Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'ultimo testamento della sacra Bibbia

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.8
(213)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 319 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8860884675 | Isbn-13: 9788860884671 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Amato

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , Religion & Spirituality , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'ultimo testamento della sacra Bibbia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
James Frey non è come gli altri scrittori. È stato accusato di essere un bugiardo. Un impostore. Un traditore. E stato definito un salvatore. Un rivoluzionario. Un genio. I lettori gli hanno fatto causa. Gli editori americani lo hanno dato in pasto ai media senza difenderlo. Per un po' si è sentito costretto a lasciare l'America. Ciò che fa paura a molti è che Frey gioca con la verità, sempre sulla linea sottile tra fatti e finzione. Ora ha scritto il suo romanzo più rivoluzionario, più controverso. Che cosa fareste se scopriste che il Messia è vivo? Oggi. A New York. Che fa l'amore con uomini e donne. Che pratica l'eutanasia ai morenti e guarisce i malati. Che sfida i governi e condanna l'ordine religioso. Che cosa fareste se vi capitasse di incontrarlo? Se cambiasse la vostra vita. Gli credereste? "L'ultimo testamento della sacra Bibbia". Vi sconvolgerà. Vi ferirà. Vi farà paura. Vi farà arrabbiare. Vi farà pensare in modo diverso. Vivere in modo diverso. Vi aprirà gli occhi sul mondo in cui viviamo. Abbiamo aspettato duemila anni l'arrivo del Messia. Lui era qui. Questo libro racconta la sua storia.
Ordina per
  • 5

    Lui mi racconta dei tunnel in cui viveva e dell’arresto e mi racconta di come ha lasciato la sua famiglia. E di come ha bruciato la cauzione. Mi dice che è capace di parlare con Dio. Mi dice che sa delle cose sul mondo, e che sa che il mondo finisce se non lo cambiamo. Che l’uomo è malato. Che i ...continua

    Lui mi racconta dei tunnel in cui viveva e dell’arresto e mi racconta di come ha lasciato la sua famiglia. E di come ha bruciato la cauzione. Mi dice che è capace di parlare con Dio. Mi dice che sa delle cose sul mondo, e che sa che il mondo finisce se non lo cambiamo. Che l’uomo è malato. Che i leader del mondo ci stanno uccidendo tutti. Ci fanno credere che stiamo andando avanti mentre invece ci uccidono. E non è che c’è chissà quale grande complotto, è solo che sono ignoranti. E avidi. E pensano solo a se stessi. E pensano ognuno al loro Dio. I cristiani pensano di avere Dio. I musulmani pensano di avere Dio. Gli ebrei pensano di avere Dio. Tutti pensano di avere Dio dalla loro parte. Che Dio vuole che loro uccidono e giudicano e comandano. E tutti quanti si sbagliano. Tutti quanti fanno quello che fanno in nome di una cosa che non esiste in quel modo. Che le favole governano il mondo. Che Dio non fa parte del mondo in quel modo. Che Dio non giudica. Dio non da ìl potere. Che Dio è una cosa che va al di là di quello che possono capire gli uomini o le donne sulla terra. Che Dio non ci da ìl dono della vita eterna. Il dono è la vita che abbiamo, e quando è finita è bell’e finita. Niente Paradiso. Niente feste con parenti e persone care con gli angeli che cantano e suonano l’arpa. Niente settantadue vergini che ci aspettano per insegnarci a scopare. Niente di niente. Niente Dio come lo crediamo noi. Solo la fine. E tutto quello che abbiamo al mondo sono gli altri. E tutto quello che abbiamo con loro è l’amore. E non l’amore come in qualche canzoncina da coglionazzi. Ma l’amore che è prendersi cura a vicenda, e scoparci a vicenda, e lasciarci vivere a vicenda come vogliamo vivere. E proteggerci a vicenda da tutta la merda che la vita ci scarica addosso.
    Che ci viene addosso perche´ questa è la vita, non perche´qualche deficiente di Dio vuole metterci alla prova, o prepararci per l’aldilà, o perche´ pensa che siamo abbastanza forti per sostenerlo. La merda semplicemente esiste. E senza nessun altro motivo a parte che questa è la vita. Non c’è nessun Dio del cazzo. E tutto quello che dice per me ha senso. Più senso di ogni altra cosa che ho sentito al mondo. Più senso delle fregnacce che politici e predicatori e papi raccontano in giro tutti i giorni. Più senso delle fregnacce nei libri di scuola
    e sui giornali e nei telegiornali. Più senso delle fregnacce con
    cui il nostro governo pretende di farci vivere. Il governo dice
    Una Sola Nazione Sotto Dio, ma sotto quale Dio? Il vecchio
    bianco con la barba che dice che i neri non hanno diritti, gli
    ispanici non hanno diritti, le donne non hanno diritti, i gay
    non hanno diritti, e che tutti quelli che non sono come lui e
    non credono come lui non hanno diritti. Fanculo. E fanculo
    quel Dio. E fanculo tutti gli imbecilli che credono in quel
    Dio. Possono venirmi a baciare questo culo nero, perche´
    quella non è una Nazione Sotto Dio, sono solo stramaledette fregnacce.

