L'uccello che girava le viti del mondo

Di

Editore: Baldini & Castoldi (I Nani, 210)

4.1
(4562)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 740 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Giapponese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Russo , Olandese , Svedese , Portoghese , Catalano , Polacco

Isbn-10: 888490059X | Isbn-13: 9788884900593 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Antonietta Pastore

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'uccello che girava le viti del mondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Lui, protagonista e voce narrante, è un giapponese di oggi. Trent'anni,felicemente sposato con una donna in carriera, nullafacente (o casalingo tuttofare?), il nostro si trova all'improvviso al centro di una rete intricata di vicende passate e presenti più grandi di lui. Tutto prende il via da due episodi insignificanti: la scomparsa del gatto di casa e una misteriosa telefonata anonima durante la quale una sensuale voce femminile gli chiede un incontro. L'uomo inizia un duplice viaggio nella geografia della megalopoli giapponese e nei labirinti delle passioni amorose. Lungo il percorso troverà i fantasmi del passato di una nazione che non si è ancora riconciliata con la propria storia.
Ordina per
  • 5

    Chiudere questo libro è come chiudere una relazione.

    Uno dei libri più belli e coinvolgenti che abbia mai letto. Il confine tra realtà e fantasia è molto labile e spesso c'è fusione tra le due; i personaggi che il soggetto principale incontra sono dei v ...continua

    Uno dei libri più belli e coinvolgenti che abbia mai letto. Il confine tra realtà e fantasia è molto labile e spesso c'è fusione tra le due; i personaggi che il soggetto principale incontra sono dei veri e propri protagonisti a loro volta: che entrano nella storia e portano con sè altre storie. La trama di per sè molto statica se vista da un occhio obiettivo e razionale ha dei picchi di azione psicologica in grado di appassionare il lettore come se stesse assistendo al racconto dei racconti.
    E' come se il romanzo fosse una fune annodata in più punti, il mondo in cui vive il protagonista Toru è pieno di problemi, incontri e accadimenti stupefacenti, ma sembra che ovunque lui passi e viva, questi nodi comincino a sciogliersi. E' un percorso sia reale che interiore, che coinvolge Toru e tutte le persone che gli ruotano attorno, ma anche chi legge, trasportandolo nella storia come fosse una parte essenziale del romanzo.
    In ogni caso ogni parola su questo libro è vana, ninte è in grado di spiegarlo quanto leggerlo. Fatemi sapere!

    ha scritto il 

  • 5

    Una giostra impazzita che fa girare senza sosta il lettore tra mondo reale e mondo onirico, coscienza e inconscio, facendolo precipitare in un mondo surreale a dimensione del quotidiano. Solo il talen ...continua

    Una giostra impazzita che fa girare senza sosta il lettore tra mondo reale e mondo onirico, coscienza e inconscio, facendolo precipitare in un mondo surreale a dimensione del quotidiano. Solo il talento di un grande scrittore, come Murakami, può riuscire in questa performance: descrivere le situazioni più folli facendole apparire normali. Chapeau!

    Ve lo consiglio...

    ha scritto il 

  • 1

    Basta

    Mah… era molto tempo che ero tentata da questo libro di cui tutti parlano in modo entusiastico. A partire dal titolo singolare e accattivante.
    Di Murakami ho letto “Kafka sulla spiaggia”: delusione.
    ...continua

    Mah… era molto tempo che ero tentata da questo libro di cui tutti parlano in modo entusiastico. A partire dal titolo singolare e accattivante.
    Di Murakami ho letto “Kafka sulla spiaggia”: delusione.
    Questa è la seconda delusione.
    Scrittura costruita, pretestuosa, innaturale, noiosa, con punte di falsa originalità e pagine piatte.e logorroiche, pseudo oniriche.
    Lo volevo abbandonare subito, ma non potevo credere di essere così controcorrente: viene il dubbio di capire poco e poi il senso del dovere di non abbandonare un libro, nonostante il permesso di Pennac…
    Ma 340 pagine su 640 mi sono sembrati sufficienti a fornirgli una chance.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho seguito il flusso

