Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo a rovescio

Di

Editore: Einaudi (Stile libero Big)

3.8
(2784)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 330 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Svedese , Spagnolo , Sloveno

Isbn-10: 880615687X | Isbn-13: 9788806156879 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Yasmina Melaouah

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'uomo a rovescio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Serie: I casi del commissario Adamsberg. Vol. 2

«Martedì ci furono quattro pecore sgozzate a Ventebrune, nelle Alpi. E giovedì nove a Pierrefort. - I lupi, - disse un vecchio. - Scendono a valle. L'altro vuotò il bicchiere, alzò la mano. - Un lupo, Pierrot, un lupo. Una bestia come non ne hai mai viste. Che scende a valle». Ma è davvero un lupo che uccide tra le montagne del Mercantour? Mentre le superstizioni e le leggende cominciano a girare, un sospetto si diffonde: non è una bestia, potrebbe essere un lupo mannaro. Quando Suzanne viene ritrovata sgozzata, il dubbio diviene certezza.Un impeccabile disegno narrativo e una perfetta costruzione dell'intreccio fanno di questo romanzo un autentico gioiello, in cui lo scenario aspro e selvatico della montagna fa da contrasto al calore della giovane Camille, eterna amante in fuga del commissario Adamsberg. Proprio lui, guardando distrattamente un servizio del telegiornale dedicato ai lupi, una sera crede di riconoscere la sagoma della donna nella piazza del borgo montano. È infatti in questi luoghi che la donna, assieme a un amico ricercatore, crede di aver scoperto in un "lupo mannaro" l'autore di una catena di orrendi delitti. Ma sarà il commissario Adamsberg, precipitatosi da Camille, a scoprire la sconvolgente verità.
Ordina per
  • 4

    Secondo episodio

    Non ho approfondito ma credo che la pubblicazione della traduzione italiana non segua l'ordine della pubblicazione dell'originale. Questo mi risulta il secondo e quindi non ci vedo usurannei personagg ...continua

    Non ho approfondito ma credo che la pubblicazione della traduzione italiana non segua l'ordine della pubblicazione dell'originale. Questo mi risulta il secondo e quindi non ci vedo usurannei personaggi o nella serie. Anzi i personaggi al limite del surreale del primo in questo li ho trovati con almeno un piede tornato per terra a tutto vantaggio della narrazione sempre avvincente e originale.

    ha scritto il 

  • 2

    Un po’ diverso da ciò che mi aspettavo quando ho iniziato a leggerlo: speravo di ritrovare i duetti tra lo spalanuvole Adamsberg e il più razionale e posato Danglard sullo sfondo di Parigi, e invece m ...continua

    Un po’ diverso da ciò che mi aspettavo quando ho iniziato a leggerlo: speravo di ritrovare i duetti tra lo spalanuvole Adamsberg e il più razionale e posato Danglard sullo sfondo di Parigi, e invece mi sono ritrovata a seguire le vicende di un rocambolesco inseguimento nelle campagne e sui rilievi del Mercantour, insieme a una serie di comprimari, dipinti sì in maniera efficace e interessante, ma non al punto da non far avvertire la mancanza dei protagonisti classici dei gialli della Vargas.
    Un po’ come se, mutatis mutandis, in un romanzo della serie di Montalbano, Livia occupasse più spazio e più pagine del commissario camilleriano, ecco.
    Mi è sembrato cioè un libro interlocutorio, in cui la dimensione della storia pregressa dei personaggi prevale sul caso oggetto dell’indagine; proiettato verso una considerazione “seriale” della produzione di questa autrice, e difficilmente valutabile in termini assoluti.
    Ho scoperto qualcosa di più sul background di Adamsberg e sul particolarissimo legame tra lui e Camille (“di cui non gli importava nulla e a cui pensava spesso”), ma non nascondo una certa delusione, sia per la trama piuttosto labile, sia per il confronto con altri romanzi della serie che mi sono piaciuti molto di più (“Nei boschi eterni” e “L’uomo dei cerchi azzurri” soprattutto).

    ha scritto il 

  • 3

    Talvolta arriva un punto nella carriera di un giallista affermato in cui non sa più come ravvivare il ciclo del proprio detective di punta e tira quindi fuori dal cappello un romanzo in cui compare po ...continua

    Talvolta arriva un punto nella carriera di un giallista affermato in cui non sa più come ravvivare il ciclo del proprio detective di punta e tira quindi fuori dal cappello un romanzo in cui compare poco, a tratti, entrando in scena solo quando assolutamente necessario. Tendenzialmente non è mai uno dei titoli memorabili della serie.

    La mia impressione è che, almeno agli inizi, Fred Vargas non sapesse cosa farsene di Adamsberg o come gestirlo al meglio come centro della narrazione. Dopo averlo usato come deus ex machina per gli Evangelisti, al secondo romanzo del ciclo a lui dedicato gli fa iniziare la partita in panchina, facendolo scendere in campo solo nelle fasi più avanzate del gioco.

    Contro ogni previsione, il tutto funziona a meraviglia: abbiamo la solita Francia periferica, piena d'amore, cibo e vitalità, abbia Camille, abbiamo un caso intrigante che sembra il primo tentativo di un "omicidio mitologico", filone da cui verrà fuori l'intenso, stupendo Un Luogo Incerto. Là erano i vampiri, qui un licantropo, un uomo a rovescio che risveglia antiche superstizioni contadine o un abile assassino in grado di servirsene a suo vantaggio?

    Postilla: nell'edizione Einaudi a c'è una nota che non porta da nessuna parte (cfr: "i poliziotti di Bourg al Calvaire" con la nota in piccolo sopra la e finale: ho sfogliato ovunque, ma a quanto pare è proprio una notazione fantasma).

    ha scritto il 

  • 3

    L’amore ti mette le ali ma ti sega le gambe. Perciò alla fine si rivela un bidone

    Sei un ancora giovane maschio.
    Massiccio, solitario, bigotto, con le gambe talmente storte che ci passa in mezzo un cane con una scopa in bocca . E, ahimè! non hai mai avuto una donna.
    Ti sei finalme ...continua

    Sei un ancora giovane maschio.
    Massiccio, solitario, bigotto, con le gambe talmente storte che ci passa in mezzo un cane con una scopa in bocca . E, ahimè! non hai mai avuto una donna.
    Ti sei finalmente stufato della solita minestra stracotta e allungata e stai progettando di concederti una gran botta di vita partendo per un lungo viaggio solitario sulle Alpi francesi.
    Bravissimo!!
    Prima però permettimi di darti un saggio consiglio.
    Mettiti completamente nudo davanti ad uno specchio ben illuminato e controllati i peli del corpo. Se sei peloso come uno scimmiotto o come Walker Texas Ranger, parti tranquillo! Se invece di peli non c’hai nemmeno l’ombra e sei liscio come un bebè informati, prima di andare, che di recente non ci siano stati sgozzamenti di pecore in circostanze misteriose. Potrebbero catturarti e accusarti di essere un lupo mannaro assassino.

    Perché? semplice!
    Come tutti sanno i lupi mannari i peli non li hanno fuori del corpo, ma dentro. E quindi, a quelli completamente glabri sospettati di essere affetti da licantropia, gli aprivano la pancia dalla gola alle palle per vedere se dentro c’erano i peli. Magari i peli non li trovavano, ma era troppo tardi per pentirsi dell’errore.

    M'è piaciuta molto, questa nuova avventura del commissario Adamsberg!

    ☆☆☆☆ bisognose di ceretta

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro mi ha colpito molto fin dal'inizio per la storia dei lupi, come sempre il commissario Adamsberg con la sua testa tra le nuvole sa attirare e tenere incollato il lettore fino alla fine. Qu ...continua

    Questo libro mi ha colpito molto fin dal'inizio per la storia dei lupi, come sempre il commissario Adamsberg con la sua testa tra le nuvole sa attirare e tenere incollato il lettore fino alla fine. Questo libro ha quel giusto equilibrio tra la storia personale dei personaggi e la parte dell'inchiesta. Nonostante i ragionamenti un pò complicati del commissario il libro è davvero intenso sia nei pensieri che nei sentimenti, e i due lati della stessa medaglia ( tra i due personaggi principali) sono sempre interessanti.

    ha scritto il 

Ordina per