    ha scritto il 

  • 5

    Penetrante ed esplosivo...

    James Frey appartiene a quella schiera di scrittori che senza mezze misure si amano o si odiano per la loro natura provocatoria e la capacità di creare forti voragini nell'anima di chi legge.
    L'ultimo testamento, che i credenti potrebbero considerare blasfemo, è un romanzo dalle tinte forti ...continua

    James Frey appartiene a quella schiera di scrittori che senza mezze misure si amano o si odiano per la loro natura provocatoria e la capacità di creare forti voragini nell'anima di chi legge.
    L'ultimo testamento, che i credenti potrebbero considerare blasfemo, è un romanzo dalle tinte forti con una forza d'urto impressionante che mette in discussione perentoriamente le varie dottrine religiose, disprezzandone i dogmi e la capacità di condizionare le menti umane. Una vera guerra ideologica verso la religione, l'economia selvaggia e gli ordini precostituiti . È la storia di Ben un " messia" moderno che vive nella NY moderna , ma non quella glamour e famosa , bensì quella nascosta dove alberga degrado, emarginazione, violenza, atroci momenti e personaggi al limite della realtà.Un messia blasfemo che odia la predicazione e che pratica l' amore libero. Un vero oppositore a tutti gli integralisti ed i moralizzatori che nascondendosi dietro una dottrina religiosa diffondono odio e pregiudizi, ciò che è giusto e ciò che non lo è.
    Bellissima la struttura narrativa, tutta incentrata sul racconto di 12 persone che si sono approcciati a Ben. Sotto l'aspetto narrativo forte si nasconde un grande insegnamento : sono l'amore ed il rispetto per il prossimo la vera religione in grado di cambiare il mondo.

    ha scritto il 

  • 5

    Inno all'amore

    Ho letto tutti i libri di James Frey, innamorandomi sempre più del suo modo di scrivere e dei suoi personaggi, o delle sue vicende nel caso di In un milione di piccoli pezzi e Il mio amico Leonard, finora il mio preferito. Bè, questo libro posso dire mi abbia cambiato, realmente e profondamente. ...continua

    Ho letto tutti i libri di James Frey, innamorandomi sempre più del suo modo di scrivere e dei suoi personaggi, o delle sue vicende nel caso di In un milione di piccoli pezzi e Il mio amico Leonard, finora il mio preferito. Bè, questo libro posso dire mi abbia cambiato, realmente e profondamente. E' un romanzo che nessun avrebbe potuto scrivere se non lui. E' provocatorio, potente, profondo, scomodo. E' incredibilmente vicino al mio modo di pensare, nelle sue denunce delle assurdità delle religioni, dei loro dogmi e di tutti i divieti che intossicano l'animo umano, portandolo all'odio e all'aggressività. E' un libro che bisogna leggere solo se ci si sente in grado di affrontare una visione molto diversa della religione e di Dio. E' il più forte inno all'amore in senso pieno che io abbia mai letto.

    ha scritto il 

  • 3

    Peccato Frey, mi hai un po' deluso! Lo stile è perfetto, come sempre, ma non per questo libro, qui l'ho trovato fuori luogo, in fondo quello che viene detto è trito e ritrito, l'originalità è l'aver dato un nome al nuovo Messia. Se volete veramente trovare il vero e unico Frey prendete quello di ...continua

