L' epopea di Gilgamesh

di | Editore: Guaraldi
Voto medio di 588
| 69 contributi totali di cui 63 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 03/09/17
Ottima traduzione del poema epico dedicato all’eroe babilonese. Era parecchio che volevo leggere qualcosa dedicato al più antico poema epico e questo volume non mi ha deluso.La parte centrale dell’opera è dedicata alla “traduzione” del ...Continua
Ha scritto il 23/07/17
La versione dell'Adelphi è la migliore in circolazione secondo me. Breve, approfondita da note quanto basta per essere chiara senza appesantire la storia che è appassionante. A chi è piaciuto consiglio anche la versione in prosa, romanzata e più ...Continua
Ha scritto il 15/05/16
Diciamo subito cosa non è tollerabile in questo volume e quindi il perché di sole 3 stelle, ma ne darei solo 2 proprio per questo motivo: in un volume di 170 pagine, 85 di queste siano occupate da un'introduzione. Praticamente metà del volume è ...Continua
Ha scritto il 15/09/15
Tra Bibbia e mito
Mi è sembrato di leggere un libro del Vecchio Testamento. Sfogliare questo libro che mi ha catturato per caso a Milano è fare un viaggio alle radici della storia umana, per vedere che le ansie e le inquietudini umane sono cambiate poco in ...Continua
Ha scritto il 15/02/15
La storia di un ragazzo per due terzi divino, pieno di energie (troppe per i suoi sudditi), fortissimo, che attraverso l'amicizia, le esperienze, le avventure e il dolore, diventa il più saggio, il più sapiente re, diventa colui che:"...come un ...Continua
  • 8 mi piace
  • 4 commenti

Ha scritto il Dec 15, 2012, 18:44
"Conosci la città di Šuruppak, che sorge sulle rive dell'Eufrate? ... In quei giorni il mondo pullulava, la gente si moltiplicava, il mondo mugghiava come toro selvaggio e il grande dio venne destato dal clamore. Enlil udì il clamore e disse agli ...Continua
Pag. 141
Ha scritto il Dec 15, 2012, 18:43
... Ma ora, fanciulla che fai il vino, ora che ho visto il tuo volto fa' che io non veda il volto della morte da me tanto temuta".Ella rispose: "Gilgameš, dove ti affretti? Non troverai mai la vita che cerchi. Quando gli dèi crearono l'uomo, gli ...Continua
Pag. 134
Ha scritto il Dec 15, 2012, 18:43
Solo dopo il ritorno del serpente alla sua pozza egli si renderà conto di quanto sia futile lottare per ciò che non si può avere, "cercare il vento", come aveva detto Siduri.
Pag. 62
Ha scritto il Dec 15, 2012, 18:42
Al principio del poema troviamo la descrizione dell'eroe. E' per due terzi dio e per un terzo uomo, poiché sua madre era una dea come la madre di Achille. Da lei aveva ereditato la grande bellezza, la forza e l'irrequietezza; dal padre aveva ...Continua
Pag. 31
Ha scritto il Dec 15, 2012, 18:42
Nel frattempo Rassam, collaboratore e successore di Layard a Ninive, aveva portato alla luce nel 1853 quella parte della biblioteca in cui si trovavano le tavolette della redazione assira dell'epopea di Gilgameš...La maggioranza dei testi antichi ...Continua
Pag. 17

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi