L'ultimo testamento

Di

Editore: Baldini Castoldi Dalai

3.4
(105)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 596 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884907667 | Isbn-13: 9788884907660 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Pastore

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace L'ultimo testamento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Giudea, 70 d.C., Yehoshua Ben Yossef seppellisce in una grotta il propriotestamento, che racchiude un mistero destinato a restare inviolato per secoli.Duemila anni dopo, in Alaska, un'equipe di scienziati viene massacrataall'interno di un laboratorio clandestino, dove si stanno conducendo alcuniesperimenti legati al programma denominato Progetto Lazzaro. Fra le vittime,due premi Nobel, un agente FBI e una cavia umana la cui autopsia rivelerà unesito sconcertante: il decesso era già avvenuto prima della carneficina. Perfare luce sul caso l'FBI si rivolge all'ex agente Nathan Love, esperto di artimarziali e cultore dello zen.
Ordina per
  • 1

    Superman

    Potrei perdonare gli innumerevoli gravi errori di traduzione e grammaticali ma non posso ignorare il fatto che il protagonista riesce a superare con successo e quasi sempre senza farsi neanche un graf ...continua

    Potrei perdonare gli innumerevoli gravi errori di traduzione e grammaticali ma non posso ignorare il fatto che il protagonista riesce a superare con successo e quasi sempre senza farsi neanche un graffio tante di quelle situazioni estreme come combattimenti, sparatorie, bagni nelle gelide acque dell’Antartico, esplosioni, ecc. che a confronto Superman sembra una mammoletta. Sono arrivato fino all’ultima pagina solo per capire fin dove osava spingersi l’autore con questa macchietta e per rispetto nei confronti di chi me lo ha regalato. D’accordo a volte ho difeso altri romanzi del genere se qualcuno criticava il fatto che vi erano descritti uno o due punti “ai confini della realtà”, con la giustificazione che in fondo si tratta pur sempre solo di narrazioni di fantasia. Ma c’è un limite a tutto! Carente di suspense non riesce in alcun modo a catturare il lettore. Alquanto improbabile anche il compenso di Natham a fronte di tutte le spese che deve sopportare nel girare ogni angolo del mondo in viaggi aerei in prima classe. Peccato perché l’idea su cui si basa il romanzo che verrà, come vuole la tradizione, svelata solo alla fine, non è male e avrebbe meritato ben altra prosa e ben altro sviluppo narrativo.

    ha scritto il 

  • 2

    Storia interessante ma raccontata male, personaggi mal caratterizzati, l'autore non riesce mai a creare la giusta dose di tensione ove ci sono situazioni che la richiedono, finendo con l'annoiare il l ...continua

    Storia interessante ma raccontata male, personaggi mal caratterizzati, l'autore non riesce mai a creare la giusta dose di tensione ove ci sono situazioni che la richiedono, finendo con l'annoiare il lettore...peccato perché l'idea, nonostante il filone stra-inflazionato, non è niente male

    ha scritto il 

  • 0

    E' raro che interrompa un libro. Ma dopo 200 pagine di tentativi ho deciso che lo metterò in stallo per un po'. Il tema mi incuriosisce, e questo è l'unico motivo per cui non lo lascio del tutto. Ho i ...continua

    E' raro che interrompa un libro. Ma dopo 200 pagine di tentativi ho deciso che lo metterò in stallo per un po'. Il tema mi incuriosisce, e questo è l'unico motivo per cui non lo lascio del tutto. Ho iniziato a leggere altro, questo lo continuerò con calma. L'autore sarà pure tanto acclamato in Francia, ma ti fa saltare i nervi a furia di accumulare pagine piene di conversazioni inutili e dettagli a volte senza senso atti solo a far vedere quante cose sanno fare i due personaggi. Il protagonista mi è risultato troppo gonfiato fin dalla prima pagina e questo non aiuta granchè a farti venir voglia di proseguire la lettura. Nel complesso, troppo pedante. Magari dopo la mia pausa zen mi piacerà di più.

    ha scritto il 

  • 0

    Sembrava un thriller religio-psicologico, invece è praticamente tutta azione mozzafiato. Il pregio è una descrizione così accurata ma immediata che intriga trascinando il lettore nelle pagine. Il dife ...continua

    Sembrava un thriller religio-psicologico, invece è praticamente tutta azione mozzafiato. Il pregio è una descrizione così accurata ma immediata che intriga trascinando il lettore nelle pagine. Il difetto è che con la religione non c'entra a niente :-) o per lo meno, gli accenni sono pochi e prevedibili.

    Comunque, l'ho divorato in tre giorni.

    ha scritto il 

  • 3

    Senza infamia e senza lode. Solite ipotesi sulla solidità delle basi del Cattolicesimo (ma ormai non fa più notizia) e qualche idea interessante... il tutto perso in azioni e contro azioni che fanno s ...continua

    Senza infamia e senza lode. Solite ipotesi sulla solidità delle basi del Cattolicesimo (ma ormai non fa più notizia) e qualche idea interessante... il tutto perso in azioni e contro azioni che fanno sembrare il protagonista una sorta di guerriero invincibile (se siete abbastanza maturi vi ricorderà il protagonista della serie TV "Kung-fu").
    Si arriva al finale, ma con fatica.

    ha scritto il