L'ombra del torturatore

Il Libro del Nuovo Sole, vol. 1

Di

Editore: Fanucci (Tif Extra)

3.4
(240)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 883471931X | Isbn-13: 9788834719312 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Viviana Viviani

Disponibile anche come: Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'ombra del torturatore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Come la ruvida cartolina olografica in grado di restituire con una sensibile inclinazione lo sviluppo tridimensionale dell’immagine, le vicende di Severian, apprendista artigiano della corporazione dei Torturatori, si muovono tra paesaggi medievali e architetture avveniristiche. Sullo sfondo la Torre di Matachin, luogo d’iniziazione ai segreti della casta che ammette come unici adepti i figli delle proprie vittime; in primo piano, l’amore per la condannata Thecla, motore propulsore della storia, che condurrà il protagonista lontano da Nessus, la Città Immortale; ed è in cammino sulle vie dell’esilio, con la spada del Maestro come unica compagna, che Severian tenterà la riscossa contro l’imperscrutabile potere dell’Autarca...

Primo volume del ciclo Il Libro del Nuovo Sole, L’ombra del torturatore è una prova narrativa sontuosamente immaginifica, capace di mettere d’accordo i cultori della fantasy e della fantascienza.
Ordina per
  • 5

    Non ti fidar di lui

    Come ho già avuto modo di dire, anche per questo titolo della Fantacollana Nord la domanda che mi ha assalito una volta conclusa la lettura è stato: cosa cavolo ho letto?
    Spinto dall'onda entusiasta d ...continua

    Come ho già avuto modo di dire, anche per questo titolo della Fantacollana Nord la domanda che mi ha assalito una volta conclusa la lettura è stato: cosa cavolo ho letto?
    Spinto dall'onda entusiasta di alcuni blogger del cui giudizio mi fido, ho intrapreso la lunga strada insieme a Severian, il personaggio principale e la voce narrante, in un… viaggio iniziatico? Una lunga serie di illusioni? Una gigantesca mistificazione ai danni del lettore? Un trattato di filosofia travestito da science fantasy? Una caccia al tesoro e al significato recondito? Un divertissement scritto con indubbio stile e multiforme ingegno? Tante le domande, poche le risposte certe. Forse, al giorno d'oggi, un romanzo del genere non passerebbe le forche caudine delle regole del buon narrare… sarebbe un bene? Volete una risposta sincera? Non lo so. E va benissimo così.
    Una cosa, però, è sicura: sono anche queste le opere che dimostrano che la narrativa d'immaginazione non ha nulla di meno di quella "mainstream". Ed è altrettanto certo che proseguirò nel cammino insieme a Severian.

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante l'universo creato, bello l'immaginario, curiosi i personaggi (almeno alcuni), intrigante lo stile della prosa e come si amalgama con l'idea di base... Ma la trama? I rimandi a volte.sono ...continua

    Interessante l'universo creato, bello l'immaginario, curiosi i personaggi (almeno alcuni), intrigante lo stile della prosa e come si amalgama con l'idea di base... Ma la trama? I rimandi a volte.sono così palesi da essere banali, altre.probabilmente talmente oscuri da passare inosservati (almeno per me): mi sfugge da sove derivino le lodi sperticate che si vedono in giro. Bello il contorno, inconsistente il contenuto. Pazienza.

    ha scritto il 

  • 0

    Complesso e disorientante...

    ... ma anche onirico e pedante.
    A parte i neologismi e le descrizioni risicate, i dialoghi spesso ermetici e sconclusionati, la caratteristica maggiore del romanzo sembra essere la totale assenza di p ...continua

    ... ma anche onirico e pedante.
    A parte i neologismi e le descrizioni risicate, i dialoghi spesso ermetici e sconclusionati, la caratteristica maggiore del romanzo sembra essere la totale assenza di progressione nella trama, per grosse linee sappiamo cosa muove il protagonista e cosa è intento a fare ma tutto ciò che accade sembra essere infilato in un calderone caotico di eventi e di incontri con una serie di personaggi che spesso non riescono a far presa sull'economia del romanzo.
    Buona l'ambientazione futuristica ed alcune delle atmosfere ma lo stile narrativo, che è sicuramente unico, rende il romanzo ostico e poco godibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Bisogna amare il genere....

    Solo per la grande insistenza dell'amico che me l'ha prestato non ho potuto esimermi dal leggere questo romanzo da lui considerato (ma non solo da lui ) un caposaldo , oltre che un grande esercizio st ...continua

    Solo per la grande insistenza dell'amico che me l'ha prestato non ho potuto esimermi dal leggere questo romanzo da lui considerato (ma non solo da lui ) un caposaldo , oltre che un grande esercizio stilistico da parte dell'autore , del genere “Fantastico”.
    Però , sarà per la traduzione ricca di refusi (si spera...) tipografici , di errori che avrebbero dovuto essere evitati (il termine “affatto” usato diverse volte con significato negativo , e un “mi pare che tieni” a pag.64) , per la profusione di termini astrusi e tali da richiedere l'uso del dizionario , almeno per i non “esperti del settore” , ma ho faticato veramente molto a seguire (ahimè sino alla fine …) le disavventure di Severian e dei vari personaggi che danno vita alla storia .
    Quindi un primo approccio tutt'altro che esaltante , anzi destinato a restare probabilmente unico , con un genere letterario che pur vanta un seguito tutt'altro che trascurabile di grandi appassionati , ma che non credo riuscirà mai a conquistarmi .

    ha scritto il 

  • 4

    Saga mentale

    Ok, il titolo non è proprio bello ma rende l'idea.
    La storia di Severian e della marea di personaggi che circondano questo primo episodio mi ha preso in tutti i sensi.
    La scrittura è molto complessa e ...continua

    Ok, il titolo non è proprio bello ma rende l'idea.
    La storia di Severian e della marea di personaggi che circondano questo primo episodio mi ha preso in tutti i sensi.
    La scrittura è molto complessa e vengono usati molti termini e il vocabolario deve essere d'ordinanza. Però la somma di tutto è davvero goduriosa.
    Fantasy e Fantascienza si mescolano benissimo e quello che mancava inesorabilmente al ciclo di Vance, da cui Wolfe prende ispirazione, qui viene inserito con una precisione millimetrica.
    Cosa mancava nella Terra Morente? Beh, sesso e violenza! Qui non ci si può davvero lamentare.
    Il mistero che sta dietro al Nuovo Sole è talmente ben costruito che si fa fatica a non rimanerne estasiati.
    Se poi la lettura viene accompagnata da <a href="http://ilfuturotornato.com/2014/03/27/gene-wolfe-chiavi-per-il-nuovo-sole/">questo articolo</a> di Davide Mana su "Il futuro è tornato", beh, allora il piatto è davvero ghiotto.
    Spero solo che questo entusiasmo non si spenga come fu per Jack Vance e la sua Terra morente, ma non voglio crederci, perché chi ben comincia è già a metà dell'opera!

    ha scritto il 

  • 4

    alla corporazione dei torturatori possono essere ammessi solo i figli delle loro vittime: fin da questa premessa fondamentale il romanzo che dà inizio al ciclo esprime tutta la propria originalità. il ...continua

    alla corporazione dei torturatori possono essere ammessi solo i figli delle loro vittime: fin da questa premessa fondamentale il romanzo che dà inizio al ciclo esprime tutta la propria originalità. il protagonista, severian, ha una complessità che molti altri protagonisti gli invidierebbero

    ha scritto il 

  • 2

    Mi sono sforzata di andare avanti nella storia, ma sinceramente non sono riuscita a trovare quella connessione che di solito scatta con un buon libro. In funzione di ciò,credo che lascerò perdere anch ...continua

    Mi sono sforzata di andare avanti nella storia, ma sinceramente non sono riuscita a trovare quella connessione che di solito scatta con un buon libro. In funzione di ciò,credo che lascerò perdere anche gli altri 2 volumi dello stesso autore,visto che sono collegati. Mi spiace sempre abbandonare un libro, ma non trovo veramente motivo per continuare a leggerlo.

    ha scritto il 

  • 3

    Sicuramente l'universo inventato da Gene Wolfe e' affascinante e in qualche maniera mi ricorda il pianeta Tschai di Vance, tuttavia la bizzarria di alcuni personaggi non riesce a celare la mancanza di ...continua

    Sicuramente l'universo inventato da Gene Wolfe e' affascinante e in qualche maniera mi ricorda il pianeta Tschai di Vance, tuttavia la bizzarria di alcuni personaggi non riesce a celare la mancanza di motivazioni delle loro azioni, e forse e' in questo, unitamente a un ritmo troppo lento, il punto debole del romanzo

    ha scritto il 

  • 3

    Molto gradevole lo stile di scrittura ma il protagonista mi è apparso amorfo e troppo succube degli eventi.
    Si nota che l'intento dello scrittore è quello di introdurre il lettore all'ambientazione ed ...continua

    Molto gradevole lo stile di scrittura ma il protagonista mi è apparso amorfo e troppo succube degli eventi.
    Si nota che l'intento dello scrittore è quello di introdurre il lettore all'ambientazione ed a livello di presentazione non c'è nulla di cui lamentarsi (anche se il mondo morente di Urth non ha particolari guizzi rispetto ai suoi analoghi), avrei preferito però un po' più di "ciccia" anche per quanto riguarda personaggi e vicende.

    ha scritto il 

Ordina per