Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'oro di Poseidone

Di

Editore: Tropea

4.0
(78)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 408 | Formato: Altri

Isbn-10: 8843804103 | Isbn-13: 9788843804108 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Elena Vaccarini

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: History , Mystery & Thrillers

Ti piace L'oro di Poseidone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo sei mesi passati nelle foreste della Germania Marco Didio Falco ritornaalla sua amata Roma per scoprire che la sua casa alla Suburra è statasvaligiata e che lui si ritrova senza un sesterzo. La situazione non è nuovaper il nostro eroe. Questa volta il denaro gli serve per poter finalmentesposare la sua aristocratica fidanzata, Elena Giustina. Anche i suoi servigicome investigatore sembrano non interessare più molti e l'unico clientedisposto ad assoldarlo è proprio sua madre. Qualcuno infatti ha fatto il nomedi Festus, il defunto fratello di Didio, in relazione a certi traffici e suamadre vuole scoprire la verità.
Ordina per
  • 5

    Un investigativo storico fresco e divertente

    Per avere un'idea maggiore del pensiero dei Demiurghi, la recensione completa la trovate qui!
    Seguite il link, grazie!

    http://demiurghiracconti.blogspot.tw/2012/10/biblioteca-loro-di-poseidone.html

    ha scritto il 

  • 4

    7,5/10

    Il voto è forse troppo alto, ma in mezzo alle schifezze che mi sono trovata a leggere ultimamente questo libro è una perla rara.
    Il protagonista è verosimile nelle sue reazioni agli eventi, simpatico e soprattutto umano, non esente da una bella dose di sfighe che però sa prendere con quell' ...continua

    Il voto è forse troppo alto, ma in mezzo alle schifezze che mi sono trovata a leggere ultimamente questo libro è una perla rara.
    Il protagonista è verosimile nelle sue reazioni agli eventi, simpatico e soprattutto umano, non esente da una bella dose di sfighe che però sa prendere con quell'ironia che pervade tutta la narrazione e la rende gradevole, mai mortalmente seria; la città in cui Marco si muove è vivace e ben tratteggiata (non so se anche attendibile storicamente, ma non ci sono grossi WTF a quel che ho potuto vedere), i comprimari sono divertenti e ben distinti l'uno dall'altro, il mistero è intrigante e svolto con coerenza, nei giusti tempi e senza buchi logici di cui mi sia accorta. Alcuni cliché sono presenti - il complesso del fratello grande perfettissimo, per dirne uno - ma l'autrice sembra rendersene conto e non li fa mai risultare fastidiosi né ostentati, anzi spesso li sdrammatizza con sarcasmo.

    ha scritto il 

  • 5

    TRAMA
    Roma, 72 dopo Cristo. Tornando a casa da una lunga missione in Germania Marco Didio Falco, l'investigatore privato dell'imperatore Vespasiano, scopre che la sua abitazione è stata devastata da una micidiale combinazione di insetti, topi, piccioni ed esseri umani inclini al vandalismo. ...continua

    TRAMA
    Roma, 72 dopo Cristo. Tornando a casa da una lunga missione in Germania Marco Didio Falco, l'investigatore privato dell'imperatore Vespasiano, scopre che la sua abitazione è stata devastata da una micidiale combinazione di insetti, topi, piccioni ed esseri umani inclini al vandalismo. A Falco non rimane altra scelta che chiedere ospitalità alla madre, ma anche qui lo attende una novità.

    ha scritto il 

  • 0

    Le indagini di Marco D. Falco si svolgono nella Roma imperiale post-neroniana e con lui il lettore ne attraversa i quartieri più diversi e si inoltra in taverne, palazzi ed insulae con la scioltezza di un investigatore dei nostri giorni.
    Come sempre Falco è travolto dalle ingiurie della sor ...continua

    Le indagini di Marco D. Falco si svolgono nella Roma imperiale post-neroniana e con lui il lettore ne attraversa i quartieri più diversi e si inoltra in taverne, palazzi ed insulae con la scioltezza di un investigatore dei nostri giorni.
    Come sempre Falco è travolto dalle ingiurie della sorte e gli affettuosi e ruvidi soprusi di una famiglia anche troppo allargata. Se ne districa con la consueta destrezza ma non evitando escoriazioni ed ematomi fisici e spirituali.

    ha scritto il 

  • 4

    Marco Didio Falco: di nuovo lui, l'investigatore più sfortunato dell'intera Roma. Del resto, con tutte le vicissitudini che gli capitano in questa ennesima avventura, non può che meritarsi a pieno questo titolo! Di ritorno dalla Germania, Marco trova casa sua in uno stato pietoso e quella di sua ...continua

    Marco Didio Falco: di nuovo lui, l'investigatore più sfortunato dell'intera Roma. Del resto, con tutte le vicissitudini che gli capitano in questa ennesima avventura, non può che meritarsi a pieno questo titolo! Di ritorno dalla Germania, Marco trova casa sua in uno stato pietoso e quella di sua madre occupata da un centurione che pretende una cifra assurda come pagamento di un debito del buon vecchio Festo. Nonostante la sua reticenza, il nostro investigatore dovrà fare affidamento su un nuovo alleato per venire a capo di questa vicenda: suo padre.
    Cosa aggiungere? Niente: se siete arrivati fino a questo libro, conoscete bene la Davis e lo stile che la caratterizza, quindi non c'è bisogno di nessun'altra rassicurazione o raccomandazione sul perché non perdere le gesta dei ragazzi Didio.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Marco Didio Falco è nei guai. Tornato dalla missione in Britannia trova il suo appartamento semi distrutto da occupanti abusivi e dal crollo del soffitto sopra il suo letto. Si reca a casa della madre in cerca di ospitalità e trova il letto di scorta occupato da Censorino, un commilitone del frat ...continua

    Marco Didio Falco è nei guai. Tornato dalla missione in Britannia trova il suo appartamento semi distrutto da occupanti abusivi e dal crollo del soffitto sopra il suo letto. Si reca a casa della madre in cerca di ospitalità e trova il letto di scorta occupato da Censorino, un commilitone del fratello di Falco, Festo, morto in Giudea, che sembra essersi stabilito in casa in pianta stabile e batte cassa per un affare andato male. Il compito di Falco consiste nello scoprire che cosa è successo e nel riabilitare la memoria di Festo.
    Immancabilmente le cose si complicano: Falco e Censorino hanno un acceso diverbio in pubblico e il mattino successivo Censorino viene trovato morto. Falco è il maggiore indiziato, ma grazie all'amicizia con il capo delle guardie ha dei giorni di tempo per trovare il vero assassino ed evitare l'esilio o la morte.
    Un colpo di scena dopo l'altro Falco, in una Roma affollata, sporca, rumorosa e pericolosa si da da fare per dimostrare la sua innocenza, per scoprire la verità sul fratello e per sbrogliare la matassa degli affari di Festo, accettando con molte riserve l'aiuto del padre, che ha lasciato la famiglia parecchi anni addietro.

    ha scritto il 

  • 0

    Quinto volume di una serie gialla ambientata negli anni della dinastia flavia, con protagonista l’irresistibile Marco Didio Falco.
    I primi due li avevo letti nel ’94, contemporaneamente ai primi volumi di un’analoga serie dell’italiana Danila Comastri Montanari. Il tentativo di rileggere ora ...continua

    Quinto volume di una serie gialla ambientata negli anni della dinastia flavia, con protagonista l’irresistibile Marco Didio Falco.
    I primi due li avevo letti nel ’94, contemporaneamente ai primi volumi di un’analoga serie dell’italiana Danila Comastri Montanari. Il tentativo di rileggere ora Mors tua, primo volume della serie italiana, mi ha permesso di fare un confronto e di capire perché non avevo letto i romanzi della Montanari negli ultimi anni: quelli della Davis sono “veri” romanzi, autentica letteratura, dove l’intreccio giallo è secondario rispetto a personaggi ed ambienti; quelli della Montanari sono costruzioni artificiose, fondate sull’aspetto poliziesco. Forse dovrei dare il beneficio del dubbio alla Montanari e provare a leggere i suoi ultimi lavori, per capire se c’è stata un’evoluzione, ma preferisco seguire la Davis e la serie di Falco, di cui leggerò con piacere i futuri volumi pubblicati in Italia .

    ha scritto il