Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La Bestia

Beastly

By

Publisher: Versátil

3.7
(1714)

Language:Español | Number of Pages: 269 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , English , German , Portuguese , Swedish , French

Isbn-10: 8493704296 | Isbn-13: 9788493704292 | Publish date: 

Translator: Daniel Aldea Rossell

Category: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like La Bestia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Una bestia. No soy exactamente un lobo, ni un oso, ni un gorila, ni un perro, sino una criatura nueva y horrible que camina erguida. Una criatura con colmillos y garras y con pelo en todos los poros de mi cuerpo. Soy un monstruo. ¿Crees que esto es un cuento de hadas? Para nada. Sucede en Nueva York y sucede ahora. No es una deformidad, ni tampoco una enfermedad. Y me quedaré así -condenado- a menos que pueda deshacer el hechizo. Sí, el hechizo que me lanzó la bruja con la que iba a clase de inglés. ¿Por qué me convirtió en una bestia que se oculta durante el día y sale a merodear por las noches? Te lo contaré. Te contaré cómo solía ser Kyle Kingsbury, el chico que te gustaría ser, con dinero, el físico perfecto y la vida perfecta. Y después te contaré cómo me convertí en la perfecta... Bestia.
Sorting by
  • 3

    “Tutti hanno bisogno di un po’ di bellezza nella propria vita.”

    La bellezza sta negli occhi di chi guarda scriveva Goethe. E io aggiungo di chi la sa cercare veramente.
    Al giorno d’oggi purtroppo questo è un’utopia, viviamo in un mondo ipocrita, superficiale, vuot ...continue

    La bellezza sta negli occhi di chi guarda scriveva Goethe. E io aggiungo di chi la sa cercare veramente.
    Al giorno d’oggi purtroppo questo è un’utopia, viviamo in un mondo ipocrita, superficiale, vuoto che la vera bellezza viene spesso nascosta o addirittura calpestata.
    Kyle è un ragazzo di diciotto anni. E’ bello, ricco, vanitoso, arrogante. Frequenta una delle scuole più prestigiose di New York. Un giorno incontra Kendra, una ragazza timida e bruttina e decide di tirarle un brutto scherzo: la invita al ballo di fine anno per poi deriderla di fronte ai suoi amici viziatelli come lui.
    Non sa che in realtà Kendra è una strega che, per vendicarsi dell’umiliazione subita, gli fa un sortilegio: lo trasforma in un essere orribile a guardarsi.
    Terribilmente deturpato, Kyle viene abbandonato da tutti, da colei che credeva lo amasse più di sé stessa, da coloro che credeva fossero i suoi amici, perfino da suo padre, altolocato e snob che non sopporta l’idea di avere come figlio un mostro.
    Kyle si troverà così costretto a vivere in solitudine in un appartamento-prigionia comprato da suo padre per tenerlo il più possibile lontano da lui. A fargli compagnia ci sono soltanto Will, un giovane insegnante cieco, il suo cane guida Plot e Magda, la sua governante.
    Due anni, è questo il tempo che ha a disposizione Kyle per spezzare l’incantesimo e tornare di nuovo un essere umano. Come? Grazie all’amore…dovrà amare ed essere a sua volta riamato.
    Dopo un anno di fallimenti, Kyle inizia a cambiare, a divenire ogni giorno sempre più umile, a interessarsi alle piccole bellezze della vita come un bocciolo di rosa o un tramonto.
    Solo l’amore gli manca e, proprio quando ormai ha perso ogni speranza, ecco arrivare Linda, una ragazza semplice e dal passato traumatico che gli farà conoscere il vero sentimento dell’amore.
    Rilettura in chiave moderna della favola de “La Bella e la Bestia”, un romanzo che a molti sembrerà un po’ buonista, ma che io ho apprezzato.
    Di stampo “young adults” il libro di Flinn, così come la favola, ci insegna come la capacità di amare realmente il prossimo vada oltre a ogni forma di apparenza, che tutto ciò che riteniamo essenziale per la nostra vita in realtà sia solo futilità.
    Il finale è un po’ scontato, così come la fase dell’innamoramento è poco coinvolgente, ma tutto sommato è una buona lettura, un inno alla semplicità e all’apprezzare la bellezza delle piccole cose.
    Ho apprezzato poi particolarmente le tante citazioni dei grandi classici presenti all’interno della storia(“I sonetti” di William Shakespeare, “Jane Eyre” di Charlotte Bronte, “I Miserabili” e “Notre-Dame de Paris” di Victor Hugo).
    Lo consiglio soprattutto a tutti coloro che vogliono staccarsi un po’ dalla realtà e mettersi a sognare.
    p.s. Fighissimo lo specchio che ti permette di vedere dove sono e cosa stanno facendo gli altri. Lo voglio anch’io!

    said on 

  • 4

    Ero restia a leggere questo romanzo, non mi ispirava molto e per mia colpa ho visto prima il film.
    E invece devo essere sincera l'ho trovato bello, la storia è raccontata in modo perfetto e mi ha coin ...continue

    Ero restia a leggere questo romanzo, non mi ispirava molto e per mia colpa ho visto prima il film.
    E invece devo essere sincera l'ho trovato bello, la storia è raccontata in modo perfetto e mi ha coinvolta

    said on 

  • 2

    Insomma...

    Questa storia de "La Bella e la Bestia" in chiave moderna non mi è piaciuta poi così tanto, non è poi così diversa dalla storia originale. Le uniche cose belle sono Kendra, la strega, e le chattate di ...continue

    Questa storia de "La Bella e la Bestia" in chiave moderna non mi è piaciuta poi così tanto, non è poi così diversa dalla storia originale. Le uniche cose belle sono Kendra, la strega, e le chattate di gruppo con diversi personaggi di altre storie d'infanzia.
    Ho preferito di più il film.

    said on 

  • 4

    bellissimo, sarebbe perfetto se...

    Mi è piaciuto veramente tanto. È praticamente La Bella e La Bestia riportato ai giorni nostri, ambientato a Brooklyn. Scorrevole, appassionante, verosimile, scritto bene, senza baggianate da ragazzini ...continue

    Mi è piaciuto veramente tanto. È praticamente La Bella e La Bestia riportato ai giorni nostri, ambientato a Brooklyn. Scorrevole, appassionante, verosimile, scritto bene, senza baggianate da ragazzini o scene improbabili, come a volte si trovano nei fantasy per ragazzi. La suspense vien da se, senza forzature, e hai voglia di arrivare alla fine a tutti i costi anche se sai benissimo come finisce perché tutti conoscono la storia. Bello!
    L'unica cosa che mi ha deluso, che potevano benissimo risparmiarsi, sono stati i pezzetti di 5 o 6 pagine (in tutto ce ne sono 5) in cui il protagonista chatta con altri ragazzi trasformati, in una chat-room. Patetico. La storia va benissimo anche senza quei pezzetti. La trama non ne trae alcun arricchimento. Se posso darvi un consiglio: SALTATELI a piè pari!

    said on 

  • 2

    La favola della Bella e la Bestia in chiave moderna ma prima di leggere il libro avevo visto il film e mi era piaciuto, mi era piaciuto soprattutto il personaggio di Kyle/ Hunter, mi era piaciuto come ...continue

    La favola della Bella e la Bestia in chiave moderna ma prima di leggere il libro avevo visto il film e mi era piaciuto, mi era piaciuto soprattutto il personaggio di Kyle/ Hunter, mi era piaciuto come era diventato dopo la trasformazione perché era diversa da quello che tutti pensavano, non si trasformava in una bestia pelosa con le zanne e gli artigli, poi ho letto il libro ed invece Kyle diventa Adrian e non Hunter ed è una bestia pelosa...delusione...certo il cartone animato della Disney è stupendo ma qui aspettavo qualcosa di diverso....stupenda la scena nel film di lui che va a cercarla alla stazione perché lei sta per partire per un viaggio e affronta gli sguardi delle persone pur di vederla, nel libro non accade...delusione...nel film Kendra che f ricordare il tempo che passa con un tatuaggio di un' albero che cambia con le stagioni e nel libro niente...delusione...e ci sono altre piccole differenze, con questo non dico che il libro non mi è piaciuto ma tutte queste differenze mi ha lasciata un po' perplessa.

