Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo che piantava gli alberi

Libro pop-up

Di ,

Editore: Magazzini Salani

4.1
(1843)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 32 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Catalano , Ceco

Isbn-10: 8862125119 | Isbn-13: 9788862125116 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: L. Spagnol

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Education & Teaching , Fiction & Literature , Science & Nature

Ti piace L'uomo che piantava gli alberi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Età di lettura: da 4 anni.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Una landa desolata in Provenza, abitata dal vento e da un uomo solitario, in un tempo spoglio sospeso tra le due guerre. Il miracolo, una generosa ricompensa frutto della dedizione e del profondo rispetto dei lunghi tempi della natura. Questo è un racconto che parla del lato buono, troppo spesso ...continua

    Una landa desolata in Provenza, abitata dal vento e da un uomo solitario, in un tempo spoglio sospeso tra le due guerre. Il miracolo, una generosa ricompensa frutto della dedizione e del profondo rispetto dei lunghi tempi della natura. Questo è un racconto che parla del lato buono, troppo spesso dimenticato, dell’umanità. Di un pastore, Elzéard Bouffier, che da solo riuscirà a ricollocare nel paesaggio una comunità ormai estinta, fatta di uomini e di ruscelli, di querce, faggi e betulle che a migliaia cresceranno per smorzare il vento e dare speranza laddove esistevano solo odio e ortiche. Con il suo agire clandestino, il pastore regala agli altri l'illusione che degli alberi siano venuti fuori da una strana decisione di Madre Natura, da un meccanismo ecologico che prescinde l'essere umano, notoriamente avido di risorse e irrispettoso di una natura troppo più grande di lui per essere compresa fino in fondo. Scorrendo le pagine de “L'uomo che piantava gli alberi” il lettore capirà che questo è in realtà un racconto che parla del lato buono della natura, del suo potere di regolare ogni aspetto della vita, potere del quale l'agire umano è parte integrante.

    ha scritto il 

  • 5

    Racconto breve, con un messaggio bellissimo. Ci fa capire quale rilevanza possano avere le azioni di un solo uomo nella vita di tante persone e dell'ambiente. Sembra una favola, è bellissimo. Non ho parole per descrivere quello che mi ha lasciato. VOTO: 10

    ha scritto il 

  • 5

    "Era un atleta di Dio..."

    Bellissimo e sublime. Conoscevo già Giono ed è stato uno splendido regalo.
    Tra i monti della Provenza Elzéard Bouffier, un pastore solitario, passa la sua vita a raccogliere ghiande, a selezionarle e a piantarle con la speranza di veder rinascere un bosco dove prima c’erano solo rovine, lande n ...continua

    Bellissimo e sublime. Conoscevo già Giono ed è stato uno splendido regalo. Tra i monti della Provenza Elzéard Bouffier, un pastore solitario, passa la sua vita a raccogliere ghiande, a selezionarle e a piantarle con la speranza di veder rinascere un bosco dove prima c’erano solo rovine, lande nude e desolate…

    Elzéard Bouffier è un atleta di Dio….

    Elzéard Bouffier siamo noi o meglio è ciò che dovremmo essere e invece non siamo.

    Ci vuole “Una certa ragione di vivere“ …. come dice Jean Giono .

    ha scritto il 

  • 2

    Da evitare

    Noiosissimo, retorico, isopportabile. Mi ero scordato di averlo letto, mi è ricapitato tra le mani e mi sono ricordato subito che palla insulsa e pretenziosa sia quest'opera. Piace a cattolici, astrologi e amanti della medicina omeopatica.

    ha scritto il 

  • 4

    favola. racconto breve. comunque la si chiami, questa storia di giono è giustamente famosissima, e nonostante ne avessi già una copia, quando è uscita in edizione pop up l'ho ricomprata ufficialmente per mio figlio, in realtà perché me ne sono innamorata io per prima. uno splendido vestito per un ...continua

    favola. racconto breve. comunque la si chiami, questa storia di giono è giustamente famosissima, e nonostante ne avessi già una copia, quando è uscita in edizione pop up l'ho ricomprata ufficialmente per mio figlio, in realtà perché me ne sono innamorata io per prima. uno splendido vestito per un messaggio ecologico: what else?

    ha scritto il 

  • 5

    Un racconto breve che racchiude nelle sue poche pagine la capacità di portare il lettore in un percorso di pace "naturalistico e interiore" lungo quanto il numero di alberi piantati da Elzeard Bouffier, il pastore solitario e tranquillo, che provava piacere a vivere lentamente.

    ha scritto il 

  • 3

    «Arrivato dove desiderava, cominciò a piantare la sua asta di ferro in terra. Faceva così un buco nel quale depositava una ghianda, dopo di che turava di nuovo il buco. Piantava querce.»

    ha scritto il 

  • 4

    Un racconto illustrato di 36 pagine per adulti e bambini. Elzèard Bouffier ha vissuto la sua vita e si ritira, a più di cinquant'anni, "in quell'antica regione delle Alpi che penetra in Provenza", in una landa completamente deserta per vivere lentamente.
    Qui,ignaro e lontano dai conflitti bellici ...continua

    Un racconto illustrato di 36 pagine per adulti e bambini. Elzèard Bouffier ha vissuto la sua vita e si ritira, a più di cinquant'anni, "in quell'antica regione delle Alpi che penetra in Provenza", in una landa completamente deserta per vivere lentamente. Qui,ignaro e lontano dai conflitti bellici,dà inizio alla sua meticolosa impresa, piantando ogni giorno alberi. Con il passare degli anni quel deserto inospitale si trasforma in una rigogliosa foresta. "Se si teneva a mente che era tutto scaturito dalle mani e dall'anima di quell'uomo, senza mezzi tecnici, si comprendeva come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre alla distruzione."

    ha scritto il 

Ordina per