Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L. A. Confidencial

By

Publisher: Ediciones B

4.0
(2837)

Language:Español | Number of Pages: 621 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , French , German , Italian , Portuguese , Czech , Chi traditional , Swedish , Greek

Isbn-10: 9567510261 | Isbn-13: 9789567510269 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like L. A. Confidencial ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Lezione odierna: come scrivere un Noir.

    Schietto, spietato, oscuro e tremendamente reale: Ellroy scrive un manifesto di un genere, in una Los Angeles cruda e minacciosa, ma così affascinante al lettore che ci si approccia. Poche pagine è si è catapultati dentro un'odissea da cui si esce profondamente turbati.
    E va bene così.

    said on 

  • 5

    Un noir perfetto. Crudo, spietato, con personaggi talmente umani nelle sue scelte da essere veri.
    "A certi uomini tocca il mondo intero, a certi altri un'ex prostituta e un viaggio in Arizona. Tu sei tra i primi, ma, mio Dio, non ti invidio il sangue che hai sulla coscienza."
    Grazie E ...continue

    Un noir perfetto. Crudo, spietato, con personaggi talmente umani nelle sue scelte da essere veri.
    "A certi uomini tocca il mondo intero, a certi altri un'ex prostituta e un viaggio in Arizona. Tu sei tra i primi, ma, mio Dio, non ti invidio il sangue che hai sulla coscienza."
    Grazie Ellroy.

    said on 

  • 5

    Quando penso ad un Noir penso a questo libro. Lucido e spietato, tutti i vizi e le virtù umane sono sotto osservazione, non si salva nessuno.
    Storia eccessiva e mozzafiato, un intrecciarsi di storie e personaggi indimenticabili che si snoda per 500 pagine, senza mai annoiare.

    L'Ellro ...continue

    Quando penso ad un Noir penso a questo libro. Lucido e spietato, tutti i vizi e le virtù umane sono sotto osservazione, non si salva nessuno.
    Storia eccessiva e mozzafiato, un intrecciarsi di storie e personaggi indimenticabili che si snoda per 500 pagine, senza mai annoiare.

    L'Ellroy che ci piace, sporco e cattivo.

    said on 

  • 3

    Superate le prime 100 pagine....

    La mia recensione è presente sul mio blog:
    http://langolodeltempolibero.blogspot.it/2014/08/parliamo-di-libri-1-puntata.html
    Vi è piaciuta la recensione? Seguitemi sul blog per scoprire le altre mie letture. (blog in costruzione)

    said on 

  • 3

    La storia è bella e coinvolgente, ma ci sono troppi personaggi per i miei gusti. In alcuni momenti ho fatto fatica a capire le vicende, spaesata dalla moltitudine di nomi e di storie intrecciate.
    Secondo me è il classico libro che acquista importanza con le ri-letture, quando si è già avvez ...continue

    La storia è bella e coinvolgente, ma ci sono troppi personaggi per i miei gusti. In alcuni momenti ho fatto fatica a capire le vicende, spaesata dalla moltitudine di nomi e di storie intrecciate.
    Secondo me è il classico libro che acquista importanza con le ri-letture, quando si è già avvezzi allo stile e si conosce già la trama.
    Lo consiglierei con riserva, suggerendo di trascrivere via via i nomi dei personaggi e il loro ruolo nella vicenda.

    said on 

  • 5

    Questo sì che è un noir

    Mi era venuta la curiosità di leggere questo libro dopo aver sentito parlare Ellroy che, diciamolo, è un folle! Bene, il libro è di quelli che ti fanno dispiacere averli finiti, un racconto crudo e incalzante, una storia avvincente e complessa dove non c'è mai un buono buono e un cattivo cattivo, ...continue

    Mi era venuta la curiosità di leggere questo libro dopo aver sentito parlare Ellroy che, diciamolo, è un folle! Bene, il libro è di quelli che ti fanno dispiacere averli finiti, un racconto crudo e incalzante, una storia avvincente e complessa dove non c'è mai un buono buono e un cattivo cattivo, proprio come dovrebbe essere un bel racconto. Straordinario, potente, wow!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Esagerato, sovrabbondante, eccessivo: per me il miglior Ellroy

    Bisogna essere in perfetta forma per leggere questo libro: cuore, cervello, fiato, nervi, fegato, stomaco. Ambientato nella Los Angeles degli anni ’50, è un romanzo intricatissimo, con una trama principale e decine di sottotrame che si intersecano, con tre protagonisti e innumerevoli comprimari ( ...continue

    Bisogna essere in perfetta forma per leggere questo libro: cuore, cervello, fiato, nervi, fegato, stomaco. Ambientato nella Los Angeles degli anni ’50, è un romanzo intricatissimo, con una trama principale e decine di sottotrame che si intersecano, con tre protagonisti e innumerevoli comprimari (poliziotti, gangster, divi del cinema, giornalisti, puttane, spacciatori, ecc.). Non affezionatevi troppo a nessuno di loro, potrebbero essere fatti fuori una decina di pagine più in là.
    Come Ellroy abbia potuto concepire e realizzare qualcosa di così complicato, dominandolo alla perfezione dall’inizio alla fine, senza perdere il bandolo dell’intricata matassa, per me resta un mistero. Posso spiegarmelo solo con una parola: genio.

    Dal romanzo è stato tratto il film di Curtis Hanson con Russell Crowe, Guy Pierce e Kevin Spacey nel ruolo dei tre poliziotti. Rispetto al libro il film sviluppa solo la trama principale, ma è comunque stupendo perché restituisce l’atmosfera della Los Angeles di quegli anni e inoltre i protagonisti sono perfetti, tutti bravi, qualcuno bravissimo. Uno, in particolare, mi è rimasto nel cuore:

    http://youtu.be/1ubs6iUMdyo

    ma io mi innamoro sempre dell’uomo sbagliato.

    said on 

  • 0

    Troppa gente....

    "Non si può leggere qualsiasi storia in qualsiasi tempo.
    Ogni libro ha il suo momento"

    Purtroppo ho sbagliato ancora il momento! L'ho iniziato per la seconda volta e non mi prende,non so se gli darò una terza opportunità!

    said on 

  • 5

    Odore di tabacco e liquori.

    Corruzione, droga, prostituzione, vizio, bugie, affari loschi, personalità ambigue, ossessioni, debolezze, amore, amicizia, sesso, il tutto avvolto dall'odore di tabacco e liquori che impregnava i locali della Los Angeles degli anni '50. In questo romanzo c'è tutto...e raccontato fottutamente ben ...continue

    Corruzione, droga, prostituzione, vizio, bugie, affari loschi, personalità ambigue, ossessioni, debolezze, amore, amicizia, sesso, il tutto avvolto dall'odore di tabacco e liquori che impregnava i locali della Los Angeles degli anni '50. In questo romanzo c'è tutto...e raccontato fottutamente bene.

    said on 

  • 4

    La corruzione losangelina

    Mentre mettevo in ordine la libreria vedo sbucare questo librone giallo (500 pagine) marchiato "La Repubblica", lo tiro fuori dallo scaffale e dopo aver levato un pó di polvere riconosco quello che è il romanzo più famoso di James Ellroy, L.A. Confidential. Così, visto che da oltre un mese aspe ...continue

    Mentre mettevo in ordine la libreria vedo sbucare questo librone giallo (500 pagine) marchiato "La Repubblica", lo tiro fuori dallo scaffale e dopo aver levato un pó di polvere riconosco quello che è il romanzo più famoso di James Ellroy, L.A. Confidential. Così, visto che da oltre un mese aspetto che Feltrinelli mi recapiti Ubik (ho ormai quasi perso le speranze...), vista la pioggia è visto che non avevo altro da leggere (e da fare) decido di mettermi a leggere questo mattoncino. Un paio di anni fa avevo rivisto il film per la seconda volta, è uno di quei film che su Mediaset passano a scadenza fissa, e mi ricordo che mi era piaciuto molto da grande amante dei noir quale sono. Inizio così la lettura e arrivato alla cinquantesima pagina avevo in testa più confusione che altro. Ebbene si, perché se non avete letto il libro ma avete solo visto il film sappiate che praticamente al film manca mezza storia, ciò tutta la parte riguardante il padre di Ed Exley ed i rapporti collaterali con la malavita locale (o per meglio dire i vari patti segreti che Preston Exley aveva stabilito con i boss per raggiungere soldi e potere). Il film infatti si svolge nell'arco di qualche mese, mentre il libro ricopre un arco temporale di circa sette anni, andando a riprendere fatti e indagini ormai sepolte nel passato. Come detto prima, inizialmente la prima sensazione che ho avuto è stata quella di confusione, tanta, infatti non solo i personaggi che fanno parte del romanzo sono tantissimi ( aldilà dei 3 principali ce ne sono almeno altri 10 di rilievo, e almeno altri 10 secondari) ma il caro Ellroy non fa niente per semplificarci la vita, anzi molte volte ci presenta e illustra accuratamente anche personaggi che verrano uccisi da lì a poche righe... Non vi nascondo che diverse volte nel corso della lettura sono dovuto andare a ripescare nomi e fatti perché non riuscivo a ricollegare i nomi ai fatti per l'appunto, anche se c'è da dire che poi, a lungo andare, la situazione inizia ad essere più chiara e scorrevole (anche grazie a degli intermezzi scritti a mò di articolo di giornale dove l'autore ci spiega più chiaramente i fatti in questione, proprio come se dovesse scriverli su un quotidiano). A parte questo piccolo inconveniente, dovuto comunque alla vicenda intricata e piena di colpi di scena che si va a raccontare, il libro scorre via abbastanza piacevolmente. Come ho già detto i protagonisti principali sono tre, tutti poliziotti e tutti con caratteristiche molto diverse: Ed Exley, poliziotto inflessibile ed integerrimo, Bud White, classico poliziotto da hard boiled, duro dal cuore tenero, ed infine Jack Vincennes, poliziotto dai metodi decisi ma più attempato e riflessivo di White. In realtà come poi si vedrà nel corso della lettura il vero protagonista della storia è la storia di per sè, o ancora meglio la corruzione. Infatti anche gli antagonisti sono più di uno, e si avvicendano di volta in volta, lasciando sempre spazio a colpo di scena imprevedibili e ad un finale a sorpresa. È un lavorone questo di Ellroy, e capisco perché poi per portarlo al cinema si sia scelta una via più semplice e breve, resta di fatto che pur con la sua lentezza e complessità in alcuni passaggi non si può non apprezzarlo, non a caso e oggi riconosciuto come uno dei più grandi romanzi noir di sempre.

    said on 

Sorting by