L'ultimo distretto

Di

Editore: Mondadori

3.5
(1467)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 401 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Svedese , Spagnolo , Olandese , Norvegese , Ceco , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8804505702 | Isbn-13: 9788804505709 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Biavasco

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace L'ultimo distretto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il deforme e sanguinario Jean-Baptiste Chandonne, il "lupo mannaro", èfinalmente in carcere; ma continua a dichiararsi innocente. E se fosse vero?Una sottile inquietudine inizia a farsi strada in Kay Scarpetta, alle presecon uno dei casi più difficili della sua carriera di anatomopatologa. E questavolta Kay dovrà fare appello a tutta la sua forza interiore, per non caderenel baratro che le si spalanca davanti e fare i conti con i fantasmi di unpassato che continua a tormentarla.
Ordina per
  • 3

    84/100

    Sono arrivata al numero 11 della saga "Kay Scarpetta". Mi sono affezionata alla mitica anatomopatologa Scarpetta che nel presente libro mostra i lati più deboli di sè. La morte di Benton l'ha davvero ...continua

    Sono arrivata al numero 11 della saga "Kay Scarpetta". Mi sono affezionata alla mitica anatomopatologa Scarpetta che nel presente libro mostra i lati più deboli di sè. La morte di Benton l'ha davvero sconvolta. Questa sua improvvisa fine sembra pesarle decisamente di più delle relazioni precedenti, fallite ciacsuna per un motivo o l'altro. Oltrettutto, per la prima volta, viene accusata di un efferrato omicidio e questa vicenda la indebolisce ancor più.
    La trama non è all'altezza del contenuto del libro: la storia si rivela alquanto complessa ed intrecciata, sequel del precedente libro "Cadavere non identificato", 400 pagine non sono di fatto sufficienti per concludere la storia. Il finale lascia tutto in sospeso e quindi si è costretti a leggere anche il successivo "Calliphora" per conoscere il proseguo delle vicende.

    ha scritto il 

  • 4

    Anche in vacanza le mie letture non si fermano! Stupendo romanzo della Cornwell, seguito diretto di "Cadavere non identificato". In questo caso si prosegue l'indagine iniziata dalla Scarpetta in prece ...continua

    Anche in vacanza le mie letture non si fermano! Stupendo romanzo della Cornwell, seguito diretto di "Cadavere non identificato". In questo caso si prosegue l'indagine iniziata dalla Scarpetta in precedenza e si scoprono nuovi inquietanti nessi con il suo passato. E cosa succederà quando lei stessa verrà accusata di omicidio? Una trama travolgente, con continui colpi di scena, un ritmo serrato che ci fa stare con il fiato sospeso, ridere, piangere, gioire e tremare di orrore. Inizio a prendere il ritmo alla scrittura della Cornwell e mi piace sempre più. A patto che ci sia Kay Scarpetta a condurci nelle indagini.

    ha scritto il 

  • 3

    I libri della Cornwell meritano

    Sono arrivata al numero 11 e confermo ciò che ho già scritto dei romanzi della Cornwell. Avvincenti, ben scritti e ti tengono incollata sino alla fine. Che dire! Ormai mi son affezionata a Kay; per me ...continua

    Sono arrivata al numero 11 e confermo ciò che ho già scritto dei romanzi della Cornwell. Avvincenti, ben scritti e ti tengono incollata sino alla fine. Che dire! Ormai mi son affezionata a Kay; per me è diventata quasi una amica e seguo con passione le sue vicende personali. E' un po' come Jessica B. Fletcher... Dove passa lei c'è un cadavere e suo malgrado si trova invischiata. Questo libro in particolare mi ha colpito perché qua Kay diventa ancora più umana e mostra la sua fragilità ma anche la sua determinazione e la sua forza.
    Penso proprio che continuerò a leggere gli altri romanzi!

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Il freddo dà una sfumatura livida al buio del crepuscolo e sono contenta che le tende di camera mia siano abbastanza pesanti da nascondere l’ombra riflessa sui vetri mentre faccio le valigie.....

    http ...continua

    Il freddo dà una sfumatura livida al buio del crepuscolo e sono contenta che le tende di camera mia siano abbastanza pesanti da nascondere l’ombra riflessa sui vetri mentre faccio le valigie.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/u/lultimo-distretto-patricia-cornwell/

    ha scritto il 

  • 3

    Leggendo questo libro mi sembrava di guardare uno qualunque dei vari telefilm tipo CSI, Criminal Minds etc. La scrittura è scorrevole e la trama abbastanza avvincente, per cui non è stata una brutta e ...continua

    Leggendo questo libro mi sembrava di guardare uno qualunque dei vari telefilm tipo CSI, Criminal Minds etc. La scrittura è scorrevole e la trama abbastanza avvincente, per cui non è stata una brutta esperienza di lettura, ma di spunti di riflessione ce ne sono gran pochi.
    Una lettura di puro intrattenimento e niente più (e ogni tanto ci vuole!)

    ha scritto il 

  • 0

    un'accozaglia di eventi

    mi sembra un libro svarionato;con eventi messi insieme in modo sconclusionato. La scrittura stessa mi sembra deludente. Forse l'autrice scrive per forza, per pubblicare qualcosa, non sò. Nel complesso ...continua

    mi sembra un libro svarionato;con eventi messi insieme in modo sconclusionato. La scrittura stessa mi sembra deludente. Forse l'autrice scrive per forza, per pubblicare qualcosa, non sò. Nel complesso non mi è piaciuto.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho dato 5 stelline perché questa volta mi ha proprio sorpreso. Un libro complesso nei vari omicidi tutti collegati tra loro... E un po di suspance alla fine! Non vedo l ora di leggere il prossimo
    :- ...continua

    Ho dato 5 stelline perché questa volta mi ha proprio sorpreso. Un libro complesso nei vari omicidi tutti collegati tra loro... E un po di suspance alla fine! Non vedo l ora di leggere il prossimo
    :-)

    ha scritto il 

  • 2

    Kay, è ora di andare in pensione

    Ora,in verità io ho letto tutti i romanzi di Kay Scarpetta, fino a questo, ma non li ho registrati qui su anobii perché sono gialletti piacevoli ma che non meritavano il tempo delle mie recensioni, an ...continua

    Ora,in verità io ho letto tutti i romanzi di Kay Scarpetta, fino a questo, ma non li ho registrati qui su anobii perché sono gialletti piacevoli ma che non meritavano il tempo delle mie recensioni, anche perché, diciamocelo, sono un po' tutti uguali. Sta mania, Patricia mia, di risolvermi tutto le ultime 10 pagine, ha stufato! Qui però s'è esagerato, con il caso delle Loup-Garou veramente siamo andati un po'oltre. E il povero Benton, ma lasciatelo riposare in pace!
    Insomma, forse più avanti, mi leggero gli altri romanzi di Kay, se ne avrò voglia per ora mi fermo qui, anch'io arrivata all'Ultimo distretto.

    ha scritto il 

Ordina per