L'ombra della profezia

Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 9

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

4.1
(3685)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 476 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804572574 | Isbn-13: 9788804572572 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'ombra della profezia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Fra spettrali campi di battaglia e tetre fortezze in rovina, fra città tramutate in cimiteri e terre ridotte a ossari, la spaventosa guerra dei cinque re volge ormai al termine. A dispetto della morte violenta del patriarca lord Tywin, il leone di Lannister sembra avere comunque trionfato. Dall'ombra del Trono di spade, la feroce Regina Cersei espande il proprio dominio quale reggente del piccolo Re Tommen. Spinta da una divorante sete di egemonia, Cersei è decisa a stringere in pugno il potere assoluto. La Roccia del Drago, isola fortificata del re ribelle Stannis Baratheon, è sottoposta all'attacco finale. Solo un'ultima fortezza continua a resistere alle zampate del leone: Delta delle acque, difeso dal Pesce nero, eroico guerriero della casata Tully. Ma si tratta di una resistenza tanto estrema quanto disperata. Eppure, in questa apparentemente consolidata 'pace del re', nuove, inattese forze sono pronte a sferrare attacchi cruenti. Guidati dal famigerato re Occhio-di-corvo, gli uomini di ferro, pirati in cerca di una nuova egemonia, si sono lanciati all'invasione del sud-ovest del reame, costringendo Cersei e il Trono di spade ad affrontare una nuova, inattesa prova di forza. E dalle brume di una memoria lasciata troppo a lungo sepolta, un'antica, sinistra profezia potrebbe minacciare la stessa regina. Così, mentre lord decaduti e sovrani sconfitti, ambigue figure ecclesiastiche e arroganti cavalieri di ventura continuano a giocare al loro sanguinario gioco del trono, nelle plaghe più desolate del reame, l'orgogliosa donna-guerriera Brienne procede nella sua ricerca forse impossibile; oltre il mare stretto, nella città libera di Braavos, la giovane Arya Stark continua a esplorare gli arcani dell'inquietante culto del Dio dalle Mille Facce; e sui fiumi del Tridente, sferzati dalle piogge dell'inverno che incombe, lo Sterminatore di re è costretto a fare i conti non solo con alleati sempre più infidi ma anche con il nemico più temibile di tutti: la propria coscienza. Non sembra esistere una fine al banchetto dei corvi. E, forse, l'ora del destino sta per scoccare perfino per le prede più inattaccabili.
Ordina per
  • 3

    fine del 4° libro

    A questo punto, dove si differenzia fortemente dalla serie, si fa sempre più interessante. Libro interamente dedicato alle terre d'occidente, con la quasi esclusione delle vicende alla Barriera e la c ...continua

    A questo punto, dove si differenzia fortemente dalla serie, si fa sempre più interessante. Libro interamente dedicato alle terre d'occidente, con la quasi esclusione delle vicende alla Barriera e la completa assenza di Daenerys. Faccio una piccola pausa prima di immergermi nell'ultimo libro in attesa che Martin si decida a far uscire il tanto atteso sesto :)

    ha scritto il 

  • 3

    Un festino di corvi ė il quarto libro della serie, in Italia pubblicato nei due libri Il dominio della regina e L'ombra della profezia, ed è quello che mi è piaciuto meno. Il libro abbandona i persona ...continua

    Un festino di corvi ė il quarto libro della serie, in Italia pubblicato nei due libri Il dominio della regina e L'ombra della profezia, ed è quello che mi è piaciuto meno. Il libro abbandona i personaggi principali dei libri precedenti, lascia in sospeso tutti i colpi di scena che avevano concluso il terzo volume e aggiunge nuove trame e intrighi. La sensazione però è quella di un giro a vuoto, una mestolata di brodo per allungare un po' la minestra senza aggiungere elementi di vero interesse, come il racconto della ricerca di Brienne.
    Le parti più interessanti sono, come al solito, all'inizio e alla fine, ma in mezzo ci sono altre 700 pagine...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Recensione complessiva del 4° volume delle Cronache (Il dominio della regina + L’ombra della profezia)

    Leggendo questo libro e soprattutto la nota finale dell’autore capisco perché i fan si siano così tanto infuriati per le sue tempistiche di scrittore. Cinque anni dopo il precedente finalmente appare ...continua

