Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo che voleva essere felice

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.6
(121)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8820046954 | Isbn-13: 9788820046958 | Data di pubblicazione: 

Curatore: M. Magrì

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Religion & Spirituality

Ti piace L'uomo che voleva essere felice?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Se lei non rinuncia a niente, evita di scegliere. E quando ci si astiene dallo scegliere, ci si astiene dal vivere la vita che si vorrebbe

    Ti mette in pace con il mondo...

    ha scritto il 

  • 4

    Gli altri ci vedono come noi ci vediamo

    "Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono. Non cercano la verità, vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base delle loro convinzioni. Ciò li rassicura, e inconsciamente vi si aggrappano"


    L'inter ...continua

    "Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono. Non cercano la verità, vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base delle loro convinzioni. Ciò li rassicura, e inconsciamente vi si aggrappano"

    L'intero libro, senza pretese letterarie, fa da corollario a questa frase. Un testo semplice come semplici sono i nodi che incatenano le nostre vite. Siamo troppo impegnati a tenere in piedi la nostra impalcatura per vedere la soluzione, tuttavia poche parole ben assestate possono aprirci una via.
    L'importanza di poter scegliere, di saper chiedere aiuto agli altri, di scalare le montagne che portano al nostro sogno. Chi è interessato a questi temi legga questo libro. Voto al messaggio.

    ha scritto il 

  • 3

    Trovar se stessi a Bali.

    Potrebbe essere "solo" un saggio, ma la geografia del luogo, soprattutto all'inizio, rende incantevole questo libro.
    «É normale. Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono, NON CERCANO LA VERITA' vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un m ...continua

    Potrebbe essere "solo" un saggio, ma la geografia del luogo, soprattutto all'inizio, rende incantevole questo libro.
    «É normale. Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono, NON CERCANO LA VERITA' vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base delle loro convinzioni. Ciò li rassicura, e inconsciamente vi si aggrappano.»

    ha scritto il 

  • 5

    Come trovare la felicità? Ecco qua!

    Un libro che ti fa ripensare tante cose, scritto molto bene, quasi sembra una favola. Più che un libro lo si potrebbe definire un'insegnamento sulla ricerca della felicità, con il vecchio saggio come insegnante ed i problemi del protagonista (che sono un po' i problemi che abbiamo tutti) mostrano ...continua

    Un libro che ti fa ripensare tante cose, scritto molto bene, quasi sembra una favola. Più che un libro lo si potrebbe definire un'insegnamento sulla ricerca della felicità, con il vecchio saggio come insegnante ed i problemi del protagonista (che sono un po' i problemi che abbiamo tutti) mostrano la strada di come cercare la felicità in modo amabile con esempi facili e ambientato a Bali.

    ha scritto il 

  • 4

    Utilissimo. I ragionamenti e tutti i discorsi con il Guru mi hanno proprio aperto gli occhi su diverse cose.
    L'ho prestato a non so più quante amiche. Lo consiglio!

    ha scritto il 

  • 2

    Quasi duecento pagine stirate all'estremo solo per passare il messaggio che ci facciamo tutti condizionare dalle credenze con le quali cresciamo. Nè saggio né romanzo; sono arrivata alla fine solo per vedere dove andava a parare, dunque forse la cosa migliore è una delle frasi finali:
    "Non ...continua

    Quasi duecento pagine stirate all'estremo solo per passare il messaggio che ci facciamo tutti condizionare dalle credenze con le quali cresciamo. Nè saggio né romanzo; sono arrivata alla fine solo per vedere dove andava a parare, dunque forse la cosa migliore è una delle frasi finali:
    "Non lasciare mai che nessuno ti dica cosa non sei capace di fare. Sta a te la scelta di vivere la tua vita."

    ha scritto il 

  • 5

    ILLUMINANTE

    Ero e sono scettica sui saggi di stampo filosofico ma questo libro lo ho adorato!manda messaggi forti e chiari e ti invita a riflettere.Lo sapevate che anche l'assunzione di semplice placebo,nella convinzone che sia un medicinale specifico, può far regredire malattie,compreso il cancro?come agisc ...continua

    Ero e sono scettica sui saggi di stampo filosofico ma questo libro lo ho adorato!manda messaggi forti e chiari e ti invita a riflettere.Lo sapevate che anche l'assunzione di semplice placebo,nella convinzone che sia un medicinale specifico, può far regredire malattie,compreso il cancro?come agisce la nostra mente?Lo consiglio veramente!
    ecco qualche spunto:
    "se lei non rinuncia a niente evita di scegliere.E quando ci si astiene dallo scegliere,ci si astiene dal vivere la vita che si vorrebbe."
    "quando lei è convintio di qualcosa è portato ad adottare determinati comportamenti;i quali vanno a loro volta a suscitare un certo effetto sul comportamento degli altri in un senso che,e ci risiamo,va a corroborare ciò cui lei è convinto"

    ha scritto il 

  • 2

    Troppo Uguale

    Libro dallo stile semplice e storia poco innovativa, l'unico aspetto positivo di questo libro può essere il messaggio che passa. Ma come questo libro ce ne sono altri 1000 nel solito stile (vedi Bambaren).

    ha scritto il 

Ordina per