Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L' albergo dei poveri

By Tahar Ben Jelloun

(92)

| Others | 9788806181314

Like L' albergo dei poveri ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In un ospizio abbandonato di Napoli, uno scrittore marocchino ascolta unavecchia raccontargli storie d'amore e di dolore, scoprendo poco per volta lanatura dei sentimenti umani, della fantasia e della creazione letteraria.Ascoltandola finisce per con Continue

In un ospizio abbandonato di Napoli, uno scrittore marocchino ascolta unavecchia raccontargli storie d'amore e di dolore, scoprendo poco per volta lanatura dei sentimenti umani, della fantasia e della creazione letteraria.Ascoltandola finisce per conoscere mille storie di Napoli e dei suoi abitantie per raccontare la propria: anch'egli è alla ricerca della donna che ama,sebbene non l'abbia mai vista... ma questa donna esiste davvero o è unacreazione fantastica? E le storie della vecchia sono accadute sul serio?

31 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 3 people find this helpful

    Malgrado la lettura scorra piacevolmente, malgrado non si possa certo dire che si tratti di un brutto libro o di uno scrittore mediocre (è la prima sua cosa che leggo), ho esaurito le ultime 50 pagine o giù di lì con una certa stanchezza.
    La sensazio ...(continue)

    Malgrado la lettura scorra piacevolmente, malgrado non si possa certo dire che si tratti di un brutto libro o di uno scrittore mediocre (è la prima sua cosa che leggo), ho esaurito le ultime 50 pagine o giù di lì con una certa stanchezza.
    La sensazione, che già serpeggiava da un po', è che questo caleidoscopio di storie e figure, come si suol dire, manchi di una consistenza di fondo a sostenerlo: come se fosse un raffinato esercizio fine a se stesso.
    Le voci dei personaggi, per esempio, sono di fatto intercambiabili: la Vecchia o lo scrittore o Gino, non c'è nessuna inflessione personale a caratterizzarli, tutto si esaurisce nel racconto. Allo stesso modo, mi è semrato che Napoli e Marrakech, l'Islam e l'Ebraismo, siano intercambiabili e sostituibili con altri luoghi, altre religioni.
    Come un alito di vento, piacevole ed effimero.

    Is this helpful?

    soltanto_Claudia said on Sep 14, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una scrittura femminile

    Scritto divinamente con una sensibilità spiccatamente femminile, è un libro denso di emozioni, di suggestioni, di sperdimenti amorosi, alternati alla crudezza della miseria e del degrado.....il tutto sospeso tra il sogno e la realtà.

    Is this helpful?

    Acquamarina07 said on Apr 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Marrakech - Napoli e ritorno

    Ogni tanto vale la pena andare a ripescare tra i libri già letti. Sono andata a riprenderlo, lo confesso, certamente perché ricordavo che mi era molto piaciuto (non so più quanti anni fa lo lessi) ma principalmente perché è ambientato a Napoli, la ci ...(continue)

    Ogni tanto vale la pena andare a ripescare tra i libri già letti. Sono andata a riprenderlo, lo confesso, certamente perché ricordavo che mi era molto piaciuto (non so più quanti anni fa lo lessi) ma principalmente perché è ambientato a Napoli, la città del mio cuore; e dal momento che solo di recente sono riuscita ad andarci, avevo voglia di ritrovare qualcosa che finalmente avevo potuto vedere con i miei occhi.

    In realtà poi dei luoghi di Napoli non è descritto moltissimo, ma c'è l'atmosfera. La storia è quella di un professore e aspirante scrittore marocchino che da Marrakech compie un viaggio a Napoli per partecipare ad un concorso indetto dal comune per rilanciare la città attraverso i racconti di scrittori provenienti da varie parti del mondo.
    Bidoun, il protagonista, è un uomo deluso dal suo matrimonio, dal suo lavoro e in generale dalla vita. Molto bello, secondo me, l'incipit del libro:

    «Questa è la storia di un uomo contrariato. Sembra niente, ma un uomo contrariato è qualcuno che soffre. Imprevedibile, incontrollabile, capace di perdere la ragione, può diventare violento o vigliacco o scavare la sua galleria per scomparire.
    Ci sono due tipi di uomo contrariato: quello che ingoia rospi, protesta rumorosamente e si fa del male (alla testa, alla schiena, alla pancia), incassa e se la prende con se steso perché non ha la forza di reagire e di mandare al diavolo tutto quanto; e poi c'è quello che la sua contrarietà la sbatte in faccia all'aggressore, se ne sbarazza, la espelle e tuttavia non rimane di umore meno cattivo, pronto ad affrontare qualsiasi nuova aggressione.
    Io sono del genere che incassa e soffre in silenzio».

