Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L' uomo del giorno dopo

By David Brin

(76)

| Others | 9788842908166

Like L' uomo del giorno dopo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

20 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Pensavo meglio

    bella storia, non mi sono appassionata troppo al protagonista... non e' il migliore di Brin.

    Is this helpful?

    On Reading said on Jun 16, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    gradevole, un po' slegato, ma piacevole. la dimostrazione che il singolo può cambiare le cose, anche senza volerlo.

    Is this helpful?

    magnus said on Mar 27, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo di fantascienza post-apocalittica, molto "americano", ma comunque interessante e piacevole. La storia è ambientata nel 2011 e devo dire che fa un certo effetto oggi leggere queste date non più avveniristiche, d'altra parte il libro è stato ...(continue)

    Un romanzo di fantascienza post-apocalittica, molto "americano", ma comunque interessante e piacevole. La storia è ambientata nel 2011 e devo dire che fa un certo effetto oggi leggere queste date non più avveniristiche, d'altra parte il libro è stato scritto nel 1985 e la situazione attuale non rispecchia certamente "il migliore dei mondi possibili". Ci troviamo all'indomani di una serie di eventi che hanno trasformato e sconvolto gli Stati Uniti, trascinandoli in un nuovo Medioevo, dominato dalla barbarie e dalla rovina. Quello che è realmente successo non viene spiegato, ma comunque si fa riferimento ad una guerra nucleare ed epidemiologica contro un non meglio chiarito nemico Slavo. Come se tutta questa distruzione non bastasse, gli Holnisti - un gruppo di fanatici anarchici e fautori di un maschilismo sfrenato, mossi dall'ideologia distorta di Nathan Holn - hanno parallelamente originato una vera e propria guerra civile, attraverso la quale stanno crcando di riconquistare il paese, dando vita ad una forma di governo feudale e basata esclusivamente sulla forza e la violenza. La popolazione è disunita, spaventata ed esclusivamente interessata alla propria sopravvivenza; le città non esistono più, ridotte a piccoli villaggi di rovine, privi delle più rudimentali forme di tecnologia; le conquiste dell'uomo e il sapere sono ormai ricordi lontani, che rischiano ogni giorno di più di essere completamente dimenticati.
    Gordon Krantz è l'eroe di questo libro, un trentenne che vaga ormai da sedici anni alla ricerca di altri sopravvisuti, come lui disposti ad assumersi la responsabilità di risvegliare un'intera nazione e con cui ripartire per iniziare il lento processo di ricostruzione. Grazie alla divisa di postino e alle sacche di lettere che ritrova su un cadavere, Gordon si fingerà un Ufficiale dei Ripristinati Stati Uniti, il funzionario rappresentante di un'utopia ancora irrealizzata, incaricato di ristabilire i contatti e i legami di reciprocità e fiducia di un paese altrimenti destinato allo sbando. La sua non è altro che una bugia, ma contribuirà comunque a riaccendere e diffondere la speranza nelle persone, accompagnandole verso un domani che sembrava irrimediabilmente perso.

    Un libro in cui al di là della trama coinvolgente, si apprezzano diverse trovate e spunti originali, tra cui risaltano le parti legate al supercomputer Cyclops; le vicende degli esperimenti genetici che hanno dato origine alla razza degli Accresciuti e la bella riflessione che riguarda il ruolo e l'intervento delle donne, al pari e più degli uomini garanti della promessa di un futuro all'insegna della pace.

    Is this helpful?

    Lorenzo said on Apr 5, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A pesar de contar con algunos fragmentos en los que se ensalza más de lo necesario a los Estados Unidos y sus habitantes, esto se produce a este nivel en escasos y puntuales momentos, por lo que se puede pasar por alto.

    Tras algunos desengaños liter ...(continue)

    A pesar de contar con algunos fragmentos en los que se ensalza más de lo necesario a los Estados Unidos y sus habitantes, esto se produce a este nivel en escasos y puntuales momentos, por lo que se puede pasar por alto.

    Tras algunos desengaños literarios que he sufrido recientemente, como con La Carretera de McCarthy, El cartero me ha encantado. Como historia, salvando ciertos defectos, resulta interesante y una lectura ágil durante buena parte de su extensión. Sobran algunos capítulos, sí, pero no estorban realmente.

    No puedo compararlo con su adaptación cinematográfica pero debo reconocer que me ha dejado un estupendo sabor de boca y que no dudaré en el futuro en lanzarme sobre otros trabajos de David Brin. Una novela muy recomendable, incluso con sus defectos.

    Is this helpful?

    Asterfall said on Nov 29, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Recensione su Terre Di Confine

    “Né la neve né la pioggia né il caldo né l’oscurità della notte fermano questi corrieri dal completare rapidamente il proprio giro.”

    [motto dei postini americani - apocrifo]

    Edito nel 1985 e insignito del Premio Locus e del Premio John W. ...(continue)

    “Né la neve né la pioggia né il caldo né l’oscurità della notte fermano questi corrieri dal completare rapidamente il proprio giro.”

    [motto dei postini americani - apocrifo]

    Edito nel 1985 e insignito del Premio Locus e del Premio John W. Campbell, candidato sia per l’Hugo che per il Nebula, The Postman (uscito in italiano con i titoli L’Uomo del Giorno Dopo e Il Simbolo della Rinascita) è finora l’unico contributo dell’americano David Brin nel campo della narrativa postapocalittica.

    Il romanzo riunisce in effetti due novelle, The Postman e Cyclops, pubblicate da Brin negli anni Ottanta, entrambe nominate per il Premio Hugo; nel 1997, ne è stato anche tratto un film – prodotto, diretto e interpretato da Kevin Costner – demolito dalla critica, definito dallo stesso David Brin “un adattamento difettoso e ineguale, ma ambizioso, del mio racconto”.

    La storia si affaccia su un futuro devastato da cause lasciate (inizialmente) nel vago: forse una guerra atomica, forse un bombardamento di meteore, forse l’inquinamento. Tutte le conquiste scientifiche (intelligenze artificiali, manipolazioni biologiche e altro ancora) sono state spazzate via. Trascorsi sedici anni dal disastro, attanagliata da un debole eppure devastante inverno nucleare, la costa occidentale degli Stati Uniti è un panorama selvaggio di macerie e foreste, costellata di comunità spaurite e diffidenti che difendono con le armi il poco che posseggono; bande di razziatori e, sempre più spesso, survivalist estremisti vagano per la regione agli ordini di piccoli signori della guerra che si contendono il controllo di ciò che rimane.

    Leggi tutta la recensione su Terre Di Confine: http://www.terrediconfine.eu/il-simbolo-della-rinascita…

    Is this helpful?

    Terre Di Confine said on Jun 14, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    è un libro asciutto ma piacevole, con descrizioni dettagliate ma mai tediose, un sostrato ideologico alle spalle della trama non rigido ma al contempo definito, netto. insomma, una lettura che scorre via piacevole, non mancano i colpi di scena, anche ...(continue)

    è un libro asciutto ma piacevole, con descrizioni dettagliate ma mai tediose, un sostrato ideologico alle spalle della trama non rigido ma al contempo definito, netto. insomma, una lettura che scorre via piacevole, non mancano i colpi di scena, anche se il finale di lascia un poco in sospeso

    Is this helpful?

    Snakebiter said on May 19, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book