Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L.A. Confidential

Di

Editore: Mondadori

4.0
(2841)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 378 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Ceco , Chi tradizionale , Svedese , Greco

Isbn-10: 8804448113 | Isbn-13: 9788804448112 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Traduttore: Carlo Oliva

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L.A. Confidential?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Se James Ellroy verrà ricordato come un grande scrittore, non è tanto per gli intrecci talvolta cervellotici che contraddistinguono le trame dei suoi noir, quanto per la capacità di conciliare due aspetti non sempre compresenti in letteratura: grandi affreschi sociali e personaggi impossibili da ...continua

    Se James Ellroy verrà ricordato come un grande scrittore, non è tanto per gli intrecci talvolta cervellotici che contraddistinguono le trame dei suoi noir, quanto per la capacità di conciliare due aspetti non sempre compresenti in letteratura: grandi affreschi sociali e personaggi impossibili da dimenticare. Fine conoscitore dell'animo umano in tutta la sua complessità, Ellroy è capace di sondare debolezze e passioni dei suoi protagonisti senza cadere nel tranello principale di molti altri autori di genere: il cliché, che nelle sue mani diventa un ulteriore strumento, con cui giocare strizzando l'occhio ad alcuni stereotipi della tradizione hard boiled, di cui è comunque figlio, ma sempre asservendolo ai propri scopi attraverso una padronanza stilistica assoluta.
    Il risultato è eccellente, sia quando Ellroy si cimenta con le psicologie maschili, sia in presenza delle donne fatali dei suoi romanzi, affascinanti quanto irreparabilmente danneggiate.
    La triade di poliziotti della Los Angeles anni Cinquanta intorno a cui si snoda L. A. Confidential si presenta almeno in partenza come un quadro facile da assimilare: poliziotto violento con un trauma orribile alle spalle (Bud White), poliziotto corrotto (Jack Vincennes), poliziotto ambizioso e ricco di famiglia (Ed Exley).
    I tre personaggi femminili sono Lynn, prostituta d'alto bordo dalla somiglianza impressionante con una diva del cinema, Inez, una studentessa di college messicana reduce da una violenza sessuale di gruppo, e la tenera Karen, una ragazza ricca ostinatamente innamorata di un uomo finito e inadatto a lei.
    Nelle mani di un comune scrittore di thriller, questi sarebbero stati gli ingredienti dell'ennesimo svolgimento di un tema narrativo ormai risaputo, zeppo di luoghi comuni e ombre sbiadite. Ma Ellroy è diabolico, e riesce nell'impresa di far amare i suoi protagonisti dal lettore nel momento stesso in cui glieli mostra in tutta la loro miseria e vulnerabilità, perché è questo sfondo nero a rendere ancora più grandi i loro momenti di risveglio morale. Questo vale soprattutto per Ed, forse il più significativo personaggio del romanzo, che nei cinque anni del suo arco temporale cresce in modo inaspettato fino a determinare il vero punto di svolta della storia.

    ha scritto il 

  • 5

    Lezione odierna: come scrivere un Noir.

    Schietto, spietato, oscuro e tremendamente reale: Ellroy scrive un manifesto di un genere, in una Los Angeles cruda e minacciosa, ma così affascinante al lettore che ci si approccia. Poche pagine è si è catapultati dentro un'odissea da cui si esce profondamente turbati.
    E va bene così.

    ha scritto il 

  • 5

    Un noir perfetto. Crudo, spietato, con personaggi talmente umani nelle sue scelte da essere veri.
    "A certi uomini tocca il mondo intero, a certi altri un'ex prostituta e un viaggio in Arizona. Tu sei tra i primi, ma, mio Dio, non ti invidio il sangue che hai sulla coscienza."
    Grazie E ...continua

    Un noir perfetto. Crudo, spietato, con personaggi talmente umani nelle sue scelte da essere veri.
    "A certi uomini tocca il mondo intero, a certi altri un'ex prostituta e un viaggio in Arizona. Tu sei tra i primi, ma, mio Dio, non ti invidio il sangue che hai sulla coscienza."
    Grazie Ellroy.

    ha scritto il 

  • 5

    Quando penso ad un Noir penso a questo libro. Lucido e spietato, tutti i vizi e le virtù umane sono sotto osservazione, non si salva nessuno.
    Storia eccessiva e mozzafiato, un intrecciarsi di storie e personaggi indimenticabili che si snoda per 500 pagine, senza mai annoiare.

    L'Ellro ...continua

    Quando penso ad un Noir penso a questo libro. Lucido e spietato, tutti i vizi e le virtù umane sono sotto osservazione, non si salva nessuno.
    Storia eccessiva e mozzafiato, un intrecciarsi di storie e personaggi indimenticabili che si snoda per 500 pagine, senza mai annoiare.

    L'Ellroy che ci piace, sporco e cattivo.

    ha scritto il 

  • 3

    Superate le prime 100 pagine....

    La mia recensione è presente sul mio blog:
    http://langolodeltempolibero.blogspot.it/2014/08/parliamo-di-libri-1-puntata.html
    Vi è piaciuta la recensione? Seguitemi sul blog per scoprire le altre mie letture. (blog in costruzione)

    ha scritto il 

  • 3

    La storia è bella e coinvolgente, ma ci sono troppi personaggi per i miei gusti. In alcuni momenti ho fatto fatica a capire le vicende, spaesata dalla moltitudine di nomi e di storie intrecciate.
    Secondo me è il classico libro che acquista importanza con le ri-letture, quando si è già avvez ...continua

    La storia è bella e coinvolgente, ma ci sono troppi personaggi per i miei gusti. In alcuni momenti ho fatto fatica a capire le vicende, spaesata dalla moltitudine di nomi e di storie intrecciate.
    Secondo me è il classico libro che acquista importanza con le ri-letture, quando si è già avvezzi allo stile e si conosce già la trama.
    Lo consiglierei con riserva, suggerendo di trascrivere via via i nomi dei personaggi e il loro ruolo nella vicenda.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo sì che è un noir

    Mi era venuta la curiosità di leggere questo libro dopo aver sentito parlare Ellroy che, diciamolo, è un folle! Bene, il libro è di quelli che ti fanno dispiacere averli finiti, un racconto crudo e incalzante, una storia avvincente e complessa dove non c'è mai un buono buono e un cattivo cattivo, ...continua

    Mi era venuta la curiosità di leggere questo libro dopo aver sentito parlare Ellroy che, diciamolo, è un folle! Bene, il libro è di quelli che ti fanno dispiacere averli finiti, un racconto crudo e incalzante, una storia avvincente e complessa dove non c'è mai un buono buono e un cattivo cattivo, proprio come dovrebbe essere un bel racconto. Straordinario, potente, wow!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Esagerato, sovrabbondante, eccessivo: per me il miglior Ellroy

    Bisogna essere in perfetta forma per leggere questo libro: cuore, cervello, fiato, nervi, fegato, stomaco. Ambientato nella Los Angeles degli anni ’50, è un romanzo intricatissimo, con una trama principale e decine di sottotrame che si intersecano, con tre protagonisti e innumerevoli comprimari ( ...continua

    Bisogna essere in perfetta forma per leggere questo libro: cuore, cervello, fiato, nervi, fegato, stomaco. Ambientato nella Los Angeles degli anni ’50, è un romanzo intricatissimo, con una trama principale e decine di sottotrame che si intersecano, con tre protagonisti e innumerevoli comprimari (poliziotti, gangster, divi del cinema, giornalisti, puttane, spacciatori, ecc.). Non affezionatevi troppo a nessuno di loro, potrebbero essere fatti fuori una decina di pagine più in là.
    Come Ellroy abbia potuto concepire e realizzare qualcosa di così complicato, dominandolo alla perfezione dall’inizio alla fine, senza perdere il bandolo dell’intricata matassa, per me resta un mistero. Posso spiegarmelo solo con una parola: genio.

    Dal romanzo è stato tratto il film di Curtis Hanson con Russell Crowe, Guy Pierce e Kevin Spacey nel ruolo dei tre poliziotti. Rispetto al libro il film sviluppa solo la trama principale, ma è comunque stupendo perché restituisce l’atmosfera della Los Angeles di quegli anni e inoltre i protagonisti sono perfetti, tutti bravi, qualcuno bravissimo. Uno, in particolare, mi è rimasto nel cuore:

    http://youtu.be/1ubs6iUMdyo

    ma io mi innamoro sempre dell’uomo sbagliato.

    ha scritto il 

  • 0

    Troppa gente....

    "Non si può leggere qualsiasi storia in qualsiasi tempo.
    Ogni libro ha il suo momento"

    Purtroppo ho sbagliato ancora il momento! L'ho iniziato per la seconda volta e non mi prende,non so se gli darò una terza opportunità!

    ha scritto il 

  • 5

    Odore di tabacco e liquori.

    Corruzione, droga, prostituzione, vizio, bugie, affari loschi, personalità ambigue, ossessioni, debolezze, amore, amicizia, sesso, il tutto avvolto dall'odore di tabacco e liquori che impregnava i locali della Los Angeles degli anni '50. In questo romanzo c'è tutto...e raccontato fottutamente ben ...continua

    Corruzione, droga, prostituzione, vizio, bugie, affari loschi, personalità ambigue, ossessioni, debolezze, amore, amicizia, sesso, il tutto avvolto dall'odore di tabacco e liquori che impregnava i locali della Los Angeles degli anni '50. In questo romanzo c'è tutto...e raccontato fottutamente bene.

    ha scritto il 

Ordina per