Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'uomo sentimentale

Di

Editore: Einaudi (Einaudi tascabili; 861)

3.7
(406)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 153 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Portoghese

Isbn-10: 8806158910 | Isbn-13: 9788806158910 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Glauco Felici

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace L'uomo sentimentale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il Leone di Napoli. E' così che gli appassionati chiamano il protagonista, unfamoso tenore catalano. Quando inizia a raccontare, si trova a Madrid e le suegiornate si dividono tra la solitudine di un albergo e la ripetitività delleprove al Teatro de la Zarzuela, dove interpreterà Cassio nell'Otello di Verdi.Ciò che racconta è una passione d'amore in qualche modo parallela a quellashakespeariana: non è solo in scena che si crea un triangolo amoroso, e non èsolo in scena che il Leone di Napoli svolge il ruolo, tutto sommato, dicomprimario - mentre il vero protagonista è il suo avversario nella lotta perla diafana, sfuggente Natalia: il banchiere belga dagli occhi color cognac edall'inverosimile cappello floscio.
Ordina per
  • 3

    Triangoli, rewind e flash forward

    Marìas scrive sempre libri alla Marìas (e non è un difetto). Come mi accade quando torno a leggere un libro di Paul Auster, mi scontro con la certezza di personaggi che, un po' rinnovati, si ...continua

    Marìas scrive sempre libri alla Marìas (e non è un difetto). Come mi accade quando torno a leggere un libro di Paul Auster, mi scontro con la certezza di personaggi che, un po' rinnovati, si ripresentano al cospetto di una storia infinita. Non sempre la stessa, ma molto simile. Credo accada per un'uniformità notevole di atmosfere e di riflessioni talmente radicate nell'intimo dell'autore da non poter essere accantonate mai. "L'uomo sentimentale" non è all'altezza di altri romanzi, a parer mio, forse perché troppo parsimonioso sull'azione (che avrebbe meritato più dettagli, tempi narrativi meno sintetici) e dispersivo in un continuo rewind/flash forward. Come leggerlo, allora? Intanto facendo attenzione ai due triangoli: quello fra il protagonista e la insolita coppia in cui si imbatte e l'altro, che appartiene a un passato in via di rimozione. Considerando, inoltre, la possibilità di entrare in un mondo affascinante, come quello della lirica, sebbene ai fasti del palcoscenico Marìas preferisca indugiare sui piccoli squallori quotidiani. Tentando di assaporare, infine, i temi, cari all'autore, declinati in forma di riflessione lenta, pacata, ma - purtroppo - troppo squilibrata rispetto al mero racconto.

    (ebook)

    ha scritto il 

  • 4

    "E sarebbe allora il rileggere un leggere: ma un leggere inconsapevolmente caro di tutto ciò che tra una lettura e l'altra è passato su quel libro e attraverso quel libro nella storia umana e ...continua

    "E sarebbe allora il rileggere un leggere: ma un leggere inconsapevolmente caro di tutto ciò che tra una lettura e l'altra è passato su quel libro e attraverso quel libro nella storia umana e dentro di noi"

    ha scritto il 

  • 4

    Quando si legge Marias si ha un momento iniziale di smarrimento, quando la mente si perde nella prosa articolata e preziosa, e la descrizione di fatti viene soppiantata dai rivoli delle elucubrazioni ...continua

    Quando si legge Marias si ha un momento iniziale di smarrimento, quando la mente si perde nella prosa articolata e preziosa, e la descrizione di fatti viene soppiantata dai rivoli delle elucubrazioni dove annaspano i personaggi. in un secondo momento si impara a navigare in quel mare di parole, riflessioni, suggestioni e infine si prova la sublime bellezza del veleggiare nell'oceano delle considerazioni esistenziali. Un percorso che vale sempre la pena compiere.

    ha scritto il 

  • 4

    un libro che lascia l'eco

    Interessante e fascinosa riflessione su quello che è sul punto di essere e non è ancora, sulle occasioni che ci dà la vita e soprattutto, alla fine, leggendo la postfazione dell'autore, sul ...continua

    Interessante e fascinosa riflessione su quello che è sul punto di essere e non è ancora, sulle occasioni che ci dà la vita e soprattutto, alla fine, leggendo la postfazione dell'autore, sul destino degli uomini sentimentali. Consueti toni pacati e ipnotizzanti di Marìas. http://www.aphorism.it/javier_marias/libri/luomo_sentimentale/

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo un iniziale disagio per i periodi lunghi che mi lasciavano senza fiato anche la mente, mi sono ritrovata trasportata da un’onda scorrevole e tranquilla di pensieri, ben articolati e ...continua

    Dopo un iniziale disagio per i periodi lunghi che mi lasciavano senza fiato anche la mente, mi sono ritrovata trasportata da un’onda scorrevole e tranquilla di pensieri, ben articolati e consequenziali… Una scrittura che sembra d’altra parte adattarsi alle immagini sfumate, tra sogno e realtà, tra memorie e proiezioni, in questo breve romanzo: potrebbe apparire un banale “triangolo”, ma in realtà niente ha di banale né di retorico; l’amore vi risulta impalpabile, stranamente sfuggente nell’attuale. Dice Javier Marías nell’esplicativo epilogo: è una storia d’amore in cui l’amore non si vede né si vive, ma si annuncia e si ricorda. Originali dunque la costruzione della trama e la presentazione della storia; una penna arguta e con una fine ironia, ancor più apprezzabile, questa, per essere appena accennata e non ostentata.

    ha scritto il 

  • 4

    "La maggior parte delle volte non si sa quando si è stati presi né quando si è stati lasciati, non soltanto perché ciò accade sempre a nostra insaputa, ma perché risulta impossibile isolare il ...continua

    "La maggior parte delle volte non si sa quando si è stati presi né quando si è stati lasciati, non soltanto perché ciò accade sempre a nostra insaputa, ma perché risulta impossibile isolare il momento in cui tali ribaltamenti accadono, allo stesso modo in cui si ignora sempre se il fatto stesso di essere presi obbedisce ai propri meriti e virtù, alla propria e irripetibile esistenza, all’intervento decisivo compiuto o piuttosto, semplicemente, alla casuale intromissione di uno nella vita di un altro." (p. 131)

    ha scritto il 

Ordina per