Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'universo nel terzo millennio

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.8
(39)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 335 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817015083 | Isbn-13: 9788817015080 | Data di pubblicazione: 

Genere: Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'universo nel terzo millennio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Margherita Hack, una delle astrofisiche più note al mondo, ci accompagnanell'avventura della cosmologia. Siamo oggi in grado di ricostruire ciò cheera alle origini l'universo: un acceleratore di enorme potenza, fatto di quarke fotoni che si suppongono governati da un'unica forza fondamentale. Seguendol'espansione dell'universo primordiale, la nuova astronomia ne ripercorre levarie fasi, cercando conferme a teorie e risposte a interrogativi insoluti. Unviaggio nello spazio e nel tempo: dalle stelle più vicine alle remote quasar,dall'origine dell'universo alla sua possibile evoluzione.
Ordina per
  • 4

    Devo ammettere che ho saltato le ultimi 20 pagine, troppo approfondite a livello di formule e di nomi di particelle; m'interessava ripassare dopo anni di abbandono l'argomento, e devo ammettere che questo libro ha assolto bene il compito.

    ha scritto il 

  • 4

    L'Astrofisica non è un pranzo di gala ...

    Ho acquistato questo libro per "rinfrescare" la mia laurea in Astronomia, per aggiornarmi sugli sviluppi degli ultimi anni in un meraviglioso campo scientifico che, però, non avevo seguito attentamente negli ultimi lustri.
    Devo dire che il libro ha risposto alle mie richieste (ma vista la s ...continua

    Ho acquistato questo libro per "rinfrescare" la mia laurea in Astronomia, per aggiornarmi sugli sviluppi degli ultimi anni in un meraviglioso campo scientifico che, però, non avevo seguito attentamente negli ultimi lustri.
    Devo dire che il libro ha risposto alle mie richieste (ma vista la serietà e la competenza dell'autrice avevo pochi dubbi al proposito).

    Una cosa però va detta subito: sebbene "divulgativo", non è un libro da cocktail-party ...
    La Hack rifugge sia dalla superficialità che dal favolistico-scientifico (così facile su un argomento del genere) e una certa preparazione in Fisica o Astronomia è opportuna per riuscire a seguire il testo senza dover saltare a piè pari la comprensione di interi paragrafi.
    Allo stesso tempo, dato che (giustamente) la Hack non vuole (e non può, anche per motivi di spazio) entrare troppo nel dettaglio, perfino chi quel background ce l'ha si potrà trovare a volte a chiedersi quale sia la logica scientifica che ha portato da quei risultati osservativi, descritti sinteticamente, a quelle conclusioni.
    Nel complesso, comunque, c'è un buon equilibrio tra divulgazione e rigore.

    E' opportuno sottolineare che chi pensasse di trovare qui un equivalente italiano dei libri di Hawking, a cominciare dal fin troppo famoso (e forse discutibile come impostazione) "Dal Big Bang ai buchi neri", è bene che si ricreda.
    La Hack non cerca di "far credere al lettore di aver capito", cerca di semplificare le cose al lettore senza però fargli falsi e poco onesti "sconti" intellettuali.
    Anche i grafici e le immagini "tecniche" (e non arruffiananti) servono a questo.
    Per questa sua natura di compendio serio e rigoroso degli sviluppi degli ultimi lustri in tutti i campi dell'astrofisica, dai nuovi strumenti di ricerca all'evoluzione stellare, dalle ricerche planetarie alla cosmologia, il libro può essere affrontato "a capitoli" e per argomenti, senza voler per forza leggerlo d'un fiato dall'inizio alla fine.

    ha scritto il 

  • 4

    Lo ammetto: la nostra Hack spesso si lascia prendere un po' la mano, e dimentica il carattere divulgativo dell'opera che sta scrivendo.
    Sconsigliato quindi a chi non abbia almeno un'infarinatura (meglio se solida) di fisica: la lettura diventerebbe molto ostica.

    ha scritto il 

  • 5

    Divulgazione per gente rodata

    La cara vecchia Margherita ci regala un tomo divulgativo niente male!


    Può sembrare strano, ma ingenera "sense of wonder" per la meraviglia dell'universo vista attraverso l'astrofisica.


    Premetto: è necessario avere una discreta infarinatura di fisica newtoniana e conoscere almeno le ...continua

    La cara vecchia Margherita ci regala un tomo divulgativo niente male!

    Può sembrare strano, ma ingenera "sense of wonder" per la meraviglia dell'universo vista attraverso l'astrofisica.

    Premetto: è necessario avere una discreta infarinatura di fisica newtoniana e conoscere almeno le basi di quella quantistica.
    Se ancora non sapete cos'è un gluone fa niente, ma se non avete almeno un'idea di cosa sia l'interazione nucleare forte, leggete qualcos'altro prima.

    Se siete in grado di passare sopra il misto di - pur lievi - imprecisioni grammaticali (i "ma però" sono abbastanza diffusi), mancanza generale di preposizioni e asciutezza del linguaggio tecnico, questo è un ottimo manuale divulgativo.
    Godibile, chiaro, pieno di metafore azzeccate (e altre più criptiche), in cui la Hack "dà del tu" al lettore come se stesse discutendo di fisica con qualche studente al primo anno, con fervore e voglia di spiegare.

    La matematica, come pertiene a un saggio del genere, è messa un po' da parte (se ne trova solo in nota, e le formule non sono mai particolarmente astruse... se avete confidenza nel leggere le potenze di 10 non avrete problemi ^___^) , usata solo per far comprendere meglio al lettore i concetti alla base di quello di cui si parla.

    La nascita e formazione delle stelle, vivide descrizioni della loro fornace, il modo in cui esplodono o collassano, e su fino alla struttura stessa dell'universo, apparentemente "a bolle" di vuoto fra le quali, schiacciati fra i bordi, filanti ammassi di galassie delimitano la forma del nulla come un liquido fosforescente in una schiuma densa.

    Evocativo.
    Ma è l'universo, lo è per forza ^__^

    'nsomma, raccomandato a chi vuole un libro tecnico ma non troppo, più orientato ai concetti che alla matematica, chiaro e piacevole, capace di far viaggiare la mente e mettere a dura prova il senso di percezione della scala e delle proporzioni :D

    ha scritto il 

  • 3

    C'ho messo due mesi, ma alla fine sono riuscita a leggerlo tutto.
    Devo dire che me lo aspettavo più interessante. é molto tecnico, ci sono tanti nomi, dati e date che per una profana come me non sono certo utili, e distraggono dal discorso generale.
    Inoltre, se certe cose non le avessi ...continua

    C'ho messo due mesi, ma alla fine sono riuscita a leggerlo tutto.
    Devo dire che me lo aspettavo più interessante. é molto tecnico, ci sono tanti nomi, dati e date che per una profana come me non sono certo utili, e distraggono dal discorso generale.
    Inoltre, se certe cose non le avessi studiate al liceo, sarebbero state davvero complicate da capire, su questo libro.

    ha scritto il