L'ultimo cavaliere

La Torre Nera, Vol. 1

Di

Editore: Sperling & Kupfer (Pandora, 470)

3.8
(4940)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 257 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi semplificata , Francese , Chi tradizionale , Portoghese , Tedesco , Svedese , Olandese , Russo , Polacco , Ungherese , Ceco , Greco , Giapponese

Isbn-10: 882000951X | Isbn-13: 9788820009519 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Tullio Dobner

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'ultimo cavaliere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Premetto che sono una fan di Stephen King, ma su questo libro sono perplessa, visto il successo di tutta la serie de La Torre Nera…
    Solo dopo esser arrivata a pag. 100 circa ho iniziato a provare inte ...continua

    Premetto che sono una fan di Stephen King, ma su questo libro sono perplessa, visto il successo di tutta la serie de La Torre Nera…
    Solo dopo esser arrivata a pag. 100 circa ho iniziato a provare interesse per la storia e a pensare… sì, è King, ma…
    Vediamo come sarà il secondo libro…

    ha scritto il 

  • 3

    Come inizio non ha fatto proprio scintille..è un po' fiacco, lento e nebuloso. Però stuzzica la curiosità, anche perchè non è che qui succeda chissà cosa..a malapena ci presentano il protagonista, l'a ...continua

    Come inizio non ha fatto proprio scintille..è un po' fiacco, lento e nebuloso. Però stuzzica la curiosità, anche perchè non è che qui succeda chissà cosa..a malapena ci presentano il protagonista, l'ambientazione e il villain, che non ho ancora capito perchè è un villain. Se non sapessi che dopo il primo migliora decisamente (così si dice) gli lascerei il beneficio del dubbio, sì, ma magari non continuerei per un po'. Comunque è una lettura in GdL quindi continuerò sicuramente per ora

    ha scritto il 

  • 5

    On the first read, years ago, I was quite dubious. Now, after the author completed the whole saga, he reworked The Gunslinger, adjusting just some tiny details to make it a smoother read. It may be th ...continua

    On the first read, years ago, I was quite dubious. Now, after the author completed the whole saga, he reworked The Gunslinger, adjusting just some tiny details to make it a smoother read. It may be this, or it may be that I am more "ready" to focus on it, or maybe just that I have, meanwhile, read the whole series (or because my latest "read" was on audiobook) - but this time I really enjoyed it. It is not perfect, but it's good. Very very good.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro strano e coinvolgente

    Stephen King ha fatto un ottimo libro, con un ambientazione al limite tra il western ed il thriller....Si legge abbastanza bene, il dialogo finale ha del surreale ed una fine molto stupefacente, da le ...continua

    Stephen King ha fatto un ottimo libro, con un ambientazione al limite tra il western ed il thriller....Si legge abbastanza bene, il dialogo finale ha del surreale ed una fine molto stupefacente, da leggere subito il sequel

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    E niente..

    Il fatto che sia un libro scritto in più anni si fa sentire. Decisamente.
    Essendo il primo libro dell'autore che leggo, mi aspettavo qualcosa di più..come dire..stupefacente. La lettura invece è andat ...continua

    Il fatto che sia un libro scritto in più anni si fa sentire. Decisamente.
    Essendo il primo libro dell'autore che leggo, mi aspettavo qualcosa di più..come dire..stupefacente. La lettura invece è andata abbastanza a rilento, immersa in un inseguimento che sembra non finire mai. Si giunge alla fine per apprendere poche notizie sparse e molto filosofiche che..insomma, non necessitavano di tutto quel preludio.
    Sono rimasta piacevolmente colpita invece dall'utilizzo di un linguaggio ricercato (che ora non so se sia come da originale o opera del traduttore).

    ha scritto il 

  • 0

    Riletto a maggio 2017, in attesa del film... Sempre bello, sempre impossibile da mettere giù, sempre coinvolgente. Speriamo che il film sia all'altezza, che Roland sia Roland.

    ha scritto il 

  • 2

    Prolisso e noioso. Giusto pochi sprazzi di coinvolgimento in una lettura insensata altrimenti evitabile. Capisco che sia solo il prologo di un'ampia saga, probabilmente poderosa, ma c'era bisogno di f ...continua

    Prolisso e noioso. Giusto pochi sprazzi di coinvolgimento in una lettura insensata altrimenti evitabile. Capisco che sia solo il prologo di un'ampia saga, probabilmente poderosa, ma c'era bisogno di farlo così noioso?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Ragazzi, che fatica leggere King... almeno per me. 10 giorni per leggere 167 pagine, ringrazio che non fosse più lungo. Anzi, forse l'ho scelto proprio perchè corto, chissà. Stavo cercando un libro di ...continua

    Ragazzi, che fatica leggere King... almeno per me. 10 giorni per leggere 167 pagine, ringrazio che non fosse più lungo. Anzi, forse l'ho scelto proprio perchè corto, chissà. Stavo cercando un libro di King che si distaccasse un po' da It, l'unico libro suo che avevo letto, ma può darsi che la lunghezza abbia influito. Forse.
    Comuqnue, la storia è ambientata in uno scenario decisamente apocalittico. La Terra ha tutta l'aria di essere reduce da più di una guerra atomica. Tutta la tecnologia sembra andata persa, ma guarda caso le pistole esistono ancora. Lo stesso non si può dire di molte altre cose.
    Onestamente non so cosa vorrebeb raccontare Stephen King con questo racconto. Forse con gli altri libri si svelerà l'arcano, ma una delle cose che non mi piacciono qui è Jake. Non che non mi sia simpatico, ma che caspita, è chiedere troppo una spiegazione migliore di come sia finito lì? E' chiaro che viene dal nostro tempo, ma era stato investito da una macchina ed era morto, come ha fatto a finire centinaia (migliaia?) d'anni nel futuro nel bel mezzo del deserto? E che senso ha avuto per lui essere stato trovato da Roland per poi essere "sacrificato"? Davvero uccidere l'uomo in nero era più importante di Jake? Senza contare che alla fine non lo uccide nemmeno, è più corretto dire che è il tempo a farlo. Si mette pure a parlare ambilmente con lui dopo aver abbandonato Jake!
    A questo proposito, siamo sicuri che sia morto? Io nutro la speranza di un colpo di scena in cui lui è riuscito a salvarsi dopo che Roland è andato a parlare con l'uomo in nero.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per