    Un volta arrivato a Napoli viene invitato da una voce anonima che lo raggiunge al telefono a recarsi all'Albergo dei Poveri. Questo è un palazzo settecentesco, costruito per volere di re Carlo III di Borbone per ospitare i poveri della città. Negli anni in cui è ambientato il libro (siamo nei primi anni '90, Bassolino appena eletto sindaco) è in attesa di una riqualificazione ed è divenuto punto di raccolta per sbandati e senza tetto. Qui Bidoun incontra "la Vecchia", una donna che vive nell'Albergo e che raccoglie le storie che la gente va a raccontarle. Questo incontro sarà cruciale per Bidoun, in cerca di un riscatto per la sua vita ed in cerca soprattutto di una donna di Napoli con la quale da tempo ha intrapreso uno scambio epistolare. Entra quindi in contatto con una serie di personaggi che gravitano intorno alla Vecchia e all'Albergo e le storie che apprende da loro si fondono con la sua storia personale.

    Molte riflessioni sull'amore, sulla scrittura, tracciate con uno stile coinvolgente e poetico. Quando alla fine Bidoun prende congedo dalla Vecchia, le rivolge queste parole:

    «Grazie per avermi accolto e guidato in questa città torbida e complicata. Venuto per scoprire Napoli e per scrivere, ho fatto un incontro importante, e ciò grazie a voi, alla vostra sensibilità intelligente, alla vostra presenza piena di grazia, mi avete indicato la via per conoscere meglio me stesso. Ho scoperto di essere un uomo passivo, che immagina la vita invece di viverla e di affrontare gli altri. Quando ho deciso di uscire dalla mia vecchia pelle, ho incontrato l'amore, una passione breve ma molto intensa, che mi ha messo crudelmente di fronte a me stesso. Mi accingo a tirare avanti pensando a voi, a tutto ciò che mi avete insegnato, rivedendo il film della vostra storia, sperando di comprendere il misterioso legame che esiste tra voi e Kenza, quella che tutti noi abbiamo amato, in un momento della nostra vita. Kenza è la luce di una stella cadente, passata nell'istante preciso in cui non sapevamo più a che punto eravamo, né cosa stavamo facendo, un bagliore che ci ha messo di fronte a noi stessi, che ha aperto una finestra sul grande amore, quello che segna una vita e la rende migliore. So che Kenza continuerà per la sua strada tracciata nella Via Lattea e che non tornerà a consolare le lacrime amare di Gino, né a prendermi per mano per chiudersi con me in una veranda dove il tempo ci evitava per non disturbarci. Vi prometto di occuparmi di Momo, farò di tutto perché non resti a bighellonare per le strade di Napoli come un mendicante o un barbone. Vi prometto che lo riporterò nella sua terra, lo restituirò al suo villaggio, alla sua famiglia, laggiù dove sarà finalmente se stesso, appagato e riconciliato con l'Africa che porta dentro di sé con tutta evidenza ma che non riesce ad amare. Quanto a me, non so cosa farò. Per il momento, vado ad ascoltare ciò che Napoli sussurra».

    Bello assai.

    Is this helpful?

    Lucy vanPelt said on Jan 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Forte e disperato, ironico ma spietato, duro ma profondo, impietoso ma magnifico...proprio come Napoli. Questo libro è un pugno allo stomaco, ma anche una magnifica descrizione di Napoli e di quella napoletanità che non ha nulla a che fare con la car ...(continue)

    Forte e disperato, ironico ma spietato, duro ma profondo, impietoso ma magnifico...proprio come Napoli. Questo libro è un pugno allo stomaco, ma anche una magnifica descrizione di Napoli e di quella napoletanità che non ha nulla a che fare con la cartolina del Vesuvio, il mandolino o la pizza. Una tale forza evocativa si trova solo nelle opere del grande Eduardo De Filippo, ma in questo caso non c'è bisogno di conoscere la lingua napoletana...e per fortuna neppure quella magrebina!

    Is this helpful?

    Tersilla said on Apr 14, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Si narra la storia di uno scrittore marocchino che vince un premio: scrivere una storia su Napoli soggiornandovi per un periodo.
    A Napoli conosce subito l’albergo dei poveri, un’enorme stabile fatiscente, nei cui sotterranei alberga una popolazione d ...(continue)

    Si narra la storia di uno scrittore marocchino che vince un premio: scrivere una storia su Napoli soggiornandovi per un periodo.
    A Napoli conosce subito l’albergo dei poveri, un’enorme stabile fatiscente, nei cui sotterranei alberga una popolazione di diseredati.
    Qui viene a contatto con una vecchia che gli racconta storie non si sa mai se vere o inventate su se stessa, su Napoli, sui poveri.
    Lo scrittore intanto scrive lettere alla moglie immaginandosela come no è: bella e affascinante.
    Purtroppo la realtà è un’altra, la donna è poco attraente e non lo ama più da tempo.
    Storie su storie si susseguono, fino a farci dubitare di quale sia la realtà, finchè tutto finisce e l’autore torna a casa.

    Is this helpful?

    Massimo Semprini said on Aug 30, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (92)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others
  • ISBN-10: 8806181319
  • ISBN-13: 9788806181314
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Hardcover
  • In other languages: other languages Livres Français
Improve_data of this book