Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La Plaisanterie

By

Editeur: Gallimard

4.0
(2272)

Language:Français | Number of pages: 480 | Format: Mass Market Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi simplified , Chi traditional , German , Italian , Czech , Spanish , Catalan , Dutch , Japanese , Latvian

Isbn-10: 2070366383 | Isbn-13: 9782070366385 | Publish date: 

Translator: Marcel Aymonin ; Afterword: François Ricard

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Medicine , Philosophy

Aimez-vous La Plaisanterie ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 2

    LETTURA COLLETTIVA (GRUPPO OMONIMO) DI FEBBRAIO 2015 consigliato da POLLAPOLLINA

    Ammetto che ho faticato a finire questo libro e se non avessi dovuto portare a termine una sfida sicuramente l'avrei abbandonato.....
    Anche questo secondo tentativo (il primo lo avevo fatto con "L'ins ...continuer

    Ammetto che ho faticato a finire questo libro e se non avessi dovuto portare a termine una sfida sicuramente l'avrei abbandonato.....
    Anche questo secondo tentativo (il primo lo avevo fatto con "L'insostenibile leggerezza dell'essere") quindi, non e' andato a buon fine:lo stile di questo autore non riesce a coinvolgermi, fatico a leggere e concentrarmi sulle pagine e non riesco ad immedesimarmi con i personaggi.....
    Non credo che leggerò altro di questo autore.......

    dit le 

  • 4

    Con la sua comprovata maestria Kundera inventa una trama per raccontarci quanto sia inefficace l'odio e il rancore, e quanto esso conduca all'errore e a compiere del male peggiore - ma inutile - rispe ...continuer

    Con la sua comprovata maestria Kundera inventa una trama per raccontarci quanto sia inefficace l'odio e il rancore, e quanto esso conduca all'errore e a compiere del male peggiore - ma inutile - rispetto a quello subìto.
    Altri temi splendidamente trattati sono quelli - già presenti in altre sue opere - dello scolorire delle ideologie e della loro inadeguatezza nel fornire risposte certe all'uomo, e del terribile inganno che può nascondersi dietro ogni apparente certezza o sentimento estremo: il ridicolo e la disillusione sono sempre in agguato.
    Lo stile è il suo, inequivocabile, ed è probabilmente il romanzo adatto per chi non lo ha mai letto e non sa con quale iniziare.

    dit le 

  • 3

    LA VENDETTA É FONTE DI DOLORE E NON DI GIUSTIZIA

    Questo libro è una picocla svolta, insegna che cambiare non è male e che spesso è un bene e che necessario disfassiri delle zavorre che ci avvelenano l'anima; insegna che la vendetta è fonte di dolre ...continuer

    Questo libro è una picocla svolta, insegna che cambiare non è male e che spesso è un bene e che necessario disfassiri delle zavorre che ci avvelenano l'anima; insegna che la vendetta è fonte di dolre e non di giustizia e che alle volte può ritorcersi contro noi stessi. Peccato per le tante scene di sesso (anche se attinenti con il racconto) poteva essere un libro da 5 stelle!

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    "Perchè Lucie [...] era in realtà la dea della fuga, la dea della rincorsa vana, la dea delle brume; e ancora tiene la mia testa nelle sue mani."

    Lucie e l'incompreso scherzo di cui Ludvìk si è reso protagonista da studente sono le due condanne del protagonista: la prima, così impalpabile eppure così concreta; il secondo, così privo di importan ...continuer

    Lucie e l'incompreso scherzo di cui Ludvìk si è reso protagonista da studente sono le due condanne del protagonista: la prima, così impalpabile eppure così concreta; il secondo, così privo di importanza ma in realtà così determinante. Il passato di Ludvìk è per lui ancora il presente ma la vendetta che attua risulta inutile e dannosa: il passato rimane passato agli occhi di tutti tranne che ai suoi, ancora ancorati al pensiero di Lucie, di quell'unica donna amata e mai pienamente conosciuta; tutto ciò che resta è il ricordo, non solo di lei ma anche degli anni felici prima di quel fantomatico scherzo che ha rovinato la vita di Ludvìk.

    dit le 

  • 4

    La vendetta è un piatto che va servito caldo.
    La vendetta è un piatto che va servito tiepido.
    La vendetta è un piatto che va servito freddo.
    La vendetta è un piatto che va servito.
    E serviamola 'sta v ...continuer

    La vendetta è un piatto che va servito caldo.
    La vendetta è un piatto che va servito tiepido.
    La vendetta è un piatto che va servito freddo.
    La vendetta è un piatto che va servito.
    E serviamola 'sta vendetta!
    Solo che a volte il piatto cade nel tragitto tra cucina e tavolo.

    dit le 

  • 5

    Romanzo dal sapore agrodolce, che si sviluppa dalle trame di uno scherzo riuscito decisamente male, è un esordio di impensabile bravura, spirito ed ironia.
    Una semplice bravata che cambia la vita di u ...continuer

    Romanzo dal sapore agrodolce, che si sviluppa dalle trame di uno scherzo riuscito decisamente male, è un esordio di impensabile bravura, spirito ed ironia.
    Una semplice bravata che cambia la vita di un uomo per sempre e un contorno di personaggi che vi ruotano attorno. Questo è Kundera.

    Per la mia recensione completa cliccate qui: http://ildilemmadelporcospino.wordpress.com/2014/03/10/lunedi-narrativa-lo-scherzo/

    dit le 

Sorting by