Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo che attraversò il tempo per me

Di

Editore: Il Filo

3.9
(48)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 211 | Formato: Altri

Isbn-10: 885670496X | Isbn-13: 9788856704969 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Ti piace L'uomo che attraversò il tempo per me?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Molte volte mi capita di pensare a lui e avvertire un forte senso di malinconia, perché John mi ha fatto sicuramente del male, ma è in fondo stato il primo e ultimo battito del mio cuore". Selma è una giovane donna che vive a New York: il suo lavoro consiste nell'esaminare soggetti autoriali per una produzione televisiva. Fin qui si potrebbe pensare a una storia tutta vip e lounge bar, eppure le apparenze ingannano. Infatti la protagonista, affiancata dall'amica-grillo parlante Laura, non sa buttarsi nella mischia e anzi vive un po' al margine di ogni mondanità. Una sera, però, uno strano evento romperà la timida monotonia di Selma: un plico abbandonato davanti alla porta di casa, come un segno del destino, la farà imbattere in un misterioso autore e nella storia di una vita che mai avrebbe immaginato di leggere.
Ordina per
  • 4

    Questa non è una recensione ma un promemoria,

    per ricordarmi di comprare questo libro. Ho letto solo il primo capitolo sul sito della casa editrice ( ...continua

    per ricordarmi di comprare questo libro. Ho letto solo il primo capitolo sul sito della casa editrice ( http://www.triskellevents.org/edizioni/prodotto/luomo-che-attraverso-il-tempo-per-me-francesca-borrione/ ) e mi ha conquistato, come mai era successo con autore sconosciuto. La protagonista di questo romanzo ambientato a New York è Selma, una giovane appassionata di cinema. A prima vista può sembrare una ragazza antipatica, indurita com'è da vicende passate che le hanno fatto costruire una corazza per tenere lontane le persone e nascondere le sue fragilità e paure.

    Mi sento trasparente. Alle volte, invisibile. Continuo a pensare alle cose sbagliate, alle cose che non vanno, a ciò che vorrei e non vorrei nella mia vita. Non trovo soluzione. Tutti sono in compagnia di qualcuno, tutti parlano, ridono. Io sono sola. Anche quando c’era Laura, ero sola. Perché non mi sento parte di nessuno. Certi giorni, non mi sento parte neppure di me stessa. E divento sempre più piccola. Ho la necessità di isolarmi per un po'.

    E' la passione per la scrittura a tenerla viva, insieme a quella viscerale per il cinema (già nel primo capitolo, il romanzo è pieno di citazioni cinematografiche di ogni genere) e per i libri:

    Le librerie sono quei posti che hanno su di me un effetto terapeutico, quasi come un cinema o il silenzio della casa al mio rientro dopo il lavoro. Adoro viaggiare tra gli scaffali e sfogliare le pagine di romanzi e novelle, scoprire un autore a me sconosciuto e poi leggere tutto quello che ha scritto, mettermi alla ricerca di una storia che parli della mia vita.

    E' per colpa di un amore finito male, uno di quelli a senso unico, da cui non riesce a liberarsi che Selma non crede più nelle persone, non vede un futuro davanti a sè.

    Il primo amore non dovrebbe essere una finzione di cartapesta. Dovrebbe accendersi con un fulmine e bruciare come in un romanzo. Dovrebbe essere fatto di purezza e verità, non di illusioni, sotterfugi e fantasie. John mi sottrasse l’innocenza di vivere e di credere

    [..] ho il difetto di avere paura. E scappo, scappo continuamente, da qualsiasi cosa che non sia in grado di controllare e che non possa prevedere. Vorrei tanto imprevisti e follia nella mia vita, ma mi sono circondata di scadenze, impegni e legami inossidabili che poco concedono alla fantasia.

    Ma un giorno, come se fosse finita in uno dei suoi film preferiti, le arriva la lettera di un uomo che sembra conoscerla intimamente e che vuole salvarla dalle sue paure.

