Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'odore della notte

Di

Editore: Mondolibri, S.p.A.

4.0
(3164)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 228 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo

Isbn-10: A000044661 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Paperback , Copertina rigida , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'odore della notte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    C'è una storia principale, che si dipana seguendo un percorso assai tortuoso e, come sempre, tanti rivoli che le corrono accanto, piccioli ma freschi e cristallini.
    Di morti, a quanto pare, non ce n'è, tutto si gioca sui cunti, sul romanzo d'appendice elaborato strada facendo dal commissari ...continua

    C'è una storia principale, che si dipana seguendo un percorso assai tortuoso e, come sempre, tanti rivoli che le corrono accanto, piccioli ma freschi e cristallini.
    Di morti, a quanto pare, non ce n'è, tutto si gioca sui cunti, sul romanzo d'appendice elaborato strada facendo dal commissario.
    Intanto leggiamo del travaglio interiore che lo consuma, anche se, da uomo di razza qual è, non si concede scappatine pur apprezzando.
    E sempre perché dotato di attributi lo vediamo stronzeggiare quando necessario.
    Anche e soprattutto con chi gli è vicino.
    Il finale ci riserva un grande colpo di scena, giocato sul filo sottile delle rievocazioni gotiche.
    Ma Camilleri è sapiente nello scrivere libri che parlano di libri, invenzione di Cervantes che lui padroneggia bene.
    Due stelle e mezzo perchè gli spunti sono interessanti epperò si dovevano cesellare di più.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo! Si merita il massimo delle stelle anche solo per il finale!
    Il fatto che Montalbano abbia immaginato e poi azzeccato diversi dettagli riguaranti una casa mi ha ricordato "Il pazzo di Bergerac" di Simenon. Maigret, costretto a letto per una ferita d'arma da fuoco, si immaginava l ...continua

    Bellissimo! Si merita il massimo delle stelle anche solo per il finale!
    Il fatto che Montalbano abbia immaginato e poi azzeccato diversi dettagli riguaranti una casa mi ha ricordato "Il pazzo di Bergerac" di Simenon. Maigret, costretto a letto per una ferita d'arma da fuoco, si immaginava le case dei suoi sospettati e poi trovava conferma nei racconti della moglie. Camilleri invece si è ispirato a un romanzo di Faulkner che non ho letto. Davvero molto bello questo libro. Ogni volta mi riprometto di leggere qualcos'altro di Camilleri o di un altro autore, per non fissarmi troppo su Montalbano. Invece ho già letto la trama sul risvolto di copertina de "Il giro di boa". Credo proprio che sarà la mia prossima lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    Sempre un alto livello

    Camilleri si mantiene con questo libro sugli alti, se non altissimi, livelli della sua prima produzione.
    Anche stavolta, inoltre, trova un titolo particolarmente evocativo.

    ha scritto il 

  • 4

    "A seconda dell'ora, la notte cangia odore".
    Camilleri è riuscito a creare un personaggio che riesce a forzare il suo cliché quasi a rendersene indipendente. ... come gli amici che ci stanno accanto cambiano e maturano col passare del tempo (rubata dalla quarta di copertina e azzeccatissima ...continua

    "A seconda dell'ora, la notte cangia odore".
    Camilleri è riuscito a creare un personaggio che riesce a forzare il suo cliché quasi a rendersene indipendente. ... come gli amici che ci stanno accanto cambiano e maturano col passare del tempo (rubata dalla quarta di copertina e azzeccatissima descrizione del nostro amato commissario)

    ha scritto il 

  • 4

    Avanti un altro

    E si riprende a leggere anche qualcosa di sempre piacevole, sorridendo anche grazie all'ironia del Maestro che traspare nel commissario.
    Camilleri... per me.... numero uno mmmmmhhh mmmmhhh ! (cit.)

    ha scritto il 

  • 4

    «Non ce lo voglio dire più.»
    Commissariato di Pubblica Sicurezza di Vigàta o Asilo Infantile Maria Montessori? Se gli dava una conchiglia rossa o un bottone con tre pirtusa Fazio avrebbe in cambio parlato? Meglio andare avanti.

    ha scritto il 

  • 4

    Montalbano si chiede quale odore abbia la notte, proprio mentre indaga sulla curiosa sparizione del ragioniere Gargano, che inizialmente sembra solo una fuga verso lidi esotici. Lo accompagnano una sottile tristezza, la mancanza di Livia, la lontananza del piccolo François. E in tutto questo flui ...continua

    Montalbano si chiede quale odore abbia la notte, proprio mentre indaga sulla curiosa sparizione del ragioniere Gargano, che inizialmente sembra solo una fuga verso lidi esotici. Lo accompagnano una sottile tristezza, la mancanza di Livia, la lontananza del piccolo François. E in tutto questo fluire di emozioni Salvo si accorge che la notte può avere un odore non sempre piacevole.

    ha scritto il 

Ordina per