    L'ho letto in modo lento dato che ero,totalmente, ignorante delle sue atmosfere e ho cercato di seguire il flusso che mi ha condotto concatenato in un pozzo secco dentro l' oscurità dell' animo del pr ...continua

    L'ho letto in modo lento dato che ero,totalmente, ignorante delle sue atmosfere e ho cercato di seguire il flusso che mi ha condotto concatenato in un pozzo secco dentro l' oscurità dell' animo del protagonista e lì sono rimasto senza noia ne entusiasmo legato ad un filo tenue ma resistente che mi conduceva davanti all' uccello gira- viti mentre lui creava e scioglieva i legami che caratterizzano il romanzo. " quello che cerco,e' solo il significato della vita che ho perduto.Cioè desidero sapere perché,per quale ragione l' ho perduta,viglio vedere questa ragione con i miei occhi.Pensa persino che se lo potessi vedere con i miei occhi non mi importerebbe nulla di perdermi ancora più di quanto non mi sia gia perso.

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente portata a conclusione anche la lettura dell'ultimo grande romanzo di Murakami Haruki che mi mancava, L'uccello che girava le viti del mondo, e il suo surrealismo kafkiano in cui tutto è ins ...continua

    Finalmente portata a conclusione anche la lettura dell'ultimo grande romanzo di Murakami Haruki che mi mancava, L'uccello che girava le viti del mondo, e il suo surrealismo kafkiano in cui tutto è insieme assolutamente improbabile e perfettamente coerente ha sempre il suo fascino.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Di quando abbandonare un libro e riprenderlo dopo diverso tempo fa cambiare completamente il giudizio iniziale

    E' stato già detto che non siamo noi a scegliere i libri, sono loro che ci scelgono. Quindi non stupisce che dopo aver abbandonato il testo di un autore che pure amo, scrivendone una critica anche abb ...continua

    E' stato già detto che non siamo noi a scegliere i libri, sono loro che ci scelgono. Quindi non stupisce che dopo aver abbandonato il testo di un autore che pure amo, scrivendone una critica anche abbastanza dura (per quel che vale), una mattina l'ho visto, ci siamo "guardati", ed è ricominciata l'avventura. Letto stavolta d'un fiato, da un'angolazione diversa e nuova, sarà per l'esperienza soggettiva, sarà che gli occhi e la mente con il tempo cambiano, ma al me stessa di quattro anni dopo è piaciuto tantissimo...il pozzo, quel pozzo che all'epoca non capivo, è una metafora evidente di una condizione umana che ha anche un nome e si chiama "depressione". Non era difficile. E la vita che si svolge in quel buco è "sospesa", ferma, immobile, inevitabile momento di passaggio da uno stato al successivo quando più nulla sembra comprensibile e non possiamo fare altro che metterci in posizione di "riserva energetica". E quella tizia buffa che ogni tanto fa capolino nella nostra esistenza, vola come farfalla o mosca sopra un cuore indifferente ad ogni umore: nella storia sembra essere un personaggio incomprensibile e secondario, ai fini dello svolgersi della vicenda (svolgersi? ma è immobile, direte voi...)...nello svolgersi, dicevo, della trama "immobile" è invece colei che "tirerà" fuori il protagonista dal pozzo, per lo meno lo aiuterà, sarà presente nei momenti chiave senza mai sollecitare risposte che non possono essere date. Detta così è banale. Infatti. Ma Murakami non la dice così. La dice alla Murakami. Prendere o lasciare.

    ha scritto il 

  • 5

    libro coinvolgente e sublime in classico stile Murakami. Sempre in sospeso fra mondo del reale e mondo dell'onirico. Spesso difficile distinguere dove finisce l'uno e dove comincia l'altro.

    ha scritto il 

  • 4

    La scrittura fluida e introspettiva di Murakami ti porta lentamente oltre il reale, in un crescendo nel quale tutti gli elementi della trama si riannodano verso un finale sempre più coinvolgente. Gran ...continua

    La scrittura fluida e introspettiva di Murakami ti porta lentamente oltre il reale, in un crescendo nel quale tutti gli elementi della trama si riannodano verso un finale sempre più coinvolgente. Gran libro.

    ha scritto il 

Ordina per