Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'obbedienza non è più una virtù

ma la più subdola delle tentazioni

Di

Editore: Fondazione Don Lorenzo Milani

3.7
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 117 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione: 

Genere: Education & Teaching , Political , Social Science

Ti piace L'obbedienza non è più una virtù?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il Magistrato Beniamino Deidda, nella sua relazione afferma che le lettere ai cappellani militari e ai giudici indicano come la Costituzione italiana fosse al centro dell’insegnamento di don Lorenzo Milani.Per consentire l’approfondimento secondo questa lettura, la Fondazione ha riproposto in un nuovo volume i due scritti di don Lorenzo, unitamente ai commenti della stampa dell’epoca che consentono di ricostruire il clima dell’intera vicenda.

Il tempo trascorso ci ha permesso di vedere con chiarezza la lungimiranza di don Lorenzo e la solidità del suo messaggio.

Ordina per
  • 0

    Ci sono foto alle volte che ci parlano più di libri interi. Questo curato dalla fondazione don milani ne contiene alcune scelte con grande amore e con amore scattate non so da chi.
    Ci sono i luoghi, ...continua

    Ci sono foto alle volte che ci parlano più di libri interi. Questo curato dalla fondazione don milani ne contiene alcune scelte con grande amore e con amore scattate non so da chi.
    Ci sono i luoghi, Barbiana e la chiesa con la scuola, ci sono i ragazzi alcuni proprio bambini e poi c'è lui con la faccia pallida e gonfia che mostra tutti i segni della malattia che di lì a poco lo vincerà. A vederlo con quel cappotto nero e lungo fino ai piedi e in testa un basco nero sembra di vedere un rabbi con il suo caffettano e la kippah. Anche lui come un rabbi conosce a fondo la forza della parola. E poi non è forse figlio di ebrei? I ragazzi si stringono intorno a lui, hanno sciarpe, maglioni pesanti, ai piedi stivaloni infangati o scarponi da lavoro. Nonostante il freddo e la pioggia hanno volti sorridenti: sono con il loro maestro. Altre foto ce li mostrano in classe che si accalcano su di lui per vedere qualcosa, si abbracciano attenti, sono un tutto unico, condividono con il maestro la passione per la conoscenza. Vangelo fatto carne.

    ha scritto il 

  • 4

    E' una lettura che unisce il contenuto ricco alla piacevolezza delle lettura. Trovo molto più istruttivo e conciso un insegnamento di questo tipo senza lungaggini o ripetizione dei concetti.

    ha scritto il