Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La Placa del Diamant

Per

Editor: El Observador De La Actualidad

4.0
(988)

Language:Català | Number of Pàgines: 184 | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) Spanish , English , Italian , German

Isbn-10: 8429734546 | Isbn-13: 9788429734546 | Data publicació: 

També disponible com: Others , Softcover and Stapled , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like La Placa del Diamant ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Sorting by
  • 2

    Mamma che tedio.
    La narrazione con lo stream of consciousness non ha per niente aiutato (tranquilla Mercè, non l'ho apprezzata nemmeno in autori 'grandi' come la Woolf o Joyce.. Non sei tu. E' proprio la tecnica che mi mette sonno e irritazione), così come i personaggi: lei che si fa tiranneggia ...continua

    Mamma che tedio. La narrazione con lo stream of consciousness non ha per niente aiutato (tranquilla Mercè, non l'ho apprezzata nemmeno in autori 'grandi' come la Woolf o Joyce.. Non sei tu. E' proprio la tecnica che mi mette sonno e irritazione), così come i personaggi: lei che si fa tiranneggiare e trattare male dal marito deficiente che, giuro, avrei preso volentieri a sberle.

    Grande, grandissima antipatia, il resto della storia passa in terzo o quarto piano..

    dit a 

  • 4

    Possono le ultime battute di un testo cambiarne tutta la prospettiva?
    Ma andiamo per ordine.
    Questo libro è stato un accavallarsi di parole ordinarie, che descrivevano azioni banali, utili alla vita ma superflue alla prosa, una storia di guerra che non parla di Guerra bensì di fatti spicci e ...continua

    Possono le ultime battute di un testo cambiarne tutta la prospettiva? Ma andiamo per ordine. Questo libro è stato un accavallarsi di parole ordinarie, che descrivevano azioni banali, utili alla vita ma superflue alla prosa, una storia di guerra che non parla di Guerra bensì di fatti spicci e meccaniche conseguenze, motivo per cui ho sbuffato per la maggior parte del tempo, poi verso la fine due brani sono stati per me i chiavistelli buoni ad aprire la cassa di un testo la cui Potenza sta nel non dire, uno è il resoconto scarno di una vita qualunque "...lanciai un urlo d'inferno. Un urlo che dovevo portarmi dentro da molti anni, e con quell' urlo, (...) dalla bocca mi uscì un pezzetto di niente, come uno scarafaggio di saliva... e quel pezzetto di niente che mi era vissuto tanto tempo dentro era la giovinezza che fuggiva. .." e l'altro pezzo che mi ha fatto rivalutare tutto il libro è questa frase nascosta nell' ultima pagina , che se leggi in fretta manco la noti, eppure eccola la mia" Stele di Rosetta": "...e volevo dirgli tutto quel che pensavo più di quello che dico, e anche cose che non si possono dire, ma non dissi niente...". Un po mi ci sono ritrovata in questa frase, sarà per questo, chissà, che mi ha tanto colpita.

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    4

    Un capolavoro non deve per forza essere noioso...

    4 stelle allo stile
    e 4 stelle alla storia
    perché è una storia che è la vita...
    la vita di chi ci ha preceduto, ma anche di molte di noi
    la vita fatta di quotidianità, dove l'eccezionale è appunto eccezione
    e ogni giorni ci sono le solite cose che ci rotolano addosso, che ci facciamo rotolare add ...continua

    4 stelle allo stile e 4 stelle alla storia perché è una storia che è la vita... la vita di chi ci ha preceduto, ma anche di molte di noi la vita fatta di quotidianità, dove l'eccezionale è appunto eccezione e ogni giorni ci sono le solite cose che ci rotolano addosso, che ci facciamo rotolare addosso tanto da non aver spesso tempo (o anche solo voglia) di ascoltare i nostri sentimenti sentimenti che Colombetta chiude nel proprio cuore, sembra cacciare via come caccia via Pere... Colombetta che sembra quasi non provare sentimenti, fino all'urlo liberatorio - ed è solo dopo l'urlo che ci racconta che abbraccia Antoni, mettendogli un dito nell'ombelico per non lasciarlo scappare via la vita in tempo di pace - e la vita in tempo di guerra da vedova con due bambini ho pensato a mia nonna e ho finalmente potuto intuire come ha fatto a resistere alla notizia della morte del marito, che anche a lei come a Colombetta è stata portata: vivendo senza pensare, con il quotidiano dramma della fame e del dover fare... anche lei mi diceva "non ho avuto neanche il tempo per piangere, c'era tua mamma da sfamare" E poi Colombetta che torna Natàlia, e si torna a leggere il suo nome, con il droghiere della veccia.... E la casa, i figli, la nuova vita Ma ancora non ha tirato fuori il suo dolore, il suo disperato fragoroso urlo... Urlo che forse la riporterà in contatto con la parte più profonda di se stessa

    Sullo sfondo, ma non troppo, la storia della Spagna

    Restano da dire due cose: avrei giurate che rimasta vedova (o forse anche prima) finiva tra le braccia di Maure, me lo sentivo già da quando lo guardava lavorare nella sua futura cucina, invece... avrei giurato che la povera Maria aveva un ruolo fondamentale nella storia, invece...

    Anche dalla non scontatezza si distiguono i capolavori!

    Sto pensando di passarlo a 5 stelle!

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    3

    Un lungo racconto, questo, di una vita semplice, fatta di 'cose' senza pretese, di affetti gonfi di dolore, di ingenua meraviglia, una tenera vita appena tratteggiata su uno sfondo, velato, di vicende storiche importanti per la Spagna, ma poco sentite o condivise da chi deve trovare il modo di so ...continua

    Un lungo racconto, questo, di una vita semplice, fatta di 'cose' senza pretese, di affetti gonfi di dolore, di ingenua meraviglia, una tenera vita appena tratteggiata su uno sfondo, velato, di vicende storiche importanti per la Spagna, ma poco sentite o condivise da chi deve trovare il modo di sopravvivere. Al di là delle ripetitive e scontate azioni quotidiane, si percepisce la lenta crescita interiore di "Natália/Colombina" che riesce, con saggezza popolare, a porre in risalto alcuni aspetti della sua esistenza:"A casa si viveva senza parole e le cose che portavo dentro mi facevano paura perché non sapevo se erano mie...”, visto che nessuno è in grado di aiutarla, però, poiché la vita è maestra di vita, di se stessa può affermare: “senza accorgermene, pensavo a cose che mi sembrava di capire ma che non riuscivo a capire... o imparavo cose che cominciavo appena a sapere...”, ma lascia interdetti la sua amara constatazione:“E il freddo in cuore era un freddo infinito”. In una realtà in cui spesso è meglio ignorare quanto viene generato da alcuni o imposto da altri, affidando le proprie speranze ad un futuro che si sarebbe dovuto levare in volo grazie a dei 'simbolici colombi' infilatisi di prepotenza nella sua vita, questa donna/bambina si sente smarrita: “non sono io che guardo, non sono io che parlo, non sono io che vedo”, perché diviene preda di una solitudine da cui si lascia avvolgere e accarezzare per non perdersi definitivamente senza più alcun punto di riferimento, tanto da confessare a se stessa:"E avvertii forte il trascorrere del tempo...il tempo dentro di me, il tempo che non si vede e ci impasta. Quello che ruota e ruota in cuore e lo fa ruotare con sé, e ci va cambiando dentro e fuori e pazientemente ci va riducendo come saremo l’ultimo giorno.”. Ma arriva sempre il momento in cui la vita presenta a tutti il conto e chiede anche a lei il suo personale 'redde rationem' che finalmente emerge dal profondo della sua anima ora consapevole della sua compiuta evoluzione:“e quel pezzetto di niente che mi era vissuto tanto tempo dentro era la mia giovinezza che fuggiva con un urlo che non sapevo bene cosa fosse... distacco?”, una catarsi dolorosa ma necessaria per cominciare, forse, a vivere in serenità.

    Per tutti noi un invito a riflettere:“...le vite intrecciate tra loro si azzuffano e ci tormentano, e noi non ne sappiamo niente”.

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    3

    Un libro che promette bene dalla premessa…

    Ma che non decolla. Mi sa che qui sarò una voce fuori dal coro: a me il libro non è piaciuto. Già l’inizio è fiacco ma sembra migliorare grazie alla presenza di Quimet, che sembra delinearsi come marito padrone e che sembra vesserà la povera Natàlia… L’unico personaggio partito bene viene castrat ...continua

    Ma che non decolla. Mi sa che qui sarò una voce fuori dal coro: a me il libro non è piaciuto. Già l’inizio è fiacco ma sembra migliorare grazie alla presenza di Quimet, che sembra delinearsi come marito padrone e che sembra vesserà la povera Natàlia… L’unico personaggio partito bene viene castrato brutalmente nella personalità e non si dimostrerà il salvatore del romanzo. Natàlia non decolla, come il romanzo: si rivela già dal principio un personaggio scialbo e ripetitivo (intendo ripetitivo nel senso dei pensieri, badate bene, basta solo leggere il primo capitolo e capirete benissimo). Avrebbe potuto avere un ottimo sviluppo grazie a Quimet: ma non solo non ci si avvale di quella che sembra la svolta del romanzo (ovvero maltrattamenti dal marito) ma non viene neanche sviluppata la vita familiare; siamo a conoscenza dell’ammazzarsi di lavoro di Natàlia dovuta ai sogni pennuti di Quimet, ma nulla più. La svolta: Quimet, in guerra civile, muore e Natàlia decide di farla finita e di uccidersi insieme ai suoi due figli…. Ooohh! Eh no, la svolta viene brutalmente eliminata: c’è il droghiere che ti risolve il tutto! Il libro si profila piatto, non per mancanza di contenuti (una vita familiare che fa acqua, la guerra civile, la povertà) ma per tipo di scrittura che risulta a volte piatta e senza enfasi. Insomma, nel complesso un romanzo con ottime potenzialità ma che a mio avviso non parte.

    dit a 

  • 5

    "Piazza del Diamante" è un piccolo capolavoro della letteratura ispanica. La marrazione si dipana fluida e ogni parola è un vero e proprio cesello. Lo stile della parola ripetuta adottato dalla Rodoreda non diventa mai retortica nè appesantimento della narrazione. Una storia avventurosa che si di ...continua

    "Piazza del Diamante" è un piccolo capolavoro della letteratura ispanica. La marrazione si dipana fluida e ogni parola è un vero e proprio cesello. Lo stile della parola ripetuta adottato dalla Rodoreda non diventa mai retortica nè appesantimento della narrazione. Una storia avventurosa che si dipana nella Spagha franchista e negli anni della guerra civile. Dolore, morte, miseria, umilazione non lasciano mai spazio alla commmiserazione ma il racconto asciutto e sicuro da solennità a una vicenda umana di grande spessore.

    dit a 

  • 0

    Devo ancora iniziarlo.............

    E' il libro del mese del circolo dei lettori cui appartengo..........e adesso chi glielo dice che la letteratura sudamericana, femminile in particolarmodo, mi fa venire l'orticaria???? Gentili anobiani datemi un motivo valido per cominciare, ve ne prego!

    dit a 

  • 5

    Difficilmente, dai tempi di Cent’anni di solitudine e L’amore ai tempi del colera mi era capitato tra le mani un autore (in questo caso autrice) che usasse talentuosamente la parola per raccontare con sapienza le luci, i colori e il vitalismo della letteratura ispanico-sudamericana. Ci erano rius ...continua

    Difficilmente, dai tempi di Cent’anni di solitudine e L’amore ai tempi del colera mi era capitato tra le mani un autore (in questo caso autrice) che usasse talentuosamente la parola per raccontare con sapienza le luci, i colori e il vitalismo della letteratura ispanico-sudamericana. Ci erano riusciti Sandra Cisneros col suo Caramelo ed Heloneida Studart col suo irripetibile La libertà è un passero blu. Ebbene, La piazza del diamante, consiglio prezioso come il titolo che porta, è senz’altro un libro degno di avvicinarsi a questa piccola casta: non a caso, a tesserne le lodi, è proprio in copertina Márquez stesso, descrivendolo come «il romanzo più bello che sia stato mai pubblicato in Spagna dopo la guerra civile».

    [Continua su Leciliegieparlano: http://leciliegieparlano.tumblr.com/post/80406264310/difficilmente-dai-tempi-di-centanni-di]

    dit a 

  • 4

    Natalia racconta parte della sua vita con una scrittura sgangherata e un po' sgrammaticata. I suoi anni della giovinezza, e l'incontro con colui che diventarà suo marito. Tanta vita che le scorre addosso, che a volte quasi subisce e nn si sposta. Poi gli anni di guerra, il marito che si allontana ...continua

    Natalia racconta parte della sua vita con una scrittura sgangherata e un po' sgrammaticata. I suoi anni della giovinezza, e l'incontro con colui che diventarà suo marito. Tanta vita che le scorre addosso, che a volte quasi subisce e nn si sposta. Poi gli anni di guerra, il marito che si allontana per combattere e lei che intraprendente si reinventa, e fa di tutto per sopravvivere e per mantenere i figli

    dit a 

  • 0

    No. non l'ho finito. Ma non l'ho etichettato come "non finito" perchè altrimenti sarebbe subito stato aNobianamente relegato nel cimitero degli elefanti, ed io invece voglio dire perchè 'sto libro non l'ho finito.


    Trovarmi davanti ad appena poche pagine dall'inizio una roba (immagino v ...continua

    No. non l'ho finito. Ma non l'ho etichettato come "non finito" perchè altrimenti sarebbe subito stato aNobianamente relegato nel cimitero degli elefanti, ed io invece voglio dire perchè 'sto libro non l'ho finito.

    Trovarmi davanti ad appena poche pagine dall'inizio una roba (immagino volesse essere una metafora) del tipo "scarpe come un sorso di latte" per descrivere le scarpette bianche che la giovinotta indossa già mi aveva stesa, ma con sprezzo del pericolo e delle sinistre previsioni ho impavidamente continuato (questo è un libro cult, mi sono detta, e chi sono io per... etc. etc.).

    Ma alla quarta-quinta volta che nel giro di solo due o tre pagine ho letto "mia madre era morta" ho pensato che

    1) nemmeno un elastico di sottoveste troppo stretto mi avrebbe impedito di darmela a gambe da un libro così.

    2) non basta scrivere a come viene viene per poter dire "ah., il flusso di coscienza". E sperare di potersela cavare.

    (tralascio il plot, facile terreno di pascolo per vetero, proto e post e neo femministe)

    3) solo due o tre persone al mondo possono osare queste cose e nonostante tutto riuscire a farne capolavori. L'autrice di "La piazza del Diamante" non è tra queste.Mi dispiace, ma non è tra queste.

    ...E cmq: questo libro è considerato un capolavoro e un cult, e sicuramente sono io che non sono all'altezza (chi sono io per... etc. etc... refrain)

    Voi leggetelo, leggetelo. Magari vi piacerà.

    dit a 

Sorting by