Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo di neve

Di

Editore: Piemme (Numeri primi)

4.0
(1707)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 531 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Norvegese , Tedesco , Francese , Inglese , Svedese , Olandese , Danese , Chi tradizionale , Polacco , Ceco , Spagnolo , Catalano , Greco

Isbn-10: 8866216054 | Isbn-13: 9788866216056 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Puleo

Disponibile anche come: eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'uomo di neve?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La città di Oslo è avvolta nel buio e i primi fiocchi di neve cadono leggeri imbiancando le strade. Birte Becker è appena tornata a casa dal lavoro quando, fuori dalla propria finestra, nota un pupazzo di neve che sembra scrutarla. Poche ore dopo, Birte scompare senza lasciare traccia. Unico indizio, un pupazzo di neve avvolto nella sciarpa della donna, all'interno del quale viene ritrovato anche il suo cellulare. Il commissario Harry Hole, chiamato per indagare sulla misteriosa scomparsa, si getta a capofitto nel caso per sfuggire ai fantasmi che lo perseguitano giorno e notte e alla notizia che lo ha gettato nel baratro dopo mesi di astinenza dall'alcol e di buona condotta: Rakel, l'unica donna che abbia mai amato, sta per sposarsi. Appena inizia a indagare sulla scomparsa della Becker, Harry si rende conto che il caso ha moltissime somiglianze con altre sparizioni misteriose avvenute a Oslo negli ultimi vent'anni. La procedura è sempre la stessa: una donna, sposata con figli, scompare nel nulla, nella notte in cui sulla città cade la prima neve. Hole è l'unico che può avvicinarsi alla verità, perché il male, subito e inferto, lo conosce molto da vicino e può calarsi pienamente nella testa del serial killer. La scoperta, però, sarà più amara e sconcertante del previsto, perché la mano in grado di perpetrare quegli orrendi crimini è molto più vicina di quanto Harry si sarebbe mai immaginato.
Ordina per
  • 2

    Amo i thriller e questo può degnamente essere considerato di buon livello, ma non è questa che intendo per buona narrazione, troppo a rapide sequenze, troppo stile sceneggiatura da fiction cinematogr ...continua

    Amo i thriller e questo può degnamente essere considerato di buon livello, ma non è questa che intendo per buona narrazione, troppo a rapide sequenze, troppo stile sceneggiatura da fiction cinematografica,per appassionarmi non basta una buona trama.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo libro che leggo di questo autore. Mi dispiace non aver iniziato seguendo una cronologia. Molto bello, mi è piaciuto tanto, forse un po' troppo eroe americano il commissario specie nel finale. ...continua

    Primo libro che leggo di questo autore. Mi dispiace non aver iniziato seguendo una cronologia. Molto bello, mi è piaciuto tanto, forse un po' troppo eroe americano il commissario specie nel finale.

    ha scritto il 

  • 4

    grande Nesbo

    peccato che avendo letto alcuni suoi gialli scritti dopo ci fossero dei rimandi su Rakel che svelavano alcune verità su questo romanzo e quindi praticamente mentre lo leggevo sapevo già il nome dell'u ...continua

    peccato che avendo letto alcuni suoi gialli scritti dopo ci fossero dei rimandi su Rakel che svelavano alcune verità su questo romanzo e quindi praticamente mentre lo leggevo sapevo già il nome dell'uomo di neve

    ha scritto il 

  • 4

    Possessiu. És el primer llibre que llegeixo d'aquest autor i la veritat és que m'ha agradat i m'ha fet passar una estona molt pendent de la història que explica. Potser el ball de presumptes culpables ...continua

    Possessiu. És el primer llibre que llegeixo d'aquest autor i la veritat és que m'ha agradat i m'ha fet passar una estona molt pendent de la història que explica. Potser el ball de presumptes culpables que ens ofereix és una mica atabalador, però... al final acabes ben convençut i satisfet amb el desenllaç.

    ha scritto il 

  • 2

    Un inizio e la prima parte del libro intrigante, che cattura subito. Donne sposate con figli che vengono uccise e l'unica traccia dell'assassino è un pupazzo di neve nel cortile di casa. Poi si dilun ...continua

    Un inizio e la prima parte del libro intrigante, che cattura subito. Donne sposate con figli che vengono uccise e l'unica traccia dell'assassino è un pupazzo di neve nel cortile di casa. Poi si dilunga troppo e perde di pathos e di emozione con un finale alquanto improbabile, troppo tendente a sorprendere e spiazzare il lettore. E l'assassino si capisce già dopo un terzo di libro...

    ha scritto il 

  • 3

    Procedono sempre su livelli più che buoni le indagini di Harry Hole: Jo Nesbø con L'uomo di neve continua a confermare tutto il gran bene che ho già espresso a proposito della sua scrittura.

    ha scritto il 

  • 0

    Un giallo che non dà respiro. I colpi di scena si susseguono incessantemente.

    Mi ha fatto distrarre in un momento particolare della mia vita.

    In futuro, credo leggerò altri libri di Nesbø. ...continua

    Un giallo che non dà respiro. I colpi di scena si susseguono incessantemente.

    Mi ha fatto distrarre in un momento particolare della mia vita.

    In futuro, credo leggerò altri libri di Nesbø.

    ha scritto il 

  • 4

    Che dire... Per evadere il tempo di un week end, lasciarsi i pensieri alle spalle e godersi un sano thriller anche se non sempre di lettura sciolta, soprattutto all'inizio.

    ha scritto il 

  • 3

    Avvincente

    Avvincente fino all'ultimo anche se qulcosa si può intuire in anticipo.
    Nebso mi lascia sempre qualche perplessità per le trame un po' forzate
    e per l'approfondimento sociale di maniera, se lo confron ...continua

    Avvincente fino all'ultimo anche se qulcosa si può intuire in anticipo.
    Nebso mi lascia sempre qualche perplessità per le trame un po' forzate
    e per l'approfondimento sociale di maniera, se lo confrontiamo a Stieg Larsson
    il confronto è impietoso.

    ha scritto il 

Ordina per