    Selma attraversa intere giornate in solitudine, senza accorgersi che le basterebbe alzare lo sguardo per notare che il mondo non le è poi così ostile. Se è costretta a parlare di sé, delega la propria vita a descriversi attraverso frasi di film o citazioni da libri, le sole cose che la rendono veramente felice. [..] riesce a convincere persino se stessa di essere totalmente invisibile e non concede granché al collega che le fa visita di tanto in tanto proponendole un caffè assieme. Tanto quel tipo ha sicuramente qualcosa di storto, perché una volta Selma ha pescato una mela marcia, e ora preferisce credere che tutte le mele siano bacate, piuttosto che rischiare di coglierne un’altra. Chissà quando capirà che è sempre meglio provare, piuttosto che rinunciare soltanto per paura… Quel giorno, la persona giusta apparirà ai suoi occhi, e sarà come lei l’aveva immaginata. Sarà tanto interessante da costringerla ad abbassare lo sguardo. Sarà diverso dal sogno perché sarà reale, ma per quanto lei potrà cercare in lui difetti e vizi, se ne innamorerà…

    E' solo la prima di una serie di lettere inviate dall' uomo che si firma Kyle Reese, come il protagonista di Terminator che attraversò il tempo per salvare Sarah Connor.

    Questo è solo il primo capitolo di un romanzo che sembra essere ricco di citazioni non solo cinematografiche ma anche letterarie, tra cui questa frase che è un dono per chi sappia farla sua e metterla in pratica :

    Cambia pensiero, e il mondo intorno a te cambia.

    Per tutte le Selma che esistono.

    ha scritto il 

  • 3

    Amare è soffrire. Se non si vuol soffrire, non si deve amare. Però allora si soffre di non amare. Pertanto amare è soffrire, non amare è soffrire, e soffrire è soffrire. Essere felice è amare: ...continua

    Amare è soffrire. Se non si vuol soffrire, non si deve amare. Però allora si soffre di non amare. Pertanto amare è soffrire, non amare è soffrire, e soffrire è soffrire. Essere felice è amare: allora essere felice è soffrire. Ma soffrire ci rende infelici. Pertanto per essere infelici si deve amare. O amare e soffrire. O soffrire per troppa felicità. Io spero che tu prenda appunti. (Sonja in "Amore e guerra")

    ha scritto il 

  • 4

    4.5!

    http://rosadeldeserto.weebly.com/2/post/2013/06/recensione-luomo-che-attravers-il-tempo-per-me-di-francesca-borrione.html

    Lo consiglio a tutti gli amanti delle storie d'amore, a quelle persone che si ...continua

    http://rosadeldeserto.weebly.com/2/post/2013/06/recensione-luomo-che-attravers-il-tempo-per-me-di-francesca-borrione.html

    Lo consiglio a tutti gli amanti delle storie d'amore, a quelle persone che si sentono sole, inadeguate, che avvertono ancora il peso del passato, di un amore importante che però ha fatto soffrire. A voi, anime sensibili, un libro che permette di scavare dentro, di capire che non si può rimanere immobili e nascondersi per sempre, ma bisogna imparare di nuovo a vivere, amare, e fidarsi. Perché non tutti sono pessimi.

    ha scritto il 

  • 5

    La fantastica storia di una donna e del suo "ritorno" all'amore e alla normalità! Infonde un po' di speranza e di curiosità!:)

    recensione e trama: ...continua

    La fantastica storia di una donna e del suo "ritorno" all'amore e alla normalità! Infonde un po' di speranza e di curiosità!:)

    recensione e trama: http://lenostreparolerev.blogspot.com/2013/04/francesca-borrione-luomo-che-attraverso.html

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione "L’uomo che attraversò il tempo per me" di Francesca Borrione a cura di Adriana Munno

    http://insaziabililetture.forumfree.it/?t=65622578

    A tutti capita di sentirsi fuori luogo, fuori ...continua

    Recensione "L’uomo che attraversò il tempo per me" di Francesca Borrione a cura di Adriana Munno

    http://insaziabililetture.forumfree.it/?t=65622578

    A tutti capita di sentirsi fuori luogo, fuori posto e anche fuori contesto almeno una volta nella vita. A tutti capita di non amarsi, di non amare non solo il proprio aspetto ma anche la propria personalità. A tutti capita di sentirsi il brutto anatroccolo circondato da perfettissimi cigni. Ecco come si sente costantemente Selma. Sempre inadatta ed esclusa, una ragazza dal cuore spezzato, pieno di insicurezze e paure, una ragazza che guarda il mondo circostante evolversi ma ha paura di assecondare i cambiamenti. E’ difficile, infatti, credere in un futuro quando la persona che ami distrugge ogni sentimento svuotando di significato la tua vita e riempiendola di dolore. Solo la solitudine le fa compagnia. Selma la solitudine la brama e la cerca, ne ha bisogno, come Linus ha bisogno della sua coperta. In un sfavillante New York del 2000, la nostra protagonista è molto simile a chiunque di noi e per questo è impossibile non immedesimarsi in lei, impossibile non trovare riscontro nella propria vita, impossibile non fare almeno un piccolo paragone, perché tutti prima o poi ci siamo messi in discussione nonostante la propria autostima, il proprio ego, nonostante tutto. E così Selma vive una vita piatta e monotona, banale e piatta. Ma cosa accade quando uno sconosciuto, che silenzioso ti osserva fino a conoscerti meglio di chiunque altro, scrive un libro su di te e te lo invia? Cosa faresti se un uomo misterioso, che potrebbe essere la tua anima gemella, è lì fuori e tu non sai come trovarlo? Lui l’ha osservata attentamente e nel manoscritto che le fa recapitare le fa notare la bellezza che lei non vede, la gentilezza che lei nasconde, la simpatia che cela e l’intelligenza incompresa. Lui la apre al mondo, lui fa quello che nessuno fa, non solo la guarda, lui la VEDE. Selma non può far altro che aprire gli occhi e risvegliarsi alla vita, perche lo sconosciuto ha pienamente ragione e così si aprono nuove strade, nuovi punti di vista per guardare il mondo e nuovi amori. Selma incontra qualcuno, ma quel qualcuno è la sua anima gemella nascosta? Quel qualcuno che ruolo avrà nella sua vita? Verrà delusa o prenderà in mano la sua vita a pieno coraggio? L'amore è forse un sentimento sopravvalutato? Un romanzo straordinario, pieno di citazioni non solo letterarie ma anche cinematografiche che riportano ad un passato non troppo lontano. Un romanzo che fa riflettere sul significato dell'amore, del dolore e della fiducia. Un romanzo fuori dagli schemi e mai banale, che mai annoia perche è talmente carico di sentimenti e contenuti da arricchire l'animo del lettore in modo consistente. A volte, forse, l'autrice si è un po’ soffermata troppo sui dettagli e sulle descrizioni e questo ha leggermente compromesso la scorrevolezza di lettura ma mi ha talmente fatto riflettere e pensare che questo deficit passa in secondo piano. Bisogna aprirsi alla vita, ai cambiamenti e ai sentimenti, perché restare chiusi non spezza il cuore ma ci fa perdere un sacco di esperienze meravigliose, ci preclude la vita, ci nega l'amore. La vita è solo una e merita di essere vissuta al massimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo che mi ha catturato sin dalle prime righe. Raccontato con uno stile elegante e ironico allo stesso tempo, la storia narra di Selma, una protagonista nella quale ogni donna si può ...continua

    Un romanzo che mi ha catturato sin dalle prime righe. Raccontato con uno stile elegante e ironico allo stesso tempo, la storia narra di Selma, una protagonista nella quale ogni donna si può riconoscere. Non è perfetta, né fuori né dentro, e si muove un po' scomoda in una NY pre 11 settembre. Appassionata di cinema - il libro è pieno di citazioni cinematografiche - sogna che il suo eroe, Kyle Reese, attraversi il tempo per lei e la salvi come ha fatto per Sarah Connor nel film Terminator. E sarà proprio quando un fantomatico Kyle Reese irrompe nella sua vita che Selma si troverà a mettere in discussione ciò in cui ha creduto fino a quel momento e starà proprio a lei decidere cosa fare della sua vita.

