La Fine del mondo e Prima dell'alba

Di

Editore: Panini Comics - Planet Manga

4.0
(178)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Chi tradizionale , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8863469431 | Isbn-13: 9788863469431 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Salute, Mente e Corpo

Ti piace La Fine del mondo e Prima dell'alba?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un volume autoconclusivo di Inio Asano dalle atmosfere prossime ai romanzi di Haruki Murakami. Dieci storie brevi con altrettanti sguardi su Tokyo, i suoi abitanti, i suoi scorci, le sue albe e i suoi tramonti. Asano stupisce per la maturità del tratto e del tono, mostrandosi a suo agio con le modalità del racconto breve. Una malinconia a volte grigia, a volte arancione, colora la visione del mondo di uno tra gli autori più promettenti della sua generazione.
Ordina per
  • 2

    Voto bassissimo per cause multiple.
    Intanto perché le storie tutta introspezione e niente trama, quelle criptiche, metaforiche, visive, concettuali, "con le atmosfere alla Murakami" (autore che detest ...continua

    Voto bassissimo per cause multiple.
    Intanto perché le storie tutta introspezione e niente trama, quelle criptiche, metaforiche, visive, concettuali, "con le atmosfere alla Murakami" (autore che detesto) sono belline, si leggono volentieri... ma in numero limitato! Dopo tre anche basta, figuriamoci nove.

    E poi, sopra ogni cosa, perché il rapporto qualità-prezzo è da denuncia.
    - prime tavole, quelle a colori, stampate in bianco e nero. Risultato: un'accozzaglia indistinguibile di grigi, grigi scuri, grigi un po' più scuri e neri.
    - errori grammaticali da prima elementare. Gente, "unire con" non è corretto, nemmeno se lo dicono in tv! E da noi si dice "la fine dell'estate", non "d'estate".
    - un inciso non chiuso. Risultato: virgola tra soggetto e verbo.
    - note a piè di pagina con stupidi errori. Ottima l'idea di trasformare "mararin" in "Maradona" per fare un gioco di parole con "maraton", ma si poteva spiegare l'originale. E si poteva evitare di inserire due volte *freccia verso sinistra" nella nota, la gente le vede disegnate e ci arriva. Soprattutto perché le frecce vanno verso destra: la toppa peggio del buco!
    - refusi. Più di uno. Lettere mancanti, principalmente.
    - modi di dire non spiegati. Li ho capiti quasi tutti, sono una bambina intelligente, ma "ti hanno dato un due" ancora mi è oscura. Due di picche? Due come voto? Non lo sapremo mai.
    - oggetti disegnati in primo piano senza asterischi che ne traducano le scritte. Uno, soprattutto, nella storia intitolata "17", era fondamentale: il bussolotto delle donazioni che si vede all'inizio e in cui alla fine il tizio infilerà i soldi. Il primo piano del bussolotto e la riflessione del tizio, senza traduzione dell'etichetta, non sono granché comprensibili.

    Tutta questa superficialità e approssimazione proprio in un volume da NOVE EURO E NOVANTA? Complimenti, Planet Manga!

    ha scritto il 

  • 4

    Una obra repleta de las emociones más vitales, humanas y cotidianas que nos hacen sentirnos vivos día tras día.

    Reseña:
    http://chocolate-ink.blogspot.com.es/2017/01/resena-manga-el-fin-del-mundo-y-antes.html

    ha scritto il 

  • 3

    Una raccolta di racconti che in gran parte risalgono al periodo in cui Asano passò dai gag manga al genere introspettivo/generazionale per cui poi è diventato famoso.
    Lui stesso, nei commenti alle sto ...continua

    Una raccolta di racconti che in gran parte risalgono al periodo in cui Asano passò dai gag manga al genere introspettivo/generazionale per cui poi è diventato famoso.
    Lui stesso, nei commenti alle storie, dice che all'epoca non aveva le idee chiare su quel che voleva comunicare, ed effettivamente molti racconti danno una sensazione di inconcludenza che li rende né carne né pesce. In definitiva mi sono piaciuti davvero solo "Domenica pomeriggio" (e che vi devo dire, mi commuovo troppo facilmente), "Come passo il mio giorno libero" e "Tokyo", che ho trovato il più sentito oltre che chiaramente autobiografico (almeno in parte).
    Complimenti vivissimi a Planet Manga che ha distrutto il racconto iniziale, originariamente a colori e per noi lettori italiani in un bianco e nero dai toni scurissimi ed in pratica incomprensibile -_-

    ha scritto il 

  • 4

    大人老是會問說到底能從漫畫裡學到什麼啊~
    一定會有什麼,只是更趨向於感覺產生的化學反應,
    唉,誰鳥他呢,
    光線何其美,只想抓住那瞬間,
    夕陽,親吻,然後說一些啊哩不搭有點文青的話,
    淺野的短篇很有感覺,有種大大的溫柔壓著,
    氣氛的暈染讓人好嚮往喔。

    ha scritto il 

  • 3

    Nel 2008 Asano raccoglie in un volume autoconclusivo chiamato “Sekai no owari to yoakemae” undici storie brevi apparse su varie riviste dal 2005 al 2008. In Italia è stato pubblicato da Planet Manga n ...continua

    Nel 2008 Asano raccoglie in un volume autoconclusivo chiamato “Sekai no owari to yoakemae” undici storie brevi apparse su varie riviste dal 2005 al 2008. In Italia è stato pubblicato da Planet Manga nel 2011. Si tratta di un genere seinen psicologico-drammatico. L'ambientazione è quella del Giappone dei nostri tempi in cui uomini e donne sono alle prese con le loro vite spesso insoddisfacenti o piene di conflitti interiori, di infelicità, di frustrazioni e di sogni irrealizzati celati all'esterno da un sorriso che nulla lascerebbe presagire.
    Pessimismo? Sì. Decisamente ma ogni storia lascia sempre una porta aperta ad ogni possibilità. Un futuro più roseo? O forse no. Sta a noi scoprirlo.
    Alcuni racconti colpiscono più di altri (probabilmente perché sono stati scritti in periodi diversi della vita del sensei) ma nel complesso e un volume degno di nota. I disegni sono come al solito perfetti, puliti, dettagliati con un uso magistrale dei chiaroscuri e dei retini. Mi è piaciuto anche se preferisco storie un po' più lunghe come “La città della luce” ai racconti brevi.

    ha scritto il 

Ordina per