L'orda d'oro, 1968-1977

La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale

Voto medio di 187
| 26 contributi totali di cui 22 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
L'orda d'oro, pubblicato per la prima volta nel 1988, qui ampliato e aggiornato, è un formidabile "strumento della memoria". Balestrini e Moroni montano il materiale accumulato dalla "grande ondata rivoluzionaria" con serenità e rigore, aprendo ... Continua
Ha scritto il 14/11/15
Un mese di lettura abbondante..ma ne è valsa la pena, offre davvero uno sguardo a tutto tondo sulla galassia dei movimenti degli anni '60 e '70, con delle analisi molto lucide e acute. A tratti è pesante, anche a ragione della struttura stessa del ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 05/10/13
La Treccani dei movimenti.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 12/12/12

un mio amico mi ha dato del mongolo
è brutto da dire, ma mi dispiace moltissimo

per lui
così giovane
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 25/05/12
Mi dispiace, ci ho provato, raramente mollo un libro ben oltre la metà, ma dopo averlo tenuto sul comodino per più di un anno, ho dovuto fare una scelta dolorosa e lasciarlo da parte.Probabilmente interessantissimo per chi si occupa di quella ..." Continua...
  • 3 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 10/02/12
almeno ci hanno provato !!!
Libro di storia , non solo di fatti ma principalmente di idee ,fondamentale per comprendere gli anni ’60-70’ ,dal situazionismo alla lotta armata attraverso il movimento studentesco ,le lotte operaie , i gruppi extraparlamentari , e tutte le ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Jun 06, 2010, 19:46
Della giornata in cui Lama fu cacciato dall'universitá io ho un ricordo molto brutto. Mi é rimasta nella mente un'immagine: un compagno del movimento che durante il fuggi-fuggi del servizio d'ordine del Pci aveva in mano un martello e ha ... Continua...
Pag. 536
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 06, 2010, 19:43
L’assillo che la legittimità a governare dovesse passare dalla costruzione di un’immagine di credibilità democratica lo spinse ad accettare la contropartita dell’assumersi il ruolo di garante della conflittualità sociale affinché questa ... Continua...
Pag. 530
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 06, 2010, 19:40
di massa antistituzionale in Italia restano attuali perché irrisolte. `Quale sviluppo per quale futuro?' fu la domanda principale, semplice e terribile nel sintetizzare `l'intuizione' del vivere quel momento come il crinale di un passaggio di ... Continua...
Pag. 528
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 06, 2010, 19:32
"Il '77 non fu come il '68. Il '68 fu contestativo, il '77 fu radicalmente alternativo. Per questo motivo la versione `ufficiale' definisce il '68 come buono e il '77 come cattivo; infatti il '68 è stato recuperato, mentre il '77 è stato ... Continua...
Pag. 527
  • 1 mi piace
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi