Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La Regina dei Caraibi

Di

Editore: Mondadori (I grandi romanzi di Emilio Salgari, 4)

3.9
(329)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 352 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Mario Spagnol

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Science & Nature , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace La Regina dei Caraibi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Edizione speciale non vendibile separatamente dai periodici del Gruppo Mondadori.
Ordina per
  • 3

    un po' troppo simile a "il corsaro nero", per i miei gusti, da cui si scosta solo per un maggiore sentimentalismo. comunque, di sicuro dà un bel po' di ore piacevoli di azione caraibica.

    ha scritto il 

  • 3

    Inferiore al primo classico del Corsaro Nero. Le avventure e le emozioni si susseguono ma hanno perso di brio rispetto al primo libro. E la fine sembra quasi dovuto alla stanchezza dell'autore di scrivere, frettoloso e molto deludente. Procede in maniera più stancante e lenta rispetto al più brio ...continua

    Inferiore al primo classico del Corsaro Nero. Le avventure e le emozioni si susseguono ma hanno perso di brio rispetto al primo libro. E la fine sembra quasi dovuto alla stanchezza dell'autore di scrivere, frettoloso e molto deludente. Procede in maniera più stancante e lenta rispetto al più brioso e allegro Corsaro Nero.

    ha scritto il 

  • 4

    Come il precedente, è carino, ma stavolta a disturbarmi sono stati i gesti eccessivi, i vari singulti, movimenti delle braccia, le facce stravolte che veri esseri umani non faranno mai. Insomma, mi è sembrato tutto molto teatrale, e questa per me è una pecca. Lo so, voglio troppo!!

    ha scritto il 

  • 3

    Emilio Salgari, La Regina dei Caraibi

    Ancora un romanzo di azione e di avventura. Secondo volume della serie I Corsari delle Antille, segue l'opera Il Corsaro Nero e precede Jolanda, la figlia del Corsaro Nero. Protagonista è ancora il signore di Ventimiglia (Il Corsaro Nero) e gli uomini più fidati della sua nave La Folgore. Continu ...continua

    Ancora un romanzo di azione e di avventura. Secondo volume della serie I Corsari delle Antille, segue l'opera Il Corsaro Nero e precede Jolanda, la figlia del Corsaro Nero. Protagonista è ancora il signore di Ventimiglia (Il Corsaro Nero) e gli uomini più fidati della sua nave La Folgore. Continua la ricerca della vendetta nei confronti dell'assassino dei tre fratelli del Corsaro Nero, il duca Van Guld. Ma il Corsaro questa volta è anche tormentato dal rimorso per avere abbandonato in marel'amata Honorata Van Guld, figlia del duca. Anche in questo romanzo si alternano descrizioni di battaglie e di inseguimenti a momenti di riflessione. Ancora una volta sono in primo piano la forza della natura, le paludi, le foreste, il mare. Gli ultimi capitoli riservano un finale inatteso, pur se frettoloso, che sembrerebbe chiudere tutta la storia del grande corsaro.Ma in realtà, pur se con diverse sembianze, le avventure continueranno.

    ha scritto il 

  • 0

    Un romanzo molto interessante. Appassionante la storia travagliata tra il Corsaro Nero e la fiamminga Honorada che fa da sfondo al viaggio del protagonista: un eroe malinconico ma forte, generoso e capace di fare scelte difficili e di affrontare situazioni sfavorevoli.

    ha scritto il 

  • 4

    Che gusto tornare a una scrittura ottocentesca, più da fotoromanzo che da romanzo vero e proprio! I toni forti delle battute dei personaggi, i trucchi più scoppiettanti nella narrazione, i sentimenti totali come l'odio e la vendetta, e dall'altra parte l'amore e la sete di giustizia. Mi ha poi co ...continua

    Che gusto tornare a una scrittura ottocentesca, più da fotoromanzo che da romanzo vero e proprio! I toni forti delle battute dei personaggi, i trucchi più scoppiettanti nella narrazione, i sentimenti totali come l'odio e la vendetta, e dall'altra parte l'amore e la sete di giustizia. Mi ha poi colpito che Salgari spesso si intrattenga in descrizioni degli ambienti e delle usanze dei popoli caraibici, come se sapesse di dover soddisfare l'interesse geografico e antropologico di lettori per i quali i Caraibi erano non più che leggenda. Divertente!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Sinceramente un po' una delusione.
    Bellissimo Il corsaro nero.
    Questo seguito invece l'ho trovato un po' troppo "romantico" e poco credibile.
    Con il Corsaro che si strugge d'amore per la sua donna perduta, i crudeli filibustieri che lo trattano con sussiego, tutti i peggiori capitani dei mari ch ...continua

    Sinceramente un po' una delusione. Bellissimo Il corsaro nero. Questo seguito invece l'ho trovato un po' troppo "romantico" e poco credibile. Con il Corsaro che si strugge d'amore per la sua donna perduta, i crudeli filibustieri che lo trattano con sussiego, tutti i peggiori capitani dei mari che si sperticano per cercare di aiutarlo nel compiere la sua vendetta. A questo si aggiungono pagine e pagine di descrizioni di terre e animali esotici, ricerche di cibo, caccie roccambolesche e a volte comiche, il tutto a discapito della storia e dell'intreccio.

    ha scritto il 

  • 3

    Ripetitivo

    Il libro è parte della serie "Pirati delle Antille", è il seguito de "Il Corsaro Nero". L'azione non manca ma le situazioni si ripetono rispetto al ben più famoso predecessore e tutto sembra un po' già letto. Indispensabile solo per chi vuole proprio sapere come va a finire con Wan Guld, il Conte ...continua

    Il libro è parte della serie "Pirati delle Antille", è il seguito de "Il Corsaro Nero". L'azione non manca ma le situazioni si ripetono rispetto al ben più famoso predecessore e tutto sembra un po' già letto. Indispensabile solo per chi vuole proprio sapere come va a finire con Wan Guld, il Conte di Ventimiglia e la bella fiamminga.

    ha scritto il 

  • 5

    La regina dei Caraibi

    Seguito de "Il Corsaro Nero","La regina dei Caraibi" è un romanzo la cui storia, come del resto quella degli altri quattro romanzi che compongono il ciclo, mi ricorda quella di Sandokan, altro eroe malese creato dall'infinita fantasia di Salgari. Ho intenzione di leggere tutti i suoi libri perchè ...continua

    Seguito de "Il Corsaro Nero","La regina dei Caraibi" è un romanzo la cui storia, come del resto quella degli altri quattro romanzi che compongono il ciclo, mi ricorda quella di Sandokan, altro eroe malese creato dall'infinita fantasia di Salgari. Ho intenzione di leggere tutti i suoi libri perchè il suo modo di scrivere mi appassiona: infatti, non avrebbe potuto dare una descrizione più appropriata dei suoi personaggi. Questo romanzo è avvincente e le descrizioni sono dettagliate fin nei minimi particolari: in poche parole mi è piaciuto tutto.

    ha scritto il 

  • 0

    Coinvolto dal centenario della morte di Salgari, ho deciso di provare questo romanzo. Che dire, si vede che appartiene a un'altra epoca. É di un'ingenuità a tratti imbarazzante: il Corsaro Nero impavido guerriero che però puntualmente si mette le mani sugli occhi e si sente mancare ogni volta che ...continua

    Coinvolto dal centenario della morte di Salgari, ho deciso di provare questo romanzo. Che dire, si vede che appartiene a un'altra epoca. É di un'ingenuità a tratti imbarazzante: il Corsaro Nero impavido guerriero che però puntualmente si mette le mani sugli occhi e si sente mancare ogni volta che qualcuno nomina i fratelli, Wan Gould così cattivo che più cattivo non si può. Senza contare i contenuti didattici, per cui il narratore fornisce spesso dettagli storici dell'epoca, e contemporaneamente il Corsaro Nero, Moko e i suoi amici si spiegano l'uno con l'altro le caratteristiche della flora e della fauna locale con dettagli da consumato esperto di botanica ed etologia. Anche il linguaggio appare datato, e piuttosto lineare. Un libro per ragazzi, semplicemente. Per noi adulti smaliziati ci può essere solo la curiosità di leggere ciò che piaceva ai nostri trisnonni.

    ha scritto il