Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La Bibbia di Gerusalemme

(479)

| Others | 9788810805268

Like La Bibbia di Gerusalemme ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

36 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    gli do 5 stelle perché fra tutti i libri letti, questo è quello che più parla a me; ci sono interi episodi e passi che mi hanno toccato, nonostante la semplicità con cui questi vengono raccontati, perché rappresentano riquadri di vita vera. scene di ...(continue)

    gli do 5 stelle perché fra tutti i libri letti, questo è quello che più parla a me; ci sono interi episodi e passi che mi hanno toccato, nonostante la semplicità con cui questi vengono raccontati, perché rappresentano riquadri di vita vera. scene di vita che realmente si sentono se ci si sforza a guardare la realtà un pò più profondamente.
    soprattutto il nuovo testamento sembra rivolgersi al lettore con forza sorprendente, ponendo domande di cui, ahimè, si ha molta paura...

    Is this helpful?

    La Bossy said on Jul 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato. Allora Pilato prese a interrogarlo: «Sei tu il re dei Giudei?». Ed egli rispos ...(continue)

    Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato. Allora Pilato prese a interrogarlo: «Sei tu il re dei Giudei?». Ed egli rispose: «Tu lo dici». I sommi sacerdoti frattanto gli muovevano molte accuse. Pilato lo interrogò di nuovo: «Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!». Ma Gesù non rispose più nulla, sicché Pilato ne restò meravigliato.
    Per la festa egli era solito rilasciare un carcerato a loro richiesta. Un tale chiamato Barabba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio. La folla, accorsa, cominciò a chiedere ciò che sempre egli le concedeva. Allora Pilato rispose loro: «Volete che vi rilasci il re dei Giudei?». Sapeva infatti che i sommi sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. Ma i sommi sacerdoti sobillarono la folla perché egli rilasciasse loro piuttosto Barabba. Pilato replicò: «Che farò dunque di quello che voi chiamate il re dei Giudei?». Ed essi di nuovo gridarono: «Crocifiggilo!». Ma Pilato diceva loro: «Che male ha fatto?». Allora essi gridarono più forte: «Crocifiggilo!». E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.
    Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la coorte. Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. Cominciarono poi a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!». E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui. Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo.
    Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e Rufo, a portare la croce. Condussero dunque Gesù al luogo del Gòlgota, che significa luogo del cranio, e gli offrirono vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese.
    Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. E l'iscrizione con il motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sinistra.
    I passanti lo insultavano e, scuotendo il capo, esclamavano: «Ehi, tu che distruggi il tempio e lo riedifichi in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!». Ugualmente anche i sommi sacerdoti con gli scribi, facendosi beffe di lui, dicevano: «Ha salvato altri, non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d'Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo». E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano.
    Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Alle tre Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: «Ecco, chiama Elia!». Uno corse a inzuppare di aceto una spugna e, postala su una canna, gli dava da bere, dicendo: «Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce». Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.
    Il velo del tempio si squarciò in due, dall'alto in basso.
    Allora il centurione che gli stava di fronte, vistolo spirare in quel modo, disse: «Veramente quest'uomo era Figlio di Dio!». [Mc 15, 1-47]

    Is this helpful?

    PrimadelleSabbie said on Jun 14, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Oh cavoli, questa sì che è letteratura! Leoni che mangiano i cristiani, gente inchiodata su croci, morti viventi: questa non è roba che trovi su “Winnie The Pooh”! (Cit. Stewie Griffin)

    Is this helpful?

    Ciro Gianluigi Barbato said on Feb 19, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Perché proprio questa edizione

    Per le note in calce e per i riferimenti incrociati alla maggior parte dei versetti, che ne permettono la lettura trasversale.

    Is this helpful?

    Cybèle said on Jan 13, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (479)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 2704 Pages
  • ISBN-10: 8810805267
  • ISBN-13: 9788810805268
  • Publisher: EDB
  • Publish date: 1986-01-01
Improve_data of this book