L'ultima famiglia felice

Voto medio di 80
| 24 contributi totali di cui 18 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Matteo Stella è un padre che crede nel dialogo anziché nell'imposizione di regole. È un uomo mite e un padre indulgente, convinto di avere costruito una famiglia felice. Anche se Stefano, il figlio tredicenne, irride i suoi metodi educativi con una r ...Continua
Georgiana1792
Ha scritto il 09/04/18
Il romanzo narra un'unica giornata, il 12 dicembre 2003, dal punto di vista dei quattro elementi di questa famiglia pseudo-felice, la famiglia Stella: il padre, Matteo, la madre, Anna, e i figli, Eleonora, 17 anni e Stefano, 13 anni. Matteo è un uomo...Continua
Ilary
Ha scritto il 20/02/18

Un ottimo esordio.

Silvia Stagni
Ha scritto il 25/08/17
mi spiace.....

ma che brutto! non ce l'ho fatta

Carmen
Ha scritto il 13/07/17
Una scrittura che inizialmente prende molto e scorre, ma… c’è qualcosa che non mi convince. L’adolescenza dei figli, con tutte le problematiche che dovrebbe creare, scatena una involuzione nei genitori, creando un caos totale in una famiglia dove i r...Continua
carol
Ha scritto il 27/02/17

Veramente un bel libro, un racconto tragico e insieme dolcissimo di una famiglia come tante e dei delicati equilibri che spesso la sorreggono.


Layura
Ha scritto il Dec 13, 2016, 09:43
Il mondo gira anche senza di te, anche se gli volti le spalle. Mica puoi rintanarti per un anno e poi pretendere che tutto sia rimasto come prima.
Pag. 148
Layura
Ha scritto il Dec 13, 2016, 09:43
Positività, rassegnazione, senso pratico, umiltà, ambizione, indifferenza, elasticità: c’è disperazione in ogni risposta operativa che dài alla vita. C’è disperazione nella mitezza.
Pag. 69
Layura
Ha scritto il Dec 13, 2016, 09:43
Matteo Stella non era solo semplice, ragionevole, affettuoso. Matteo Stella voleva essere semplice, ragionevole, affettuoso. La gente pensa che essere miti sia una fortuna, beato lui, non si arrabbia mai. La gente non capisce nulla. Essere miti è uno...Continua
Pag. 69
Layura
Ha scritto il Dec 13, 2016, 09:42
Non voleva diventare un altro. Non ambiva alla santità, quando mai. Soltanto all’umanità, essere una brava persona. Neppure brava: una persona. Una persona e non una cimice succhiasangue. Era un obiettivo sbagliato? E quali erano, quelli giusti? Cosa...Continua
Pag. 64
Layura
Ha scritto il Dec 13, 2016, 09:42
in un mondo che va come va, anche essere ottimi, o almeno discreti, o comunque in regola, è già troppo, già un insulto. Non susciti invidia, ma rabbia sí, per quella tua bonomia sincera, correttezza.
Pag. 59

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi