L'uomo di neve

di | Editore: Mondolibri
Voto medio di 2183
| 266 contributi totali di cui 259 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Una notte, dopo la prima neve dell'anno, il piccolo Jonas si sveglia e scopre che sua madre è sparita. La sciarpa rosa che lui le aveva regalato per Natale è avvolta al collo del pupazzo di neve che, inspiegabilmente, quel giorno è apparso nel loro g ...Continua
Lauretta
Ha scritto il 20/10/18
Storielle passeggere

Penso a questi libri come ad una specie di relazione amorosa clandestina. Non sono innamorata, non ci tengo davvero però mi divertono, non sono impegnativi e non si fanno vivi fino a che non li richiami tu.

Fer Carla69
Ha scritto il 20/09/18
prevedibile

Ho capito chi era l'assassino ben prima della metà del libro, l'ho finito per averne conferma. Detto questo su un thriller se ne capisce il valore.
Visto pure il film che è molto peggio.

Letizia
Ha scritto il 22/08/18
crudo

Nesbø fa affezionare ai personaggi, tutti molto ben descritti e di spesore. La trama è avvincente da subito e ben costruita. Ci sono dei passi crudissimi, pure qualcosa di perverso, ma tutto molto interessante.

Dragonfly
Ha scritto il 01/08/18
Ottimo thriller scandinavo
E' il primo libro che ho letto dell'autore, mi ha ricordato molto le atmosfere dei coniugi Lars Kepler (che adoro). La storia mi ha rapita completamente, ottimo il colpo di scena finale, sebbene avessi avuto dei sospetti sulla vera identità del seria...Continua
LadyMaka
Ha scritto il 25/07/18
insomma......
Il libro è interessante, con una scrittura neutrale e un protagonista tormentato ben delineato. Purtroppo però il cambiamento di direzione attuato più volte dall'autore è ridondante e faticoso fino a sfiorare il già visto. Perde spunti andando avanti...Continua

Vale3497
Ha scritto il Oct 21, 2015, 17:08
Una volta Rakel gli aveva detto che secondo lei, lui sognava di essere nato con un dito medio in più, sempre dritto in aria.
Pitichi...
Ha scritto il Dec 23, 2013, 13:53
Quando entrò nel locale affollato erano già a buon punto: si davano manate sulle spalle, ridevano, urlavano, si scambiavano vapori d'alcol e cantavano con Stevie Wonder che sosteneva di telefonare per dire soltanto "Ti amo".
Pag. 241
Pitichi...
Ha scritto il Dec 23, 2013, 13:51
<<Hanno misurato l'attività cerebrale dei pugili>> riprese Harry. <<Lo sapevi che perdono conoscenza più di una volta, durante un incontro? Un secondo qua, un secondo là. Però in qualche modo restano in piedi, come se il corpo sapes...Continua
Pag. 225
Pitichi...
Ha scritto il Dec 12, 2013, 09:33
Mercoledì, 5 novembre 1980. Il pupazzo di neve Quel giorno arrivò la neve. Erano le undici di mattina quando da un cielo incolore iniziarono a cadere senza alcun preavviso grossi fiocchi bianchi che, come un'armata dallo spazio, coprirono i campi e...Continua
Pag. 7
Pitichi...
Ha scritto il Dec 12, 2013, 09:29
Il male non è una cosa, è un'assenza di cose. Un'assenza di bontà.
Pag. 113

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi