualche abilità o specializzazione, è in grado non solo di sopravvivere, ma di costruire una civiltà. Certo, i naufraghi sono fortunati, perché sull’isola c’è ogni possibile risorsa animale, vegetale e minerale, ma il libro è un inno all’ingegno umano che sa trarre profitto dalla conoscenza e un’allegoria del percorso della civilizzazione, dalle caverne alla tecnologia. Forse i personaggi sono un po’ stereotipati, hanno ruoli sociali ben delineati, con lo scienziato Cyrus Smith capo indiscusso del gruppo. Verne sa descrivere in modo magistrale, con fondamenti scientifici, l’improbabile, ma non impossibile, che è la base dei racconti d’avventura, e i naufraghi stessi riescono a dare spiegazioni razionali all’inesplicabile. Ho esitato a ricomprare questo libro, letto con mio padre a otto anni, perché i ricordi infantili sono sempre soffusi da un’aura di magia, che è disillusa in età matura, ma questo resta sempre un meraviglioso romanzo di avventura, non solo x i bambini, ma anche x gli adulti. Rimpiango le magnifiche illustrazioni di quel libro, una delle quali è riportata sulla copertina di questa edizione. Credo che rileggerò altri romanzi di Verne, un autore senza tempo.

    ha scritto il 

  • 5

    In un universo parallelo, privo di Salvini, Angus McGyver e Bear Grylls formano una coppia di fatto ed hanno un figlio, che chiamano Cyrus Smith.

    Non sapete come funziona una mongolfiera? Cyrus Smith ...continua

    In un universo parallelo, privo di Salvini, Angus McGyver e Bear Grylls formano una coppia di fatto ed hanno un figlio, che chiamano Cyrus Smith.

    Non sapete come funziona una mongolfiera? Cyrus Smith lo sa.
    Non sapete come produrre il salnitro? Cyrus Smith lo sa.
    Non sapete come costruire un mulino? Cyrus Smith lo sa.
    Non sapete come usare un sestante? Cyrus Smith lo sa.
    Io vorrei sapere che università c'erano nel 1800, ma vabbè.

    Cyrus Smith è il protagonista dell'Isola misteriosa, del geniale e mai troppo elogiato Jules Verne.
    Lui, ingegnere, altri 4 compagni ed un cane fedele, in seguito ad una rocambolesca fuga a bordo di una mongolfiera, si troveranno soli e con pochissimi mezzi a disposizione, su un'isola deserta e fuori dalle rotte abituali.

    I naufraghi o, come loro amano definirsi, i coloni, riusciranno ad adattarsi al nuovo stile di vita, sognando anzi di fare della loro nuova sistemazione un nuovo porto per la nascente America.

    Se la perfezione è 100, questo libro è 98. Fa storcere un po' il naso solo nelle ultime pagine, per un finale comunque MILLEMILA volte migliore di quello di Lost, perde un po' di credibilità ed attuabilità.
    Poco realistici anche i superuomini che tutto sanno fare e tutto imparano a fare, ma non risultano mai antipatici o innaturali.

    Un libro bellissimo che, al pari dell'Isola del tesoro, trasuda avventura ad ogni pagina. Ci sono pochi libri che farebbero la gioia di un teenager e questo è sicuramente uno di quelli.

    ha scritto il 

  • 4

    La colonia

    Il primo approdo con la penna di Jules Verne.
    Mi sono scoperto a leggere sempre più avidamente "L'isola misteriosa" e la storia che porta con sè. Trascinato di pagina in pagina dalla capacità dell'aut ...continua

    Il primo approdo con la penna di Jules Verne.
    Mi sono scoperto a leggere sempre più avidamente "L'isola misteriosa" e la storia che porta con sè. Trascinato di pagina in pagina dalla capacità dell'autore di narrare un'avventura senza tempo, che parla di naufraghi, amicizia, terra, vita ed equilibrio tra questi elementi.
    Gli approfondimenti scientifici mi hanno ricordato, non nella pesantezza, "Moby Dick" e li ho apprezzati molto. Come quando qualcuno ti spiega qualcosa che sta per fare, perché ha necessità di farla e non in mera veste didascalica.
    Ne consiglio la lettura e il punteggio non è il massimo consentito unicamente per una scelta narrativa dell'autore, che non ho apprezzato particolarmente. Mi sembra abbia tolto molto realismo alla storia, ma rimane un parere personale e assolutamente non condivisibile.
    Ovviamente non svelerò di cosa si tratta, perché in certi casi è meglio non scoprire ciò che non si conosce. Potrebbe deludervi un po', com'è accaduto a questo lettore.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per