    said on 

  • 4

    Una bella idea prendere una racconto tradizionale come una favola ed ambientarla nella società di oggi.
    È raccontata in modo semplice, ma ciò no toglie nulla alla storia. Forse proprio per la sua semp ...continue

    Una bella idea prendere una racconto tradizionale come una favola ed ambientarla nella società di oggi.
    È raccontata in modo semplice, ma ciò no toglie nulla alla storia. Forse proprio per la sua semplicità si può leggere in qualsiasi momento senza troppo impegno.

    said on 

  • 3

    L'uomo-bestia a New York...

    Una favola moderna, una storia romantica a lieto fine, con tanto di morale e filosofia di vita. Libro molto carino, scorrevole, traccia i contorni evidenti dei giovani d'oggi, così protesi verso la vi ...continue

    Una favola moderna, una storia romantica a lieto fine, con tanto di morale e filosofia di vita. Libro molto carino, scorrevole, traccia i contorni evidenti dei giovani d'oggi, così protesi verso la vita, così ironici, spietati e fragili...
    L'autrice ci propone una rivisitazione della fiaba "La bella e la bestia", in chiave moderna...
    Kile è un ragazzo bello, fortunato, ricco, popolare e apparentemente felice...se non avesse un padre assente e una madre che lo ha abbandonato...le condizioni felici della sua vita lo rendono fatuo, crudele e insensibile, tanto da indurlo a maltrattare i ragazzi meno fortunati di lui...a schernire le ragazze meno carine, a essere arrogante e strafottente con i suoi compagni di scuola quando questi non corrispondono ai suoi ideali fisici, quando non sono belli e ricchi come lui...
    Non resisterà quindi alla tentazione di combinare uno scherzo crudele a Kendra, una ragazza insignificante che ha conosciuto a scuola.
    Questo comportamento si rivelerà fatale, perchè ella è in realtà una strega che per correggere il suo animo malvagio lo trasformerà in una bestia orrenda.
    Così la sua vita viene improvvisamente privata di ogni privilegio, anche l'affetto del padre, che lo rilegherà in un castello solitario, visto che non accetta di avere un mostro per figlio...Kile ha solo due anni di tempo per trovare una ragazza che non sia superficiale e che lo ami al di là del suo aspetto fisico e desideri baciarlo, mettendo così fine all'incantesimo e restituendogli il suo aspetto umano...
    Nel frattempo Kile, avrà acquisito umanità e sensibilità.
    Qui si manifesta la morale di questa favola che in fondo ha un significato simbolico evidente: la bellezza dell'anima è quella perla che arricchisce ciascuno di noi, al di là dell'aspetto fisico più o meno avvenente...
    Ho trovato questo libro avvincente, interessante, scorrevole tanto che l'ho letto in una mattinata.
    Ne consiglio la lettura a tutti, ma in particolare a coloro che amano le favole, a chi ama le storie romantiche e a tutti coloro che come me sono rimasti un po' bambini ed amano sentir parlare di streghe, di principesse e di principi trasformati in rospi...
    Consigliato.
    Saluti.
    Ginseng666

    said on 

  • 3

    ¡No está mal!

    Bueno, no es ni mucho menos un libro inolvidable, pero se lee con bastante facilidad y entretiene más de lo que pensé en un principio. La historia de amor no me ha resultado demasiado creíble, y el pe ...continue

    Bueno, no es ni mucho menos un libro inolvidable, pero se lee con bastante facilidad y entretiene más de lo que pensé en un principio. La historia de amor no me ha resultado demasiado creíble, y el personaje protagonista tampoco es que me haya "llegado" , pero el hecho de que haya sido tan fiel al cuento clásico que todos conocemos, me ha gustado mucho (aunque eso si, hay ciertos aspectos que me han parecido excesivamente poco creíbles, pero bueno). ¡Le doy un aprobado! Justito, pero aprobado.

    said on 

Sorting by