Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'universo elegante

Superstringhe, dimensioni nascoste e la ricerca della teoria ultima

Di

Editore: Einaudi

4.2
(705)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 396 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Svedese , Sloveno , Ceco

Isbn-10: 8806177397 | Isbn-13: 9788806177393 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Luigi Civalleri ; Curatore: Claudio Bartocci

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Education & Teaching , Non-fiction , Science & Nature

Ti piace L'universo elegante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Oggi fisici e matematici lavorano a una delle più ambiziose teorie mai proposte: la teoria delle stringhe. Grazie a essa, lo scontro secolare tra le leggi del grande (la relatività generale) e le leggi del piccolo (la meccanica dei quanti) viene superato a vantaggio di una superiore unità, basata sull'affermazione che tutti gli eventi dell'universo nascono da un'unica entità: microscopici cicli di energia nascosti nel cuore della materia. Per questa capacità di unificare tutte le forze della natura, la teoria delle stringhe è stata definita "la teoria di ogni cosa".
Ordina per
  • 3

    Esposizione divulgativa delle teorie fisiche della relatività generale, meccanica quantistica, teoria delle stringhe, supersimmetria... Molto interessante ma a volte piuttosto ostico da seguire, seppure spogliato completamente della matematica. Inoltre l'e-book è privo delle illustrazioni, che so ...continua

    Esposizione divulgativa delle teorie fisiche della relatività generale, meccanica quantistica, teoria delle stringhe, supersimmetria... Molto interessante ma a volte piuttosto ostico da seguire, seppure spogliato completamente della matematica. Inoltre l'e-book è privo delle illustrazioni, che sono direi indispensabili in alcuni punti. Per cui consiglio il cartaceo a chi lo volesse leggere. Il mondo dell'ultrapiccolo (a livello della lunghezza di Planck) è davvero bizzarro e incomprensibile comunque. Almeno per me.

    ha scritto il 

  • 2

    I primi cinque capitoli sono un lodevole tentativo di spiegare relatività e meccanica quantistica senza il minimo ricorso al formalismo matematico. Dal sesto capitolo si passa alle stringhe - sempre e solo attraverso la visualizzazione - e qui ho cominciato ad avere la sensazione di un certo esot ...continua

    I primi cinque capitoli sono un lodevole tentativo di spiegare relatività e meccanica quantistica senza il minimo ricorso al formalismo matematico. Dal sesto capitolo si passa alle stringhe - sempre e solo attraverso la visualizzazione - e qui ho cominciato ad avere la sensazione di un certo esoterismo, di un approccio quasi fideistico (con connessa potenziale confusione tra volontà e verità). Mi è stato di conforto scoprire che non ero solo, riconoscendomi totalmente nelle parole di Glashow, Ginsparg e Georgi (e Feynman) trovate al capitolo IX (e loro avevano gli strumenti per valutare la matematica che sta dietro alla teoria, il che mi induce a pensare che non sia solo l’approccio divulgativo di Greene a non convincere). Certo, Greene li taccia di conservatorismo… Magari risulterà che ha ragione Greene, ma in mancanza di riscontri sperimentali (e in generale di reali capacità predittive, ulteriori rispetto a quanto già evidenziato dalle teorie mainstream), non posso non rimanere perplesso di fronte alle pretese di aver trovato il sacro graal (aka TOE).

    ha scritto il 

  • 4

    La prima parte scorre bene, quando si comincia con i quanti il libro diventa un po' più arduo. Leggendo tutto quelle ipotesi (fanta)scientifiche vengono a volte dei capogiri. Vuoi vedere che la scienza ha più fantasia e inventività delle religioni di tutti i tempi? Anche le equazioni a volte dive ...continua

    La prima parte scorre bene, quando si comincia con i quanti il libro diventa un po' più arduo. Leggendo tutto quelle ipotesi (fanta)scientifiche vengono a volte dei capogiri. Vuoi vedere che la scienza ha più fantasia e inventività delle religioni di tutti i tempi? Anche le equazioni a volte diventano aleatorie, comunque è un libro interessante. E' il caso di dire che più si sa e meno si capisce.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima parte si segue bene, sono sufficienti le reminescenze liceali. La seconda parte invece si complica man mano sempre più.
    Per i miei gusti resta comunque un testo interessante, apprezzo il tentativo di far comprendere a tutti, ciò che è veramente difficile da comprendere

    ha scritto il 

  • 4

    La sperimentazione è ancora lontana dal confermare la teoria delle stringhe, affascinante quanto controversa. L'argomento è tostarello ma la penna divulgativa dell'ottimo Prof. Greene consente una lettura senza dolori di testa e/o pancia. Tuttativa empatizzo (non senza sforzo) la diffidenza del l ...continua

    La sperimentazione è ancora lontana dal confermare la teoria delle stringhe, affascinante quanto controversa. L'argomento è tostarello ma la penna divulgativa dell'ottimo Prof. Greene consente una lettura senza dolori di testa e/o pancia. Tuttativa empatizzo (non senza sforzo) la diffidenza del lettore medio verso le "robe" matematiche e consiglio questo bel libro solo a chi è abbastanza nerd/geek da considerare Matlab (*) più divertente di qualsiasi Playstation/Xbox et similia in circolazione.

    (*): Acronimo di MATrix LABoratory, linguaggio di programmazione/ambiente di sviluppo prodotto da MAthworks fortemente orientato al calcolo numerico-matriciale e applicazioni/simulazioni tecnico-scientifiche.

    ha scritto il 

  • 4

    Ma in fisica l'eleganza non è tutto

    Non conoscevo Greene come divulgatore scientifico e sono rimasto sbalordito dalla capacità di rendere in prosa dei concetti davvero difficili, utilizzando esempi facili della vita di tutti i giorni e senza scrivere neppure una formula.
    La prima parte del libro da una buona illustrazione di ...continua

    Non conoscevo Greene come divulgatore scientifico e sono rimasto sbalordito dalla capacità di rendere in prosa dei concetti davvero difficili, utilizzando esempi facili della vita di tutti i giorni e senza scrivere neppure una formula.
    La prima parte del libro da una buona illustrazione di relatività e Meccanica Qauntistica. Nella seconda parte si concentra sulle Stringhe e nell'ultima filosofeggia sui punti aperti.
    Per chi ama la scienza è un MUST!

    ha scritto il 

  • 5

    L'impossibile divulgativo

    Se si legge come un romanzo è semplicemente curioso, se si pensa che viene esposta una teoria avanzata, allora tutto assume, letteralmente, una dimensione diversa. E ci si scopre ad osservare l'universo reale con gli occhi dell'immaginazione.

    ha scritto il