    Leggendo questo libro e soprattutto la nota finale dell’autore capisco perché i fan si siano così tanto infuriati per le sue tempistiche di scrittore. Cinque anni dopo il precedente finalmente appare il nuovo romanzo, ma è solo metà della storia, quella che riguarda altri personaggi viene posticipata a un ulteriore volume che a detta di Martin arriverà “l’anno prossimo”, mentre invece di anni ne passeranno 6!
    A parte questo comunque è come sempre un racconto piacevolissimo, anche se con pochi capitoli dei personaggi che mi stanno più simpatici, in questo caso Sam e Arya, con la scena dominata invece dai gemelli Lannister, e secondariamente dalla casa Greyjoy e da Dorne. Questa è infatti la novità più grande di questo 4° capitolo: l’entrata in scena dell’ultimo dei sette regni.
    Possiamo così scoprire nuove trame nel Gioco del Trono, quelle intessute dal gottoso ma scaltro principe di Dorne, Doran Martell, quasi mandate in fumo da sua figlia Arianne e dalle nipoti, le Vipere delle sabbie; e quelle del redivivo Euron Greyjoy, tornato a casa da un lunghissimo viaggio proprio quando il fratello maggiore muore improvvisamente per reclamare il trono delle Isole di Ferro dai danni del più grande Victarion e della nipote Asha.

    ha scritto il 

  • 4

    Non so se considerarlo spoiler o meno (a vostro rischio e pericolo)

    E' la degna continuazione dell'ottavo libro, i personaggi sono gli stessi . Alle fine del mio ebook c'è una nota dove Martin annuncia che il decimo libro non è la continuazione di questo ma va di pari ...continua

    E' la degna continuazione dell'ottavo libro, i personaggi sono gli stessi . Alle fine del mio ebook c'è una nota dove Martin annuncia che il decimo libro non è la continuazione di questo ma va di paripasso con questo ma con i personaggi che non si vedono nel nono libro. Sono molto curiosa perchè i narratori di questo volume non mi hanno fatto impazzire, trovo più interessanti quelli del decimo.

    ha scritto il 

  • 4

    A questo punto leggere "il trono di spade" ha lo scopo di "capire come va a finire" tutto l'intreccio narrativo. Ottimo libro, evocativo come sempre .... Aspettiamo il prossimo .....

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente...

    ...un po' di movimento,qualche cambiamento.I personaggi sono quelli del capitolo precedente,quindi i miei preferiti non ci sono,ma a qualcuno andrà molto male e questo alza moltissimo il livello del l ...continua

    ...un po' di movimento,qualche cambiamento.I personaggi sono quelli del capitolo precedente,quindi i miei preferiti non ci sono,ma a qualcuno andrà molto male e questo alza moltissimo il livello del libro.Non vedo l'ora di leggere il prossimo =)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Libro differente rispetto ai tre precedenti, in quanto si concentra principalmente sulle vicende di Approdo del Re, tralasciando tutto ciò che avviene nella Barriera. L'ho trovato veramente affascinan ...continua

    Libro differente rispetto ai tre precedenti, in quanto si concentra principalmente sulle vicende di Approdo del Re, tralasciando tutto ciò che avviene nella Barriera. L'ho trovato veramente affascinante e maturo, rispetto agli altri. Non vedo l'ora di leggere il successivo!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Non si può di certo dire che il cervello di Martin non sia un posto meraviglioso dove accadono cose stupefacenti... ma a volte vorrei il tutto si muovesse più velocemente, senza tutte quelle pause, qu ...continua

    Non si può di certo dire che il cervello di Martin non sia un posto meraviglioso dove accadono cose stupefacenti... ma a volte vorrei il tutto si muovesse più velocemente, senza tutte quelle pause, quei monologhi interiori che non portano il lettore da nessuna parte e lo mollano senza nessun controllo all'interno della mente di un personaggio, per tempi e capitoli che sembrano lunghissimi. Ma quando si passa all'azione, quando tutte le parole gettate al vento si trasformano in conseguenze, nulla riesce a battere la forza delle sue azioni narrative.

    ha scritto il 

  • 3

    Con questo libro Martin si risolleva, ma non mi ha fatto del tutto impazzire. Bello il percorso di Jaime, che man mano cresce come personaggio. Interessante anche la compara dei Greyjoy, anche se mi d ...continua

    Con questo libro Martin si risolleva, ma non mi ha fatto del tutto impazzire. Bello il percorso di Jaime, che man mano cresce come personaggio. Interessante anche la compara dei Greyjoy, anche se mi domando sempre che fine abbia fatto Theon.
    Dubbio sull'ultimo capitolo che riguarda Brienne, voglio credere di non aver capito.
    Il fatto che abbia diviso i continenti continuo a non apprezzarlo, perchè significa che nei prossimi libri non leggeremo di Cersei, Jaime, Sansa e tutti i narratori di questo libro e di conseguenza mancherà qualcosa, come è mancato in questo senza Tyrion, Jon e compagnia bella.

    ha scritto il 

Ordina per