    ha scritto il 

  • 4

    Come si fa a non voler bene a Selma? è così brava a raccontarci i suoi pensieri, tutto ciò che le accade, che è praticamente impossibile non affezionarsi. Mi ritrovo in lei, nel suo esser ...continua

    Come si fa a non voler bene a Selma? è così brava a raccontarci i suoi pensieri, tutto ciò che le accade, che è praticamente impossibile non affezionarsi. Mi ritrovo in lei, nel suo esser pessimista e un pò catastrofica, nel suo sottovalutarsi e autodemolirsi e allo stesso tempo nell'esser consapevole di esser diversa dagli altri e un pò speciale. Nella sua timidezza e incapacità di uscire fuori dal suo mondo e dal suo guscio, nella sua cecità nel vedere i sentimenti altrui. Selma siamo un pò tutte noi, noi che non saremo mai come la collega pettegola e gatta morta, noi che non rinunceremo mai a un gelato o a far un salto in libreria. La sua storia e "guarigione" mi ha coinvolta ed emozionata, anche se da ragazza completamente affascinata dalla città di New York, mi sarebbe piaciuto che ci fosse rientrata un pò di più. L'ho letta tutta d'un fiato, curiosissima su chi fosse l'identità del misterioso uomo che attraversa il tempo per salvarla, che rappresenta forse l'ideale di ogni donna romantica....ma arrivata al finale, bè, i miei occhi sono usciti fuori dalle orbite (stile cartone animato), sono tornati indietro a rileggere il nome scritto nell'ultimo capitolo, non ci volevo credere! Mi ha lasciato un pochino di amarezza, perchè sembra uno spreco, tutta quella dedizione e quell'amore che sono andati persi, che nervi! Ma forse questo è proprio quello che accade nella vita reale, il finale che caschi alla perfezione non c'è quasi mai. Tutto sommato per Selma, il futuro è comunque lieto, ed è giusto così, perchè per lei è arrivato il momento di rischiare e rinascere. Un romanzo super consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    cinema mon amour

    amo i libri che citano altri libri da andare poi a cercare e a leggere o rileggere. ho apprezzato qui le tante citazioni cinefile che in parte ho condiviso in parte ho appuntato per future visioni. ...continua

    amo i libri che citano altri libri da andare poi a cercare e a leggere o rileggere. ho apprezzato qui le tante citazioni cinefile che in parte ho condiviso in parte ho appuntato per future visioni. l'autrice esordiente ha una buona scrittura e una notevole disinvolura nel plasmare i personaggi lasciando in sospeso quel tanto che può dar spazio ad un seguito. Tuttavia il mio consiglio è di svincolarsi dal genere "agrodolce" e lanciarsi in prove di più ampio respiro che possano mettere in luce a pieno le sue ottime qualità.

    ha scritto il 

  • 4

    Bellissimo romanzo di un’esordiente che non ha niente da invidiare alle grandi di casa nosra, tipo: Federica Bosco. Bella la storia, ben tratteggiati i personaggi e i risvolti psicologici e ...continua

    Bellissimo romanzo di un’esordiente che non ha niente da invidiare alle grandi di casa nosra, tipo: Federica Bosco. Bella la storia, ben tratteggiati i personaggi e i risvolti psicologici e perfetta l’ambientazione americana, anche se l’ avrei preferita nostrana. Un continuo flusso di coscienza di Selma che coinvolge il lettore a tal punto da condividerne buona parte dei pensieri e delle emozioni. Una ragazza della porta accanto e con qualche chilo di troppo e tanti problemi di autostima….. Una costruzione della scenografia da grande scrittrice..e un bel finale da strappa lacrime, con un bel retroscena…. http://libreriarosaitaliana.wordpress.com/2011/09/03/luomo-che-attraverso-il-tempo-per-me-di-francesca-borrione-ed-il-filo-2/

    ha scritto il 

Ordina per