L'origine

Un accenno

di | Editore: Adelphi
Voto medio di 204
| 33 contributi totali di cui 22 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Chiara
Ha scritto il 16/06/18

Io studio me stesso più di ogni altra cosa, questa è la mia metafisica, questa è la mia fisica, io stesso sono il re della materia che tratto, e non devo render conto a nessuno, come dice Montaigne.

­­
Ha scritto il 01/12/14
la chiesa si assume (le religioni si assumono) il compito di annientare l'anima di questo nuovo essere umano, e le scuole commettono su mandato e per ordine dei governi di tutti gli Stati del mondo l'assassinio spirituale di questo nuovo giovane esse...Continua
Coda
Ha scritto il 18/11/14
La scrittura micidiale.
I genitori ti annientano entro i primi tre anni di vita. Alle elementari te la puoi cavare, specie se hai il nonno anarchico e lo zio comunista e inventore (io non ce li ho avuti). Le medie ti annientano; se il collegio nel quale ti hanno mandato a f...Continua
Anina e...
Ha scritto il 25/04/14
Chiamalo accenno ..
Un’altra puntata dell’autobiografia (autoanalisi) di Bernhard. In questo libro vi sono gli anni del collegio a Salisburgo, gli anni dell’adolescenza vissuti durante la guerra e subito dopo. Gli anni dell’incontro (o meglio una schiavitù) con una soci...Continua
Ubik
Ha scritto il 28/08/13
Dimenticare Salisburgo
Con lo stile ossessivo e martellante che ho imparato a conoscere da “Il Soccombente”, Bernhard comincia la sua autobiografia, giusto per “accenni” sostiene lui, con questo libro dedicato agli anni dell’adolescenza. Principale bersaglio delle invetti...Continua

Kobayashi
Ha scritto il Oct 12, 2012, 10:54
... era stato ovvio che lei si sottraesse, da un giorno all'altro, a questo matrimonio obbligato dal quale erano nati tre bambini, e seguisse a Basilea mio nonno (lo aveva conosciuto guardando dalla sua abitazione verso il seminario della Priesterhau...Continua
Pag. 108
Kobayashi
Ha scritto il Oct 12, 2012, 10:33
I miei ricordi più belli sono le passeggiate con mio nonno, ore e ore di camminate in mezzo alla natura e di osservazioni che un po' per volta lui era riuscito a sviluppare in me come arte di osservare. Attento a tutto ciò su cui mio nonno richiamava...Continua
Pag. 105
Kobayashi
Ha scritto il Oct 11, 2012, 11:27
... ben altri sono gli interessi della società, la società non ci pensa neanche a informare, e i governi sono sempre e in ogni caso e in ogni paese e regime interessati al fatto che la loro società non venga informata, perché se i governi informasser...Continua
Pag. 74
Kobayashi
Ha scritto il Oct 11, 2012, 11:05
Non avevo avuto mai voglia di esercitare uno sport, anzi ho sempre odiato lo sport e tuttora lo odio. E' sempre stata attribuita allo sport, in ogni epoca e soprattutto da ogni governo, un'importanza grandissima, per la buona ragione che lo sport int...Continua
Pag. 63
Kobayashi
Ha scritto il Oct 10, 2012, 11:57
... perché quasi sempre lo Steiner si infuriava per la mia distrazione, per la mia resistenza e per la mia avversione ormai quasi morbosa all'idea di imparare a suonare il violino, perché se da un lato avevo una grandissima voglia di suonare il violi...Continua
Pag. 45

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi