Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'orrore sotto il tumulo

Di

Editore: Newton & Compton

3.9
(244)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 140 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8882898768 | Isbn-13: 9788882898762 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'orrore sotto il tumulo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
America anni Trenta. In prossimità di un paesino sperduto della California, si erge uno strano tumulo sul quale, la notte, si aggirano due inquietanti figure. Una è un uomo senza testa, e l'altra somiglia a un'antica donna azteca. Altro fatto sbalorditivo è che queste due figure sembrano sorgere e scomparire dal nulla, mentre diversi esploratori che hanno tentato di indagare a fondo questo mistero non hanno più fatto ritorno.
Ordina per
  • 4

    Quando provavo a leggerlo da ragazzino, Lovecraft riusciva ad angosciarmi fino al punto di rimandare la lettura ad un'altra età. Erano tutti quei riferimenti ad esseri cosmici millenari e leggende primordiali, la sua abilità di descrivere una gerarchia di creature immonde che all'epoca sembrava q ...continua

    Quando provavo a leggerlo da ragazzino, Lovecraft riusciva ad angosciarmi fino al punto di rimandare la lettura ad un'altra età. Erano tutti quei riferimenti ad esseri cosmici millenari e leggende primordiali, la sua abilità di descrivere una gerarchia di creature immonde che all'epoca sembrava quasi plausibile, ben nascosta oltre l'ignoto rappresentato dall'adolescenza, e mi facevano venire una sorta di deprimente vertigine mentale. Purtroppo, dieci anni dopo, i suoi racconti non colpiscono così profondamente, la razionalità è troppo radicata per lasciarmi trasportare completamente dai racconti allucinati di Lovecraft. L'orrore sotto il tumulo è carino - certo non un capolavoro, ma merita qualche apprezzamento. Uno scritto ben congegnato, in cui alla fine tutti i tasselli che all'inizio sembravano non aver senso, trovano un proprio posto. Ma la vera sorpresa è stato L'orrore nel museo. Fin da subito è capace di trascinarti con la fantasia in questo scantinato pieno di creature oscene e cosmiche. Scritto con un ritmo veloce e incalzante, dove per una volta Lovecraft non si perde a riempire ogni frase di aggettivi apocalittici e primitivi o troppi riferimenti passati.

    ha scritto il 

  • 3

    Narrativa Lovecraftiana su commissione

    Anche quando scrive per conto terzi, H.P. Lovecraft non manca di visitare la sua mitologia bizzarra e preternaturale fatta di esseri degli abissi, alieni arrivati sulla Terra milioni di anni fa ed entità troppo orribili per essere menzionate figurarsi incontrate di persona. Sperimentare l'orrore ...continua

    Anche quando scrive per conto terzi, H.P. Lovecraft non manca di visitare la sua mitologia bizzarra e preternaturale fatta di esseri degli abissi, alieni arrivati sulla Terra milioni di anni fa ed entità troppo orribili per essere menzionate figurarsi incontrate di persona. Sperimentare l'orrore della disumanità di propria mano ha sempre lo stesso prezzo: un destino peggiore della morte.

    Il libro è una mini-raccolta di due storie - una novella e una storia breve - scritte da Lovecraft su commissione: nella prima l'autore descrive nei dettagli una civiltà antica e aliena rifugiatasi nel cuore della terra - figlia degli Antichi originari approdati sul pianeta milioni di anni or sono - partendo dallo spunto di una storia di fantasmi e leggende indiane, mentre nella seconda si parla di un museo delle cere con statue insolitamente realistiche nei loro dettagli orripilanti e di un "artista" che intrattiene rapporti un pò troppo stretti con l'ignoto pagandone le prevedibili conseguenze.

    Le storie incluse nel volume non rappresentano certo il Lovecraft migliore, nondimeno si lasciano leggere con piacere da chi ama la letteratura pulp/weird, le storie dell'orrore classiche e soprattutto gli estimatori dell'opera del Solitario di Providence. 3/5

    ha scritto il 

  • 5

    L'inizio di un amore

    Questo fu il primo racconto che lessi di Lovecraft. Un sogno appassionante che porto nel cuore dagli inizi dell'adolescenza. Uno dei suoi migliori racconti, a mio avviso, lo consiglio a tutti.

    P.s. Ammetto di non essere obbiettivo su questo libro :)

    ha scritto il 

  • 4

    Lovecraft non si smentisce mai, le sue storie inchiodano letteralmente, surreali e, direi, trasversali. Questo romanzo è uno dei più riusciti con un finale agghiacciante che fa accapponare la pelle. E se si pensa che è una storia scritta un secolo fa, si capisce il genio di un autore che ha preco ...continua

    Lovecraft non si smentisce mai, le sue storie inchiodano letteralmente, surreali e, direi, trasversali. Questo romanzo è uno dei più riusciti con un finale agghiacciante che fa accapponare la pelle. E se si pensa che è una storia scritta un secolo fa, si capisce il genio di un autore che ha precorso i tempi. Parte della storia ha il gusto dell'indagine paranormale sui fantasmi, ma nei capitoli centrali comincia un racconto nel racconto che sembra una Commedia dantesca più delirante.

    ha scritto il 

  • 5

    Ricordo che quando ho letto questo romanzo(avevo 16 anni)ho avuto troppi incubi per settimane.Una storia del terrore che mi ha tenuto incollato alla lettura con la descrizione di orrendi mondi sotteranei e fantasmi mutilati.
    Pur preferendo Allan Poe credo che questo racconto di Lovecraft ras ...continua

    Ricordo che quando ho letto questo romanzo(avevo 16 anni)ho avuto troppi incubi per settimane.Una storia del terrore che mi ha tenuto incollato alla lettura con la descrizione di orrendi mondi sotteranei e fantasmi mutilati.
    Pur preferendo Allan Poe credo che questo racconto di Lovecraft rasenti la perfezione.E comunque ho la sensazione che siano entrambi due autori ingiustamente "accantonati".

    ha scritto il 

  • 0

    Diviso in due racconti, 'L'orrore sotto il tumulo' e 'L'orrore nel museo'. Il primo racconto me lo aspettavo decisamente meglio (soprattutto perchè le aspettative su Lovecraft erano molto alte); secondo me troppo spazio è dato alla descrizione del manoscritto di Zamacona e la parte di storia real ...continua

    Diviso in due racconti, 'L'orrore sotto il tumulo' e 'L'orrore nel museo'. Il primo racconto me lo aspettavo decisamente meglio (soprattutto perchè le aspettative su Lovecraft erano molto alte); secondo me troppo spazio è dato alla descrizione del manoscritto di Zamacona e la parte di storia realmente vissuta dal protagonista si limita e pochissime pagine. Diciamo che se non fosse stata più che altro una 'storia nella storia' secondo me sarebbe venuto fuori meglio. Il secondo racconto, strano ma vero, mi è parso più interessante, e decisamente più inquietante. Leggerò comunque qualcos'altro di Lovecraft, sperando sia meglio di questi racconti. Due stelline e mezzo.

    ha scritto il