    Peccato Frey, mi hai un po' deluso! Lo stile è perfetto, come sempre, ma non per questo libro, qui l'ho trovato fuori luogo, in fondo quello che viene detto è trito e ritrito, l'originalità è l'aver dato un nome al nuovo Messia. Se volete veramente trovare il vero e unico Frey prendete quello di "Un milione di piccoli pezzi", di "il mio amico Leonard" di "buon giorno Los Angeles", libri veramente stupendi! Questo non mi ha lasciato niente. Ma chissà, date le recensioni entusiastiche che ho letto, mi viene il dubbio che sono io a non averlo capito fino in fondo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Sono piena di Cristo

    ultimamente leggo libri che parlano del ritorno di cristo. Sto cristo che, poverino, viene ributtato sulla terra senza sapere di essere quello che deve salvare tutti e quindi non sa bene cosa fare. Poi lo sa e tutti gli dicono "Sei scemo, sei mitomane. Mori ammazzato" e lo ammazzano sempre. ...continua


    <

    ultimamente leggo libri che parlano del ritorno di cristo. Sto cristo che, poverino, viene ributtato sulla terra senza sapere di essere quello che deve salvare tutti e quindi non sa bene cosa fare. Poi lo sa e tutti gli dicono "Sei scemo, sei mitomane. Mori ammazzato" e lo ammazzano sempre.

    Il Cristo dentro questa storia è il cristo dei reietti, dei poveracci e degli ultimi, come quello di A volte ritorno, ma si porta dentro più dolore, più cicatrici e più cattiveria. Non sua, degli altri, dei fomentati, dei religiosi, dei brutti.
    E dentro ci ha anche dio, che non ha la barba e i capelli bianchi. Non esiste. Anzi sì. Esiste ma è amore.
    La trama è più o meno sempre la stessa. Nessuno si inventa che cristo è immortale quando è uomo ma il modo di raccontarla, attraverso gli altri personaggi, è diversa. è piena, densa, carnosa e carnale.
    Ho pianto. Anche stavolta perchè la cattiveria scritta mi fa pensare alla cattiveria vera, quella brutta che ti inaridisce.
    Nel libro c'è scritto bene o male quello che penso da quando ragiono ma non è che lo dico, se no poi dice che spoilero.
    Voi Amate.
    Amate e amatevi.
    E leggete che male non vi fa.

    ha scritto il 

  • 5

    In alcuni punti mi ricorda una forma romanzata dei concetti espressi ne L'illusione di Dio di Dawkins, ad esempio nei lunghi discorsi di Ben, il protagonista, sull'assurdità di voler seguire i precetti di un libro scritto tremila anni fa e di volerli applicare ai nostri giorni, sull'uso della fed ...continua

    In alcuni punti mi ricorda una forma romanzata dei concetti espressi ne L'illusione di Dio di Dawkins, ad esempio nei lunghi discorsi di Ben, il protagonista, sull'assurdità di voler seguire i precetti di un libro scritto tremila anni fa e di volerli applicare ai nostri giorni, sull'uso della fede come strumento di controllo e sull'ipocrisia di certi credenti, che si riempono la bocca di versetti biblici e poi istigano all'odio e al razzismo (o come cantava il grande Faber ne Il testamento di Tito "lo sanno a memoria il diritto divino, ma scordano sempre il perdono").
    Ma c'è una frase che, a mio parere, esprime al meglio il messaggio del libro: "nel mondo in cui vivo io, 'sto mondo reale del cazzo, un miracolo è una fiala di crack sul marciapiede davanti a un caseggiato popolare americano rimasta lì senza che nessuno se la prende per più di tre minuti netti".

    ha scritto il 

  • 3

    Dice che era un bell'uomo e veniva veniva dal mare parlava un'altra lingua pero' sapeva amare

    3 stelle e mezzo forse 4


    Un romanzo che si legge bene, che è semplice e complesso che ha un solo tema conduttore: se il Messia ricomparisse sulla terra ai giorni nostri, chi sarebbe, come agirebbe, cosa farebbe e come reagiremmo noi nell'incontrarlo? e sapremmo riconoscerlo? e lui si fare ...continua

    3 stelle e mezzo forse 4

    Un romanzo che si legge bene, che è semplice e complesso che ha un solo tema conduttore: se il Messia ricomparisse sulla terra ai giorni nostri, chi sarebbe, come agirebbe, cosa farebbe e come reagiremmo noi nell'incontrarlo? e sapremmo riconoscerlo? e lui si farebbe riconoscere?
    direi che sono molte le analogie fra il Cristo dei Vangeli e questo Messia arrivato non per scelta, ma per vocazione, e alla fine le voci fuori dal coro, le persone alternative, quelli che amano incodizionatamente, sono coloro che non vengono capiti e anzi vengono condannati e umiliati.....come a dire....la storia si ripete, gli uomini sono uomini anche dopo 2000 anni
    e il Messia è sempre tra noi.....UOMO

    ha scritto il 

Ordina per