Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'occhiale malinconico

Di

Editore: Adelphi

3.8
(28)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845902994 | Isbn-13: 9788845902994 | Data di pubblicazione: 

Ti piace L'occhiale malinconico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "... - e nessuno che guidi, che illumini, che abbia il comando della pietà, che legga e domini i segni, che ci rialzi la faccia - ..."

    Sono fantastici viaggi della mente, quelli che compio in compagnia (meglio, sotto l'egida distratta) di Ceronetti.
    Accanto a lui, dietro di lui navigo universi e sfioro stelle (attraverso riflessioni ...continua

    Sono fantastici viaggi della mente, quelli che compio in compagnia (meglio, sotto l'egida distratta) di Ceronetti.
    Accanto a lui, dietro di lui navigo universi e sfioro stelle (attraverso riflessioni importanti sulla preghiera, su Santa Teresa d'Ávila, sulla donna, su Hiroshima, sulla venuta di Qualcuno, di un Salvatore, di un uomo d'azione dallo sguardo amico), incurante e dimentica, per una volta, del peso del tempo e dello spazio (l'Arte che riplasma e riscrive daccapo), cancellati da un ininterrotto (ed ininterrotto proprio perché continuamente pungolato e fatto rivivere) interesse/orgasmo intellettuale.
    Nessun rammarico nello scoprire che il capitano ha lo sguardo più lungo e più penetrante del mio, umile marinaio senza iniziativa; la sicurezza dei suoi gesti è anzi garanzia di salvezza per me (saprà condurmi, sicuramente salva, in seno al prossimo porto), mentre il suo esempio diventa implicito invito a sforzare gli occhi per guardare più lontano (fatica sensatissima e necessaria).

    ha scritto il 

  • 5

    Magnifica raccolta di saggi da cui emerge tutto lo sconfinato pessimismo di Ceronetti: non mancano pezzi ove brilla una certa arguzia ("Il Cinese e la desnuda"), ma i miei preferiti, anche stilisticam ...continua

    Magnifica raccolta di saggi da cui emerge tutto lo sconfinato pessimismo di Ceronetti: non mancano pezzi ove brilla una certa arguzia ("Il Cinese e la desnuda"), ma i miei preferiti, anche stilisticamente, sono quelli sulla cattedrale di Strasburgo e su Teresa d'Avila.

    ha scritto il 

Ordina per