Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La Mosca De La Muerte

By

Publisher: Ediciones B

3.3
(1605)

Language:Español | Number of Pages: 434 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Italian , German , Dutch , Swedish , Portuguese , Polish

Isbn-10: 8466618457 | Isbn-13: 9788466618458 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like La Mosca De La Muerte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    7/10
    Generalmente nei libri di Kay Scarpetta mi irrita Kay Scarpetta. In questo caso però, il romanzo non era soggettivo, ma in terza persona. Che ha avuto il buon senso di spaziare tra tanti personag ...continue

    7/10
    Generalmente nei libri di Kay Scarpetta mi irrita Kay Scarpetta. In questo caso però, il romanzo non era soggettivo, ma in terza persona. Che ha avuto il buon senso di spaziare tra tanti personaggi diversi, mostrando un po' di caratteristiche che in genere rimangono 'oscurate'. Purtroppo questo non salva la storia dai difetti classici: ce l'hanno tutti con Kay; Kay è bellissima e perfettissima; se non la odiano la adorano; se l'adorano cercano tutti la sua incondizionata approvazione e, soprattutto, cercano di salvarle la vita con consigli che lei disattende prontamente rischiando di farsi ammazzare.
    Alla lunga diventa noioso.
    Altra nota, il libro è scritto al presente. E a me non piace.

    said on 

  • 0

    Incipit

    La dottoressa Kay Scarpetta sposta verso la luce di una candela la provetta di vetro e osserva la larva che galleggia nell’etanolo.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/c/calliphora-patr ...continue

    La dottoressa Kay Scarpetta sposta verso la luce di una candela la provetta di vetro e osserva la larva che galleggia nell’etanolo.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/c/calliphora-patricia-cornwell/

    said on 

  • 2

    E' imbarazzante leggere un libro e non capire le intenzioni dell'autore. Così sono andato un po' in giro sul web e... in una recensione ho trovato le stesse parole che avevo intenzione di scrivere e l ...continue

    E' imbarazzante leggere un libro e non capire le intenzioni dell'autore. Così sono andato un po' in giro sul web e... in una recensione ho trovato le stesse parole che avevo intenzione di scrivere e la cosa mi ha sollevato perché ho temuto di essere diventato idiota! La calliphora è il nome scientifico delle mosche necrofaghe che ricoprono i cadaveri. Per cui ci si aspettano cadaveri ricoperti da tali bestiacce, autopsie (il forte dei libri della Cornwell), indagini e suspance. Invece, le calliphora non sono per nulla protagoniste del libro... né tutto il resto sopra elencato! Le indagini sono praticamente assenti, non c'è suspense, non c'è azione, non c'è filo logico in parecchie cose che fanno i personaggi. Si legge, ma spesso non si capisce niente, La storia si ricollega fortemente a un libro precedente e ne risulta essere il continuo che nessuno vuole leggere perché si sviluppa in modo noioso. Il finale è affrettato e non si capiscono gli avvenimenti che vi accadono. Se questo fosse stato il primo libro della Cornwell che avessi letto, difficilmente ne avrei aperto un altro scritto da lei.

    said on 

  • 2

    Benton si alza e si mette le mani in tasca. " Il passato è passato" dice. "Viviamo molte vite, Pete, e il passato è una morte, è qualcosa che è finito e non può più tornare. Andiamo avanti, ci reinves ...continue

    Benton si alza e si mette le mani in tasca. " Il passato è passato" dice. "Viviamo molte vite, Pete, e il passato è una morte, è qualcosa che è finito e non può più tornare. Andiamo avanti, ci reinvestiamo".

    said on 

  • 3

    Non è la mia Scarpetta...

    però l'ho apprezzato..ma senz'altro non è stato il mio preferito!
    Anzi direi quello che mi è piaciuto di meno... e a tratti mi sono un po' persa tra le descrizioni de la Bestia e Chandonne...
    Ovviamen ...continue

    però l'ho apprezzato..ma senz'altro non è stato il mio preferito!
    Anzi direi quello che mi è piaciuto di meno... e a tratti mi sono un po' persa tra le descrizioni de la Bestia e Chandonne...
    Ovviamente il finale è quello che ho preferito... ci speravo tanto!!!

    said on 

  • 4

    Che strano...una fine troppo frettolosa, come se l'autrice avesse esaurito le pagine accordate con la casa editrice e non avesse più spazio per scrivere. Comunque storia carina (ma devo avere gli altr ...continue

    Che strano...una fine troppo frettolosa, come se l'autrice avesse esaurito le pagine accordate con la casa editrice e non avesse più spazio per scrivere. Comunque storia carina (ma devo avere gli altri libri per capire meglio), buon ritmo, descrizioni di ambienti scarse.

    said on 

  • 3

    Kay Scarpetta is no more working at Richmond police district: after Benton's death she's close to desperation. But Lucy and Marino know Benton's alive, a protected witness. Besides, Jean Baptiste Chan ...continue

    Kay Scarpetta is no more working at Richmond police district: after Benton's death she's close to desperation. But Lucy and Marino know Benton's alive, a protected witness. Besides, Jean Baptiste Chandonne, the loup garoud, is not futureless, although in jail. In Lousiana, Chandonne family's rich in mysteries, far from been solved in this novel, which has to be continued...

    said on 

  • 3

    È impossibile, nella carriera di un detective, dimenticare il disordinato, incessante movimento delle mosche necrofaghe su un cadavere umano: uno spettacolo orribile che prima o poi un poliziotto è co ...continue

    È impossibile, nella carriera di un detective, dimenticare il disordinato, incessante movimento delle mosche necrofaghe su un cadavere umano: uno spettacolo orribile che prima o poi un poliziotto è costretto a contemplare. Adesso le mosche Calliphora potrebbero essere un lontano ricordo per Kay Scarpetta che, lasciati Richmond e l'Istituto di medicina legale della Virginia, si è trasferita a Delray Beach, in Florida: un lavoro da consulente free lance, decisamente più tranquillo. Ma gli spettri, si sa, ritornano. La strana morte in Louisiana di una ricca signora, apparentemente per overdose, ben presto mostra inquietanti collegamenti con la scomparsa di numerose donne nella zona di Baton Rouge.

    said on 

  • 3

    Un passaggio..

    Non e' un romanzo...e' un lungo capitolo di passaggio!!! Impossibile capire situazioni e personaggi se non si e' seguita l'intera saga di Kay Scarpetta, e in questo libro in particolare, non succede ...continue

    Non e' un romanzo...e' un lungo capitolo di passaggio!!! Impossibile capire situazioni e personaggi se non si e' seguita l'intera saga di Kay Scarpetta, e in questo libro in particolare, non succede nulla di collaterale o rocambolesco che sia una storia vera e propria: tutto serve solo a ricollocare i vari personaggi per il seguito!!!
    Di buono c'è che la Cornwell ha imparato a scrivere capitoli corti che invogliano nella lettura invece che appesantirla...

    said on 

Sorting by